vjay il mio amico i.

VIJAY – IL MIO AMICO INDIANO ( Sam Garbarski, Belgio 2013) non è stato molto apprezzato da critica e pubblico (voto medio 4.9 su 10) ma racconta (e a prima vista anche molto bene) la cosa più importante del cervello umano, almeno secondo il mio modello di esso. Ovvero che una persona può “morire”  lasciando il posto ad una persona nuova, che fa e pensa cose diverse perché utilizza una nuova struttura cerebrale (una nuova personalità neurologica, secondo la mia terminologia, e l’ho chiamata personalità proprio perché adottando la nuova struttura il soggetto acquista una nuova personalità, diventando a tutti gli effetti un’altra persona anche se il corpo è quello di prima). L’importanza straordinaria di questa capacità del cervello umano di cambiare se stesso rende questo film di straordinaria importanza, ai fini di quella comprensione del comportamento umano tanto malvista sulla terra attuale quanto importante su quella terra di domani che sto chiamando Terra2. (Dopo il riferimento a questo film fatto in questo mio commento, penso che mi deciderò a cominciare il mio commento a questo film; nel frattempo potete ascoltare la  diapositiva qui sotto – contenente anche 4 belle canzoni di Celine Dion – , che ha 14 anni ma non li dimostra e che non a caso era la dia più importante del file “La bellezza delle donne spiegata a mio figlio”; e visto che siamo su Terra1 non dovrebbe meravigliarvi che mio figlio non abbia mai voluto ascoltarla, almeno che io sappia)  =>COMMENTO

VEDERE IL FILM

Fonte: NowVideo by cineblog [VIJAY – IL MIO AMICO INDIANO, Sam Garbarski, Belgio 2013, 96′, 4.9* (tF –  MMCs)]


|<= COMMENTO MIRATO AL FILM =>Approfondimenti

|<= 1 – Titoli iniziali




|<= d1<=  FINE COMMENTO MIRATO e inizio APPROFONDIMENTI


 


|<=

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *