don Juan de Marco

Il personaggio di Don Juan nel film DON JUAN DE MARCO MAESTRO D’AMORE (Jeremy Level, USA 1995) è il sogno di un ragazzo di fare l’amore con 1502 donne. Su Terra1 con “fare l’amore con 1502 donne” s’intende “fare sesso con 1502 donne”, ma su Terra2 s’intende “portare all’orgasmo con carezze e baci 1502 donne”, facendo sesso con qualcuna di loro ma certo non con tutte (in questo film con due di loro). Cosa faccia esattamente Don Juan con le 1500 donne dell’harem del sultano non è mostrato, mentre è mostrata la soddisfazione delle donne coinvolte. Ciò lascia spazio alla versione Terra2 di tali incontri d’amore, che quando avvengono con un’amica prevedono sì il portarla all’orgasmo ma senza farci sesso se lei è sposata o comunque impegnata. Tale film è qui per dire che la possibilità di amare migliaia di donne, che su Terra1 è solo  un sogno maschile, su Terra2 diventa una splendida realtà. Subito dopo aver imparato che il piacere non è il figlio del sesso fatto ma del sesso che si desidera di fare.

GUARDA IL FILM
INDICE DEL RIASSUNTO DEL FILM COI MIEI COMMENTI

APPROFONDIMENTI

INDICE DEL RIASSUNTO DEL FILM COI MIEI COMMENTI


GUARDA IL FILM

Fonte: vk.com


|<= 1 – Ultima conquista

Sulla copertina di questo libro scolorito dal tempo si parla di un Don Juan burlatore di Siviglia.

Un giovane spruzza del profumo sulle sue mani, infila al dito un anello, guarda i polsini della sua camicia dove sono raffigurate due spade, mette i guanti e poi prende con le mani una maschera nera.

Giovane: – Mi chiamo Don Juan de Marco, sono il figlio del grande spadaccino Antonio Garibaldi de Marco che è stato tragicamente ucciso per difendere l’onore di mia madre, la muy hermosa doña Inesa Santiago Isa Martin. Io sono il più grande amante del mondo.


  • Quello di essere Don Juan è il sogno di un ragazzo che dopo aver letto il libro mostrato all’inizio ha deciso di sognarsi nei panni di Don Juan.
  • Ciò che possiamo sognare oggi potrebbe diventare reale domani, però, per cui considerare reale quello che vediamo non è un fuggire dal mondo di oggi ma un ipotizzare il mondo in cui vorremmo vivere domani.

Don Juan: – Ho fatto l’amore con più di mille donne (le donne sedute al bar applaudono al suo passaggio). Ho compiuto 21 anni martedì scorso.


  • Su Terra2 “fare l’amore con 1502 donne” non significa “fare sesso con 1502 donne” ma “portare all’orgasmo con carezze e baci 1502 donne.
  • Ci sono due Don Juan possibili, quello di Terra1 (un sogno destinato a restare tale) che fa sesso con 1502 donne, e quello di Terra2, che invece non è un sogno ma la normalità quotidiana di tutti gli uomini, che fanno sesso con poche donne ma vivono l’amicizia con amore con molte centinaia di donne.
  • Sia il Don Juan immaginario di Terra1 che quello reale di Terra2 amano tutte le donne belle che incontrano e ogni donna che lo incontra lo capisce dal non verbale. Ma la reazione di una donna desiderata su Terra1 è, 999 volte su 1000, quella di dire “io no, non ti desidero”, mentre su Terra2 il desiderio è sempre ricambiato (come succede qui, visto che tutte le donne lo applaudono) e proprio perché questo desiderio ricambiato arriva raramente al sesso fatto.

Portiere (di un albergo con ristorante, facendo un inchino): – Buona sera, signore.
Don Juan (ricambiando l’inchino): – Buenas tardes, Nicholas.

Don Juan (guardando una donna che telefona al suo compagno che si fa attendere): – Nessuna donna ha mai lasciato le mie braccia insoddisfatta. Solo una mi ha rifiutato. E come vuole la sorte, è l’unica che abbia mai contato per me. Ecco perché, all’età di 21 anni, mi sono determinato a porre fine alla mia vita. Ma prima un’ultima conquista.


  • Su Terra1 Don Juan deve suicidarsi perché non può diventare reale, ma su Terra2 non si suicida affatto perché è considerato lecito e meritorio offrire amore a una donna che al momento non lo sta ricevendo dal suo compagno, occupato altrove.

Don Juan: – Puedo?
Donna: – In effetti sto aspettando un amico. È stato trattenuto, ma sarà qui tra poco.
DJ. (sedendosi): – Svanirò al suo arrivo. Io soy Don Juan.
D. (ridendo): – È molto divertente. C’è una festa in costume in albergo?
DJ.: – No, io sono Don Juan. Il diretto discendente della nobile famiglia spagnola.
D.: – E seduce le donne, vero?
DJ.: – No, io non approfitto mai di una donna. Dono alle donne il piacere… se lo desiderano. E va da se che è il più grande piacere che potranno mai provare.

A lei cade la forchetta sul piatto ed è un “si” alla proposta di lui.


  • Offrire amore a questa sconosciuta significa proporle di fare un sogno nel quale lei è la donna dei sogni di lui e lui è l’uomo dei sogni di lei, e quindi entrambi desiderano fare sesso ma senza farlo perché il sogno non va confuso con la realtà e deve svanire quando arriverà il compagno di lei.
  • A tale condizione l’amore temporaneo di Don Juan va ad aggiungersi all’amore a lungo termine del compagno, mentre se  facessero sesso lui prenderebbe il posto dell’attuale compagno di lei.

Don Juan: – Ci sono alcune donne, dall’aspetto incantevole, con una certa qualità di capelli. La curva delle orecchie che si prolunga come la rotondità di una conchiglia. (Prendendo la mano di lei) Queste donne hanno le dita sensibili come le loro gambe. I polpastrelli provano le stesse sensazioni dei loro piedi. E quando tocchi le loro nocche è come passare le tue mani sulle loro ginocchia. Toccare questa tenera, carnosa parte delle dita equivale a sfiorare con le mani le loro cosce.

Lei chiude gli occhi (mettendosi a sognare anche lei) e si sente un sospiro di piacere (perché sognare cose piacevoli è piacevole).


  • Lui parla da persona incantata dalle specificità della donna che ha davanti e non sono bugie perché lei in quel momento ha, nel sogno di lui, tutte le qualità che lui desidera.
  • Anche se lui non dicesse nulla, però, il momento sarebbe magico, perché la magia la mette il sogno e le parole con le quali viene raccontato sono l’effetto e non la causa del sogno.
  • Ogni parte del corpo di una donna desiderata contiene per intero la magia attribuita a lei, perché permette di continuare quel sogno.
  • Lui non nasconde di sognare di accarezzare le cosce di lei perché su Terra2 accarezzare le cosce non implica fare sesso, e anche se contiene per intero il desiderio di farlo non è tradimento perché è un sogno e un sogno per un domani lontano anni che lascia al compagno di oggi tutto lo spazio che vuole.

La chiave ci dice che sono andati in una camera di quell’albergo e vediamo lui accarezzare la donna prima davanti e poi dietro e baciarla.
Don Juan: – Ogni donna è un mistero da risolvere, ma una donna non cela nulla a un vero amante. È il colore della sua pelle a dirci come procedere. Se ha l’incarnato come quello di una rosa, pallido e vermiglio, deve essere persuasa ad aprire i suoi petali con lo stesso calore del sole. La pelle chiara e screziata di una rossa richiede la lussuria di un’onda che si infrange sulla spiaggia. In modo da scuotere ciò che giace nascosto e portare in superficie la spumeggiante delizia dell’amore. […] Mi chiedo: “uno stradivari prova la stessa estasi del violinista quando questi gli carpisce una singola nota perfetta?”

La donna urla dal piacere.


  • Il sesso non vediamo farlo e anche se su Terra1 viene fatto (purtroppo non solo per il compagno di lei ma anche per loro due perché uccide il desiderio di fare sesso che è la vera fonte del piacere), su Terra2 non verrebbe fatto.
  • Il segreto di Terra2 è tutto in questo sesso non fatto, ma facendo tutto il resto e con lo stesso piacere di chi si appresta a fare sesso, perché autorizza ad amare tutte le donne che si desidera amare, senza danneggiare le loro relazioni attuali ma anzi rivitalizzandole.
  • La domanda finale è una benedizione radicale all’amore senza sesso, chiedendosi se il piacere di lei che l’orgasmo lo vive sia altrettanto forte di quello di lui che glielo dà, evidentemente dato per scontato.

L’urlo di piacere diventa musica sulle labbra di Selena [una tra le più popolari e influenti icone musicali ispaniche di ogni tempo], mentre la donna ritorna ballando dalla contentezza nella sala pranzo.
Don Juan (baciando la mano di lei): – Muchas gracias, señorita.
Pensieri di Don Juan: – Ogni vero amante sa che il momento di maggior soddisfazione giunge quando l’estasi si è placata ed egli mira davanti a se il fiore che è sbocciato grazie al suo tocco.

Mentre Don Juan si allontana, il compagno della donna in ritardo alla cena si avvicina.


  • Sottolineo “grazie al suo tocco”, perché sono le carezze fisiche e mentali a portare all’orgasmo lei e non il sesso fatto, con l’orgasmo di lei che è anche l’orgasmo di lui e non c’è nulla di più importante di questo per capire ogni relazione positiva e l’amore positivo in particolare.
  • Ok, il Don Juan del film il sesso ce l’ha fatto e ce lo dice il suo andar via quando il compagno della donna arriva, perché su Terra2 sarebbe rimasto e il compagno di lei lo avrebbe ringraziato per aver sognato insieme alla sua compagna e averla fatta sognare.
  • L’amore con sesso desiderato ma non fatto è additivo e amico degli altri amori, mentre quello col sesso fatto esclude gli altri amori, con la non piccola conseguenza che non trova spazio nella vita reale ed è costretto a restare un sogno.
  • L’amore col sesso fatto lo conoscete, ma ora provate quello senza sesso e conoscerete Terra2.

Compagno di lei (baciandola sulla fronte): – Scusa il ritardo, cara. Sai, gli affari. Hai cominciato senza di me, spero.
Nel frattempo Don Juan dà la mano ad un uomo sorridente e si congeda dalla donna, che è tornata a guardarlo, con un inchino.

Don Juan (uscendo): – Ebbene, ora devo morire.


  • Ora Don Juan deve morire perché ci ha fatto sesso, ma su Terra2 ora berrebbe champagne insieme alla donna e al suo compagno, felice di trovare una donna felice al suo arrivo non meno di quanto è stato felice per averla portata all’orgasmo il Don Juan di Terra2.
  • La grande vittima del sesso fatto obbligatorio in ogni incontro d’amore non è però l’amante occasionale ma il matrimonio, che diventa una prigione senza amore e senza piacere.
  • Se le prigioni vi piacciono, il sesso fatelo e il mondo sarà proprio come quello che conoscete.

|<= 2 – Un uomo paziente

Sirene della polizia e folla che urla, mentre Don Juan minaccia di suicidarsi camminando sopra ad un tabellone che fa pubblicità alle spiagge di un’isola, con una ragazza che indossa una maschera come la sua, mentre la scritta dice “smaschera il mistero”.

Poliziotto: – Ti vuoi decidere a scendere o no?


  • Il mistero è quello di un mondo che potrebbe vivere un amore dove tutti sono felici e invece preferisce l’amore dove tutti sono infelici.
  • L’amore infelice è quello in cui amare è sinonimo di fare sesso, col risultato che lei non può accettare amore da tutti gli uomini a cui piace e non può accettare che il suo compagno ami tutte le donne che gli piacciono.
  • Dal Paradiso terrestre gli umani non sono stati cacciati ma sono usciti per scelta e possono tornarci in qualsiasi momento, se solo lo volessero i loro sistemi emozionali, ovvero i loro cuori.

Commissario della polizia (allo psichiatra Jack Mickler): – Buonasera Jack.
Jack: – Come va, vecchio? Sai che hai messo su qualche chilo?
C.: – Beh, ecco, io. È che tu e io andiamo dallo stesso pasticciere. Scusa se ti ho fatto uscire di notte, ma questa è una faccenda solo per super strizzacervelli. Questo saltatore è un osso duro, lasciatelo dire.
J.: – Che costume è?
C.: – È Don Juan. Desidera porre fine alla sua esistenza in gloria. Vuole che noi gli mandiamo i nostri migliori spadaccini, per battersi con lui. Preferibilmente Don Francisco da Silva.
J. (salendo col carrello elevatore): – Sei certo che Freud ha iniziato così?

C.: – Io che ne so, sono solo uno stupido sbirro. Lo strizzacervelli sei tu.


  • Una donna grassa è sicuramente una donna negativa, perché essere grassa è una scelta e di sicuro non è una scelta fatta per piacere, e la grassezza dello psichiatra lo qualifica come negativo, cosa di cui in ogni caso non potevamo dubitare visto che la psichiatria e la psicologia attuale sono schierate a difesa della negatività delle persone.
  • Il saltatore è un caso irrisolvibile su una terra dove l’infelicità è l’altra faccia dell’amore perché l’amore è negativo, ma su Terra2 sarebbe ancora a brindare insieme alla donna di prima e al suo compagno e lo psichiatra sarebbe condannato a stare a casa con la moglie.
  • Si, Freud ha cominciato così, andando in soccorso di donne che accusavano malattie che non avevano e dando la colpa delle loro sofferenze per scelta ai genitori, ma la negatività in amore è ben più antica di Freud e anche della religione cristiana.








|<= 3 – Maestro d’amore







|<= 4 – Delirio?











|<= 5 – Chi sono io?







|<= 6 – Doña Julia


|<= FINE RIASSUNTO e INIZIO APPROFONDIMENTI

|<=


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *