ghost academy

GHOST ACADEMY Javier Ruiz Caldera, Spagna 2012) è uno di quei film magici dove ogni cosa che viene mostrata è semplicemente perfetta, se supponiamo che il suo scopo fosse quello di raccontare come lavora il cervello dietro. Nonostante tratti un argomento anche più doloroso dell’amore negativo per le molte famiglie i cui figli vivono la scuola negativamente, è un film estremamente allegro dal primo all’ultimo minuto. Dopo di che quello che sembrava molto difficile da dire (per esempio il fatto che il cervello impiega vent’anni per realizzare i suoi sogni o quello che succede quando un progetto finisce raggiungendo il suo scopo) diventa improvvisamente facile e anche se bisogna aspettare l’ultima scena per apprezzare la prima scena, alla fine il messaggio è chiaro come il sole (se lo si sa leggere e se si desidera di leggerlo, naturalmente). Per fortuna sua (del film) e nostra (degli spettatori) perché, ripeto, l’argomento figli a scuola è decisamente scabroso. Ma ora lascio la parola al film, dandovi appuntamento al mio commento (che prima o poi farò in forma completa perché il film merita il massimo dell’attenzione):  =>COMMENTO MIRATO

VEDERE IL FILM

Fonte: Firedrive by cineblog [GHOST ACADEMY,  Javier Ruiz Caldera, Spagna 2012, 88′ (tFMMCs)]


|<= COMMENTO MIRATO AL FILM =>Approfondimenti

|<= 1 – Titoli iniziali




|<= d1<=  FINE COMMENTO MIRATO e inizio APPROFONDIMENTI


 


|<=

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *