la samaritana


Yeo_Jin (pr. YuJin), la protagonista del film LA SAMARITANA (Ki-duk Kim, Corea del sud 2004) è una ragazza negativa verso gli uomini che ha un’amica (Jae-Yeong,  pr. JeiUan), talmente positiva verso gli uomini da rendere positivi perfino gli uomini che la cercavano per fare sesso a pagamento. Quando la ragazza negativa smette di proteggere quella positiva, questa si getta dalla finestra e muore, ma conservando lo stesso sorriso con cui era sempre vissuta. A questo punto però la ragazza negativa si converte alla positività dell’amica che aveva tanto criticata quando era viva. Il padre di Yeo_Jin è negativo e cercherà di ricondurre alla negatività la figlia ormai diventata positiva, ma non ci riuscirà e alla fine sarà lui a diventare positivo. Restare positivi in un mondo negativo non è facile, ma chi lo fa otterrà alla fine relazioni positive e felici perché nessuno può restare a lungo negativo accanto ad una persona positiva.

GUARDA IL FILM
INDICE DEL RIASSUNTO DEL FILM COL MIO COMMENTO

APPROFONDIMENTI


INDICE DEL RIASSUNTO DEL FILM COL MIO COMMENTO


GUARDA IL FILM

Fonte: YouTube


|<= 1 – VASUMITRA

Cliente (in chat con Yeo_Jin, pr. YuGin): – Ci incontriamo oggi? Sei carina?
Yeo_Jin (quella seria): – Naturalmente.
Cliente: – Mi fai vedere il tuo volto?
Yeo_Jin (orientando la webcam verso Jae-Yeong, pr. JeiUan): Certo.

Jae-Yeong sorride con gioia e fa il segno di vittoria al cliente col quale la sua amica le sta combinando un appuntamento di sesso a pagamento.


  • Jae-Yeong è una ragazza di Terra2 positiva in amore che apprezza tutti gli uomini ed è sempre sorridente e contenta.
  • Invece Yeo_Jin è una ragazza di Terra1 negativa in amore che disprezza tutti gli uomini ed è sempre seria e scontenta. Seguirà la sua amica diventando positiva anche lei (andando su Terra2) o no?

Yeo_Jin: – Ti piace?
Cliente: Si. Quanto [chiedi di soldi]?
Y.: – Di solito quanto paghi?
C.: – Per me è la prima volta…
Y.: – Che ne dici di 200 000 won [130 €]?
C.: – Fantastico. Ci metteremo d’accordo sul posto.
Y.: – Non sei un poliziotto, vero?

Cliente: – Se non lo sei tu, non lo è nessuno dei due.


  • La legge (italiana) ammette il sesso con una minorenne consenziente di almeno 16 anni, ma non se è sesso a pagamento per cui questo è reato.
  • Come vedremo però Jae-Yeong non lo fa per i soldi (come la studentessa del film STUDENT SERVICE) e dunque torniamo al caso della 16-enne consenziente, ammesso dalla legge.

 Jae-Yeong (con volto sorridente): – In india viveva una prostituta che si chiamava Vasumitra.
Yeo_Jin (truccando l’amica con volto serio): – Vasumitra? Che bel nome.
J.: – Si dice che gli uomini, dopo essere andati a letto con lei, diventavano tutti ferventi buddisti.
Y.: – E come succedeva?

J.: – Era una prostituta! Facendo sesso, credo. Un sesso felice.


  • Il sesso felice è ovviamente il sesso all’interno di una relazione positiva e qui Jae-Yeong sta dicendo che può essere positivo anche un incontro di sesso a pagamento, se lei lo imposta così e se l’uomo che incontrerà risponderà con l’apprezzamento al suo apprezzamento (ovvero se risponderà come rispondevano gli uomini che diventavano ferventi buddisti dopo aver incontrato Vasumitra)

Yeo_Jin (meravigliata): – Il sesso li fa diventare buddisti?
Jae-Yeong: – Forse il sesso risvegliava un profondo amore materno. Sai, gli uomini tornano bambini quando fanno l’amore. Yeo_Jin, d’ora in poi chiamami Vasumitra.
Y.: – Chiudi la bocca.
J. (sorridendo soddisfatta): – Capito? A partire da oggi sono Vasumitra.

Poi le ragazze escono dal bagno dove si sono tolte la divisa scolastica e mettono i loro zaini in un armadietto a pagamento.


  • L’amore materno non è un amore diverso dall’amore di una coppia ma in un mondo negativo in amore che spiega l’attrazione col desiderio di soddisfare gli istinti sessuali e che obbliga a fare sesso quando si offre amore se si vuol essere creduti, si rende necessario considerare l’amore materno diverso dall’amore di coppia. Perché altrimenti si ammetterebbe che può esserci un amore senza sesso, essendo evidentemente amore quello delle madri verso i figli.
  • Il sesso con Vasumitra che risvegliava l’amore materno non era allora un sesso che risvegliava un altro tipo di amore ma qualcosa che risvegliava l’amore temporaneo vissuto all’interno di un’incubazione. Un amore che caratterizza l’amicizia con qualche goccia d’amore, dove si mette amore ma non si fa sesso perché altrimenti non sarebbe più amicizia ma amore.
  • Il miracolo di Vasumitra era allora che gli uomini venivano per fare sesso senza amore chiedendo e offrendo l’amore negativo che disprezza l’altra persona, e andavano via chiedendo e offrendo l’amore senza sesso, che caratterizzando l’incubazione è creativo, dunque positivo, basato sull’apprezzamento e orientato al piacere di entrambi.

Jae-Yeong (all’amica prima di andare verso il cliente appena arrivato davanti all’Hotel): – Tu fai la guardia.
Appena arrivata da lui, l’uomo le mette il braccio sul collo e insieme si avviano all’entrata.

Dalla finestra Jae-Yeong saluta allegramente l’amica, che risponde salutando ma restando seria.


  • Jae-Yeong positiva può vivere su una terra negativa in amore perché è protetta da Yeo_Jin.
  • Possiamo anche pensare che Yeo_Jin ha immaginato di essere positiva e ha chiamato Jae-Yeong questo sogno, nel qual caso la ragazza reale non va in camera ma ci manda il suo sogno per capire come potrebbe andare a finire un tale incontro.

Quelli dell’hotel devono aver chiamato la polizia perché entrano due poliziotti che vanno dritti in camera di di Jae-Yeong e che la chiamano per nome, invitandola vanamente a fermarsi mentre lei, avvertita con uno squillo di cellulare dall’amica, scappa dalla scala di servizio.
Yeo_Jin (seria): – Cosa hai da ridere?

Jae-Yeong: – È divertente.


  • Tutto è divertente e bello per Jae-Yeong,  e forse Yeo_Jin sta facendo questo sogno chiamato Jae-Yeong per capire il segreto che consente di essere sempre felice e sorridente.
  • Nel frattempo Yeo_Jin non ci trova nulla di divertente in questa situazione e prova a convincere Jae-Yeong che le cose stanno come le vede lei.
  • I poliziotti rappresentano la Terra1 che non vuole la positività di una donna e appena si manifesta vanno a reprimerla, non riuscendoci perché Yeo_Jin fa buona guardia.
  • Jae-Yeong può sfuggire alla negatività dei poliziotti ma non a quella di Yeo_Jin, che ingaggia una battaglia con lei perché o convince l’amica che è meglio diventare negativa o dovrà essere lei a convincersi che è meglio diventare positiva.

|<= 2 – Soldi

Seminati gli inseguitori e rimessa la camicetta, Jae-Yeong propone di mangiare zampe di maiale e vanno a mangiarle in un parco giochi per bambini.
Yeo_Jin: – E i soldi?
Jae-Yeong li estrae dalla tasca e li dà all’amica, che li mette nella borsetta.
J.: – Quanto ne abbiamo adesso?
Y.: – Più o meno il prezzo di un biglietto [aereo per l’Europa].
J. (grattandosi la testa con la sua zampa di maiale): – Mi sa che ne dovrò incontrare altri dieci.
Y.: – Che fai? È una zozzeria?

J.: – Ah, lo mangio lo stesso.


  • Mettere insieme i soldi per fare un viaggio in Europa è la scusa che Yeo_Jin si è inventata per mandare Jae-Yeong a questi incontri di sesso a pagamento e vedere cosa succedeva se ad andarci era una ragazza positiva che chiedeva positività ai suoi clienti.
  • Al momento Yeo_Jin è negativa e vede zozzerie ovunque, dalle zampe di porco agli uomini che vanno a questi incontri, considerati porci anche loro, mentre Jae-Yeong non considera sporco quello che fa perché pulite sono le sue intenzioni.

Jae-Yeong: – Lo sai che lavoro faceva quel tipo che ho incontrato?
Yeo_Jin: – Chi se ne importa.
J.: – Hai mai sentito parlare dei sensori?
Y.: – I sensori?

J.: – Avrai visto quelle porte a vetri che si aprono quando uno ci si avvicina, no? Ecco, quelle che si aprono grazie ai sensori. Lui dice che gestisce un negozio dove si vendono questi sensori. E mi ha detto anche che avevano un altro uso. Indovina quale? Y.: – Smettila con le tue scemenze! Mi spieghi a che serve sapere cosa fanno quelle bestie? (Colpendola) Me lo spieghi?


  • La battaglia tra la versione negativa e quella positiva comincia e Yeo_Jin ascolta le risposte di Jae-Yeong perché sta cercando di capire come lei giustifica a se stessa la sua positività

Jae-Yeong: – Perché ti arrabbi? È curiosità. Sono curiosa di sapere quello che fanno. Anche se per poco tempo, condividiamo sempre qualcosa. Vedi, sarebbe troppo triste fare solo sesso (sorride).
Yeo_Jin: – Dai, stupida Vasumitra. Andiamo.

Yeo_Jin tira via a forza Jae-Yeong, che sentiamo fare un lamento di disapprovazione.


  • È la ragazza negativa che chiede i soldi a quella positiva e che li incassa, evidenziando quello che ci guadagna ad essere negativa, mentre la ragazza positiva ci guadagna il piacere di apprezzare gli uomini che la desiderano. Quello con cui fa sesso ma anche e soprattutto i molti uomini che incontra in ogni giornata di ogni mese e di ogni anno.
  • Non sono solo gli uomini ad essere resi belli da una Jae-Yeong che si vuol regalare il piacere di vivere circondata da belle persone, ma anche gli oggetti che essi maneggiano, qui i sensori (oggetti quasi vivi perché rispondono alle variazioni di una grandezza fisica, ma non vivi perché non si riproducono da soli). Col risultato che lei vive in un Paradiso, il che spiega il sorriso che le illumina il volto costantemente.
  • Jae-Yeong invece ha sempre la faccia arrabbiata perché si condanna da sola a vivere in un Inferno, anche se con la borsetta piena di soldi e la vita piena di poteri di ogni tipo. Soldi e poteri che possiede ma che non può usare per star bene, perché altrimenti non ce la farebbe più a pensar male di tutti gli uomini, a cominciare da quelli che le offrono un amore che lei non vuol vedere, preferendo pensare che se le offrono qualcosa è perché vogliono usarla per fare sesso.

Jae-Yeong (all’amica che la lava): – Non sono sporca.
Jae-Yeong : – È una cosa lurida. Che ne sai tu dove sono stati quei tipi?
J.: – Mi dispiace di averti coinvolta in questa situazione.

Y.: – Smettiamola adesso. Ho paura che questa storia mi segnerà per sempre.


  • A segnare la ragazza negativa è ogni giorno della sua vita, se lo passa a odiare l’altra metà del mondo, scavando millimetro dopo millimetro un baratro tra lei e la possibilità di star bene.
  • Se la ragazza positiva è un sogno di quella negativa, però, qui non ci sono due ragazze nude con una forte intimità tra di loro ma una sola ragazza in due versioni, quella negativa reale e quella positiva immaginata, la ragazza che è oggi e la ragazza che potrebbe essere domani se scegliesse di essere positiva.

Qui le due ragazze iniziano un gioco…

… che continuerà in un bel giardino fiorito dove vanno subito dopo, tenendosi per mano.

Dopo aver parlato e dopo aver giocato a nascondino tra gli alberi, le ragazze si siedono accanto a delle statue e Yeo_Jin mette dolcemente un braccio sulla spalla di Jae-Yeong, che risponde prendendo la mano dell’amica dentro alla sua.


  • Yeo_è seduta tra le statue (evidente riferimento alla famiglia negativa) e Jae-Yeong (positiva) perché deve ancora decidere da che parte stare da grande.

Rientrata a casa sua, Yeo_Jin mette i soldi in una scatola che tiene dentro ad un cassetto chiuso a chiave.


  • I soldi posseduti ma non usati caratterizzano le persone negative, come al momento è Yeo_Jin.

|<= 3 – Anniversario

Il padre di Yeo_Jin (Yeong_ki) cuoce un uovo, poi va in camera della figlia, che dorme. Lui mette una cuffia in testa a sua figlia e avvia un disco con una musica dolce.


  • Il primo atto del padre è di essere lui a decidere cosa deve ascoltare la figlia, il che vuol dire che la relazione non è paritaria e dunque è negativa.

Padre (scostando la cuffia da un orecchio): Yeo_Jin, vieni a fare colazione, oggi hai l’esame.
Yeo_Jin (prendendo la mane del padre dentro la sua e portandola accanto alla sua guancia): – Non lo faccio l’esame.

Il padre ritira la sua mano e dopo la figlia si volta dall’altra parte dicendo: – Non ho l’intenzione di farlo.


  • Yeo_Jin è negativa anche verso la scuola, visto che l’esame non lo fa.
  • Notare la pseudo-positività della ragazza che prende la mano del padre tra la sua e la stringe accanto a se, se è vero che tale gesto serve a far digerire il successivo “non lo faccio l’esame”.

Padre (alla figlia che si è appena seduta): – Su, mangia.


  • Se è vero che la musica e le scelte giuste imposte dal padre alla figlia sono atti negativi, allora la positività di lui che prepara il mangiare e che apparecchia una bella e ricca tavola è pseudo-positività, positività di facciata che nasconde la negatività di lui che preferisce imporsi anziché contrattare da pari a pari cosa ritenere giusto.

Padre: – Oggi è un anno che è morta la madre. Ti ricordi?
Yeo_Jin (dopo aver fatto cenno di si con la testa): – L’hai preso l’assassino?

Padre (abbassando lo sguardo): – Proseguono le indagini.


  • La madre è morta per la negatività di qualcuno e la negatività attuale di padre e figlia è collusione con la negatività di chi ha ucciso la madre, che guarda caso non è stato ancora trovato.

Portandola a scuola in auto, il padre parla di un germoglio senza radici in una statua in legno di Gesù Cristo. Padre: – Strano no?


  • La stranezza del germoglio in ambiente ostile fa ridere in confronto alla stranezza di credere oggi a Dio che ha creato l’uomo e mandato suo figlio.
  • D’altro canto una religione che classifica meritoria la sofferenza e peccaminoso il piacere non può che piacere alle persone negative e se prima la negatività del padre giustificata con la cuffia messa in testa alla figlia era un’ipotesi, adesso che parla di Gesù è una certezza.

Mentre Jae-Yeong gioca con una cascata d’acqua, Yeo_Jin combina l’appuntamento parlando come se fosse lei la ragazza che ci va.
Yeo_Jin: – Nessuno ti chiede come mai la tua voce è diversa?
Jae-Yeong: – No.
Y.: – Mi sento strana. Non è come se fossi io a farlo, ma faccio le telefonate e mi occupo dei soldi. Mi dovevo limitare solo a truccarti. Perché mi fai fare tutto?
J.: – Mi dispiace, senza il tuo aiuto non potrei fare niente.
Y. (seria): – No, è la tua la parte più difficile. D’ora in poi però non chiedere più che lavoro fanno.

Sorridendo Jae-Yeong dice si col capo.


  • Le persone negative non chiedono per ottenere quello che chiedono, qui di non trattare positivamente i clienti interessandosi al loro lavoro, e si vede dal fatto che prima rimproverano e poi chiedono, ben sapendo che una persona rattristata poi ha fifficoltà a fare qualcosa.
  • Chiedono invece per rattristare, avendo cura di chiedere qualcosa di impossibile come il decidere prima che emozioni provare e quindi cosa fare o non fare col cliente.

Jae-Yeong: – Yeo_Jin, Sali! Vuole offrire la cena a tutte e due.
Yeo_Jin: – È l’anniversario della morte di mia madre.
Uomo: – Tu madre è morta?
Y.: – Se hai finito puoi andartene. (all’amica, con voce dura) Scendi!. Ho detto scendi!
J.: – Che succede Yeo_Jin?
Y.: – Scendi subito! Jae-Yeong china il capo e scende.
U.: – Cosa c’è? Sono troppo ripugnante per te?
Y.: – Ho detto che te ne puoi andare, se hai finito.
U.: – Mi consideri ripugnante, non è vero? Sono ripugnante, è così?

Y.: – Perché mi fissi? Vuoi anche me? Pazzo bastardo. L’uomo va via.


  • Qui il ragazzo è preso in mezzo tra la positività di Jae-Yeong e la negatività di Yeo_Jin e dovrà scegliere da che parte stare in futuro.
  • Questa scelta è sempre libera e qui la libertà dipende da cosa vorrà ricordare lui dopo essere andato via di qui, perché non è detto che debba ricordare il disprezzo di una delle ragazze potendo benissimo ricordare l’apprezzamento dell’altra.
  • Lui sceglierà la negatività e sarà la negatività di questo ragazzo che, sommata a quella di Yeo_Jin, convincerà Jae-Yeong che questo è un mondo dove non gli va di vivere.
  • Qui il ragazzo è positivo, ma è facile esserlo accanto ad una ragazza positiva.
  • Il merito di Jae-Yeong è di restare positiva nonostante la negatività di Yeo_Jin, un merito che il ragazzo non avrà.

Jae-Yeong: – Yeo_Jin, ma che ti succede? È un bravo ragazzo, fa il musicista.
Yeo_Jin: – Che succede a te!
J.: – Cosa c’è di male se ci voleva offrire la cena?
Y.: – E tu vuoi mangiare con lui dopo che ti ha usata?!
J.: – Come, usata?
Y.: – Non sono altro che luridi bastardi!

J.: – Non dire queste cose, sono stata io ad andarci. Lui è un ragazzo per bene! Mi ha anche cantato una canzone. Credi che facciamo solo sesso?


  • La ragazza positiva è sempre sorridente perché tratta bene gli altri orientandoli a trattare bene lei, mentre quella negativa si fa del male da sola trattando male gli altri, cosa che li orienta a trattare male le.
  • Orientare non è però determinare e se il ragazzo volesse bene a se stesso resterebbe positivo anche quando viene trattato male dalla ragazza negativa, che poi è giusto quello che fa la ragazza positiva.

Yeo_Jin (piangendo): – Stupida! J

ae-Yeong (prendendole la mano): – Mi dispiace. Scusami, ho fatto ancora qualcosa di sbagliato? È solo che lui ti fa sentire così a tuo agio. Mi dispiace, non ferirò più i tuoi sentimenti. E non chiederò più che lavoro fanno. Mi limiterò… mi limiterò… solo a fare sesso. Scusami (la abbraccia).


  • A parole la ragazza positiva promette di diventare negativa, ma il tono della voce con cui lo dice fa capire che non lo farà.

|<= 4 – Salto

Yeo_Jin fa una foto a se stessa (seria) e a Jae-Yeong (sorridente).

Poi arriva un’auto e Jae-Yeong si avvia verso di essa. L’uomo che scende mette un braccia sulla sua spalla mentre vanno insieme verso l’hotel.


  • Di regola fare una foto è un atto di apprezzamento, ma il fatto che la ragazza negativa faccia una foto non prova che è diventata positiva se una positività non è seguita da un’altra positività, perché in mancanza di questo è pseudo-positività.

Un uomo si ferma a guardare Yeo_Jin.
Yeo_Jin: – Che c’è da guardare?
Uomo: – Che c’è da guardare? C’è da guardare una ragazzina come te.
Y.: – Tu sai che guardavi. E continui a guardare.
U.: – Dato che sei vestita, non c’è motivo di guardarti. Ehi, non penserai mica che ti sto guardando in qualche posto.
Y.: – Levati di torno! Levati di torno!

U. (andando via): – Strana tipa.


  • Anche se Yeo_Jin avesse ragione a sentirsi guardata con troppa insistenza da questo ragazzo, questo non la obbligherebbe a trattarlo male e se lo fa è perché lei preferisce disprezzare gli uomini.

Occupata a litigare con l’uomo che si era fermato a guardarla, Yeo_Jin vede in ritardo i poliziotti che stanno salendo nell’hotel per impedire l’incontro e non fa in tempo a telefonare alla sua amica.
All’arrivo dei poliziotti in camera, Jae-Yeong comincia a salire sul davanzale della finestra.
Poliziotti: – Jae-Yeong! Non ti muovere. È pericoloso. Vieni dentro, sbrigati. Vieni giù da lì.
Yeo_Jin (dopo che l’amica è salita sulla finestra): – Jae-Yeong, no!

Poliziotti (senza avvicinarsi per paura che lei si butti).: – Non fare la stupida! È pericoloso!


  • A parole Yeo_Jin sembra desiderare lo star bene dell’amica, ma la sua costante aggressione alla positività dell’amica dice esattamente il contrario.
  • Preso atto che Jae-Yeong promette sempre di essere negativa ma non lo fa mai, Yeo_Jin manda i poliziotti verso l’amica in un ultimo, estremo tentativo di toglierle il sorriso.

Jae-Yeong guarda l’amica, che continua a dire: – Jae-Yeong. No Jae-Yeong!.
Poi guarda i poliziotti, che senza avvicinarsi le dicono “È pericoloso, vieni dentro. Non devi aver paura di noi, vieni Jae-Yeong.“, fa un sorriso a loro ma non scende.

Jae-Yeong torna a guardare l’amica e sorride anche a lei, ma appare sempre più decisa a buttarsi.
Yeo_Jin: – Jae-Yeong , no. Non lo fare, Jae-Yeong. Jae-Yeong, no. Non lo fare!

La ragazza si butta.


  • Il doppio sorriso di Jae-Yeong, uno verso i poliziotti e uno verso l’amica, è la sconfitta ultima e definitiva per il tentativo di Yeo_Jin di negativizzare l’amica, che è pronta a buttarsi ma il sorriso lo conserva anche adesso.

Nonostante il molto sangue uscito dalla testa, Jae-Yeong apre gli occhi e chiede all’amica di portarla in braccio.

Yeo_Jin se la carica sulle spalle e la porta così all’ospedale.


  • Qui Jae-Yeong offre un’occasione di riscatto a Yeo_Jin, perché lei si è buttata dopo il mancato aiuto dell’amica a tenere a bada il mondo negativo rappresentato dai poliziotti e potrebbe ripensarci se ora l’amica la aiuta.

Dottore: – Dove sono i suoi genitori?
Yeo_Jin: – Non ce l’ho il loro numero.

Dott.: – Riprenderà conoscenza tra un paio d’ore. Nel frattempo cerca di scoprire il numero di casa. Va bene?


  • Se Jae-Yeong è un sogno di Yeo_Jin, la “madre” di Jae-Yeong è proprio Yeo_Jin e il padre lo fanno a turno gli uomini positivi che incontra.

Yeo_Jin va a piangere sotto la doccia della scuola.


  • Queste sono lacrime di coccodrillo, perché è lei che ha costretto l’amica a buttarsi col suo non proteggerla dai poliziotti e il sangue che ha addosso lo ha fatto scorrere lei quando ha voluto imporre con la forza la negatività.

|<= 5 – Il desiderio di Jae-Yeong (pr. Jei-Uan)

Jae-Yeong apre gli occhi e sorride all’amica.
Yeo_Jin: – Mi dici il tuo numero di casa?
Jae-Yeong: – Dammi la mia agenda.
Y.: – Dimmi il numero di casa tua. Così chiamo i tuoi genitori. Sbrigati. Non c’è tempo.
J.: – L’agenda.
J. (indicando il numero del musicista): – Portami da lui.
Y.: – Sei impazzita?
J.: – Mi manca tanto. Mi ci porti? Ti prego.
Poi Jae-Yeong chiude gli occhi e non risponde all’amica che la scuote.
Dottore: – Allora hai trovato il numero dei genitori?

Y.: – No. Non me l’ha detto.


  • Jae-Yeong, non trovando la positività della persona che l’ha creata sognandola e che quindi è sua “madre”, va a cercare quella del ragazzo che ha risposto positivimante alla sua positività.

Jae-Yeong (al telefono col musicista): – Sono Jae-Yeong. Ti ricordi di me? Puoi venire subito all’ospedale? È molto urgente. Aspetta. Aspetta, non riattaccare. Dove sei?
Con un taxi la ragazza va da lui, che sta componendo musica per pianoforte e non dice nulla, continuando a guardare la tastiera.
Yeo_Jin: – La mia amica è in ospedale. Si ricorda di Jae-Yeong? L’ha incontrata non molto tempo fa.
Musicista (senza mai guardarla): – Lo so.
Y.: – Ha chiesto di vederla. Vederla un’ultima volta prima di morire.

Lui non dice nulla e continua a suonare.


  • L’amica negativa ha buttato dalla finestra Jae-Yeong non proteggendola dai poliziotti e qui il musicista ce la butta una seconda volta rifiutandosi di vederla.

Yeo_Jin: – Per piacere signore, venga all’ospedale. Ci vorranno solo 10 minuti [per andarci].
Musicista (guardandola per la prima volta): – Mi piacerebbe, ma come vedi sono molto impegnato con il lavoro. Sono indietro con la composizione.
Yeo_Jin: – Nooo. Lei deve venire con me. Jae-Yeong sta per morire, lo capisce? (Tirandolo per la camicia) Siete stati insieme. Lei la conosce e Jae-Yeong sta per morire. (Piangendo) Signore la prego, venga con me.
M.: – Non posso venire con te. Non posso. Sono nel pieno di un lavoro importante.
Yeo_Jin prende la mano di lui, tornata a suonare, ma lui non vuole e la sottrae.

M. (alzando la voce, quando lei gli riprende la mano): – Togli quella mano. (Poi urlando) STO REGISTRANDO. TOGLI QUELLA MANO.


  • Jae-Yeong è un sogno nato dal desiderio di essere positivi domani di queste due persone, e adesso sta morendo perché il domani è arrivato ma neppure una di queste due persone è diventata positiva.
  • Il ragazzo la sua positività l’ha dirottata verso il lavoro, mentre Yeo_Jin (quella tutta piangente perché il sogno di essere positiva domani è in pericolo di vita) non l’ha messa neanche li (avendo detto a sua padre che l’esame non lo faceva).

Quando lei torna a tirarlo per la camicia e a dire “signore la prego”, lui si alza di scatto, prendendo con rabbia il braccio di lei e dicendole con voce arrabbiata: – Ho detto di toglierla.
Di fronte a lei, però, a lui deve venire voglia di avvicinarla invece che di allontanarla, perché la tiene per entrambe le spalle senza respingerla e perchè lei gli dice “Lo faccia in fretta”.
Dopo questa parole, lui la attira a se abbracciandola (foto piccola in basso).
Musicista: – Prima lo facciamo, prima andiamo dalla tua amica. Sta morendo.

Poi lui comincia a toglierle i vestiti dicendo “non avere paura”.


  • Alla fine i due si decidono ad essere negativi anche di fuori, oltre che dentro, facendo l’atto più importante del repertorio dei negativi in amore: il sesso come atto di disprezzo.
  • Jae-Yeong è stata la vacanza che queste due persone si sono regalate per un poco, ma ora la vacanza è finita e loro sono tornati alle loro vite negative.
  • Il sesso ci sta tra loro due, perché in questo momento sono entrambi negativi (entrambi distanti anni luce dalla splendida positività di Jae-Yeong, sogno che si spegne per sempre qui e adesso).

Nel frattempo Jae-Yeong peggiora. La sentiamo piangere e l’infermiera le mette l’ossigeno, chiamando con voce allarmata il dottore e chiedendo che venga subito lì. Intanto Yeo_Jin e il musicista si stanno rivestendo, dopo un sesso che certo non era quello di Vasumitra.


  • La negatività consacrata da un sesso come atto di disprezzo tra Yeo_Jin e il musicista, come prevedibile e previsto, è il colpo di grazia per Jae-Yeong e i dottori ci possono fare ben poco.
  • D’altro canto Jae-Yeong non si perde nulla a non continuare a vivere in un mondo dove la positività in amore, quando c’è, dura un attimo, come una bolla di sapone che scompare appena cerchi di fermarla.

Uscendo in strada, Yeo_Jin tiene la testa bassa e il musicista si ferma a vedere una macchia sulla carrozzeria.
Musicista (dopo aver acceso una sigaretta e senza alcuna fretta di partire): – Stai bene? Era la prima volta?
Yeo_Jin: – Sbrigati a partire.
M.: – L’amicizia è importante…
Y. (urlando e in lacrime): – SBRIGATI A PARTIRE.

Lui parte.


  • Interessarsi alla macchia sulla carrozzeria mentre Jae-Yeong sta morendo esprime bene l’enorme disprezzo di cui sono capaci le persone che hanno imboccato la strada della negatività.
  • Quanto alla prima volta di Yeo_Jin, essa è stata del segno che doveva essere su questa terra negativa in amore e la sola differenza rispetto alle relazioni “normali” è che è mancata la facciata positiva che nasconde la sostanza negativa.
  • Lo “sbrigati a partire” di Yeo_Jin è una sceneggiata, perché nessuno meglio di lei sa che a questo punto la positività che aveva creato Jae-Yeong è già morta, e questa sceneggiata fa parte della facciata di cui sopra

|<= 6 – Troppo tardi

Yeo_Jin si tira dietro il musicista per affrettare l’arrivo all’ospedale, ma c’è una barella che sta passando nella corsia. Sotto il telo c’è Jae-Yeong.
Yeo_Jin (scuotendola come per svegliarla e versando una lacrima): – Jae-Yeong. Jae-Yeong. Smettila di ridere. Che cosa avrai poi da ridere. Smettila subito di ridere. Smettila di ridere.
Poi Yeo_Jin ricopre il corpo senza vita e si mette a piangere a dirotto.

Intanto il ragazzo rinnega di averla amata dicendo al telefono “no, non eravamo propriamente intimi”.


  • Il sorriso accompagna ogni istante di ogni relazione positiva perché ogni cosa che si fa nasce dall’apprezzamento di qualcosa e dunque procura piacere.
  • Il fatto che Jae-Yeong continui a sorridere persino adesso testimonia in modo eloquente che la positività non te la può togliere nessuno, se non la metti via da solo.
  • Purtroppo positiva è la relazione e non puoi fare una relazione positiva se i positivi non sono almeno due.
  • Jae-Yeong una seconda persona positiva non l’ha trovata, e visto che di essere negativa non gli andava ha preferito morire.

|<= 7 – Samaria

Yeo_Jin prende il mazzo di banconote e il diario che aveva nel cassetto chiuso a chiave, li mette nel lavandino e appicca il fuoco alle banconote.
Poi però apre l’acqua per spegnere le fiamme.

Yeo_Jin: – Jae-Yeong, ho deciso. Restituirò questi soldi. So che in questo modo mi sentirò meno triste.


  • Yeo_Jin decide di diventare positiva come lo era l’amica, diventando lei.
  • Questo risultato finale non dovrebbe sorprendere, perché Yeo_Jin ha fatto un sogno in cui era positiva e ha visto che essere positivi assicura lo star bene sempre e comunque.
  • Quel sogno è finito per mancanza di una seconda persona positiva, ma Yeo_Jin ha tutta la vita davanti per cercare un uomo che ci stia ad avere una relazione positiva con lei.
  • E mentre lo cerca, potrà anche lei essere contenta in ogni minuto della sua giornata, come sempre contenta era Jae-Yeong.

Yeo_Jin va nella camera dell’motel dove andava Jae-Yeong coi clienti e qui fa un telefonata.
Yeo_Jin: – Pronto? Si, sono Jae-Yeong. Hai tempo oggi? Si, va bene. Allora ti aspetto al motel. Si. Ciao.

Poi Yeo_Jin si dà un po’ di rossetto sulle labbra.


  • Cosa sta facendo qui una Yeo_Jin che i soldi non li chiede ma li restituisce?] [In latino prostituere è ‘mettere in vendita’, ma se vogliamo usare questa categoria dovremmo classificare la ragazza come quella che compra, perché lei i soldi non li prende ma li dà.
  • Non c’è nessuna parola di Terra1 adeguata per descrivere questa situazione, semplicemente perché non è una situazione che può presentarsi su Terra1.
  • Tale situazione può invece presentarsi su Terra2, dove verrebbe classificata come “amore temporaneo” o “amicizia con amore” o anche “sognare in due facendo due sogni diversi”.
  • Yeo_Jin è lì perché lì può sognare ancora viva Jae-Yeong e l’uomo che sta per arrivare viene lì perché il sesso a pagamento lo aiuta a sognare l’amore che non ha.
  • I gesti sono quelli dell’amore, e per questo è importante essere in due, ma l’amore sognato dalla ragazza non è quello sognato dall’uomo e finito quel sogno ognuno andrà per la sua strada, dopo aver ringraziato l’altra persona per averla aiutata con la sua presenza a fare un bel sogno.

Yeo_Jin si affacccia alla finestra e sorride, cosa che le fa vedere di sotto Jae-Yeong che la saluta come lei la salutava quando ad affacciarsi alla finestra era Jae-Yeong.
Uomo (entrato dopo aver bussato): – Sei tu Jae-Yeong?
Yeo_Jin: – Si. Io sono la vera Jae-Yeong. Si.

U. (affacciandosi anche lui): – Perché sorridi? C’è qualcuno la sotto?


  • Yeo_Jin vede Jae-Yeong perché lei è un sogno che ieri faceva e che oggi può tornare a fare facendo le cose che faceva lei, con lo stesso atteggiamento verso gli uomini.
  • L’uomo appena arrivato è percepito come un amico perché su Terra2 tutti gli uomini sono considerati amici fino a prova contraria (semplicemente perché è piacevole pensare che abbiano intenzioni amichevoli).
  • Su Terra1 direbbero che Yeo_Jin è con un estraneo che vuole usarla per i suoi scopi dinteressandosi a lei, mentre su Terra2 diciamo che è con un amico che è interessato a farla stare bene tanto quanto è interessato a stare bene lui.

Poi l’uomo la invita col braccia a rientrare.

Yeo_Jin si siede sul letto. L’uomo si inginocchia davanti a lei e le accarezza i capelli.


  • Questa scena non prova nulla da sola, ma intanto vediamo che quanto fa lui qui è del tutto compatibile col suo comportarsi da amico, ovvero da persona che desidera lo star bene dell’altra persona.
  • Se pensate che lui non è un amico perché desidera di farci sesso, è perché avete in testa il sesso negativo di Terra1.
  • Su Terra2 il sesso è considerato approvatorio e non c’è un solo uomo adulto che non desidera di fare sesso con una ragazza quasi maggiorenne come Yeo_Jin, perché tutti desiderano due cose entrambe presenti in questo caso: l’approvazione di una donna e l’approvazione di una figlia.
  • Quindi il desiderare di farci sesso è del tutto normale, mentre il farcelo effettivamente no, non è una cosa normale e solo situazioni molto particolari giustificherebbero il sesso fatto.
  • Se sia il caso di fare sesso o meno in ogni caso lo deve decidere la ragazza, e senza alcuna pressione, perché se lo decidesse lui non sarebbe un’approvazione di lei ma un abuso, una violazione delle regole del gioco.
  • Anche se lei vuole fare sesso, però, visto che lei è minorenne lui ha il dovere di verificare che quel sesso non sia in qualche modo dannoso per lei.
  • Qui noi sappiamo che Yeo_Jin è andata con l’intenzione di farci sesso, e sappiamo che un sesso fatto con la certezza di non metterla incinta non le recherebbe alcun danno, ammesso e non concesso che lei non trovi sgradevole di far sesso con quest’uomo di questa età.
  • Non sappiamo se lui rispetterà eventuali segnali di non gradimento di lei, fermandosi perché procedere danneggerebbe le giuste aspettative che ha una ragazza di quest’età, per cui non possiamo ne assolvere ne condannare lui.
  • Comunque visto che lei sembra positiva e lui pure, non c’è motivo di pensare che si faranno del male.
  • Tutt’altra musica sarebbe se i due avessero una relazione negativa, perché in questo caso farsi del male è un obiettivo e se lo farebbero molto facilmente, dopo di che lui si macchierebbe di una colpa doppia: una verso la donna e una verso la ragazza ancora minorenne.

Uomo1 (mentre lei tiene la mano dentro a quella di lui, che tiene l’altra mano sui capelli di lei) : – Ahh. Te l’ho detto che sono fortunato. Sono stato baciato dalla fortuna. Ma chi se ne importa della morale? Non è questa la felicità?
Yeo_Jin: – Era così anche con Jae_Yeong?

U.: – Esattamente la stessa cosa. Avete anche lo stesso sorriso.


  • I comportamenti umani non sono programmati geneticamente e non hanno un significato fisso, per cui ogni significato attribuito a quest’incontro senza sentire che significato gli hanno dato i due partecipanti è aria fitta.

Yeo_Jin: – Sai che Jae_Yeong è morta? Si è buttata giù proprio da quella finestra e si è rotta la testa.
Uomo: – Davvero?!
Lei prende il portafogli dal comodino, estrae una banconota e la porge a lui.
U. (meravigliato): – Perché questi? Credevo di doverteli dare io?
Y.: – Te li restituisco. Non ne ho più bisogno.

L’uomo resta a bocca aperta, con la banconota in mano, senza sapere che dire e che fare.


  • L’uomo era venuto pensando di pagare per l’inconro, ma questo non basta per stabilire che senso dava lui a quest’incontro, ammesso e non concesso che gliene desse uno perchè come andrà l’incontro certo non lo decide l’uomo ma la donna.
  • Sul senso che gli dava ieri Jae_Yeong e oggi Yeo_Jin sappiamo per certo, vista la restituzione in corso dei soldi, che non era per ottenere soldi facili.
  • In teoria quei soldi dovevano servire per un viaggio in Europa ma non si capisce come potessero viaggiare insieme due persone orientate in senso opposto verso gli altri e verso se stesse, per cui è lecito pensare che il viaggio fosse una scusa per chiedere soldi, sfidando la positività di Jae_Yeong a rimanere nonostante i soldi chiesti autorizzasse l’uomo ad essere negativo.
  • Ora che Jae_Yeong ha vinto la sfida, quei soldi non servono più, e restituirli è un prendere le distanze dalla negatività delle donne che i soldi li prendono e che per prenderli devono pensar male degli uomini, disprezzandoli qualunque cosa facciano.
  • L’uomo resta a bocca aperta perché una donna che non disprezza gli uomini dopo un sesso fuori da una relazione non pensava che esistesse.

Yeo_Jin (andando via): – Ciao. Grazie.
L’uomo resta ancora senza parole.

Uomo (al telefono): – Pronto? Yugin_Ini? Papà, che fai? Hai lezione? No, volevo solo sentirti. Perché non cambiamo e mangiamo fuori?


  • Se non avete capito di cosa lo ringrazia lei, ve lo dico io: lei ha apprezzato quell’uomo al massimo livello e ha chiesto a lui apprezzamento, ottenendolo.
  • Lei ringrazia per questo apprezzamento, tutt’altro che scontato su Terra1, il quale le permette di continuare a pensar bene degli uomini alimentando la sua positività.
  • Se l’uomo non l’avesse apprezzata tanto quanto lei apprezzava lui, avrebbe messo a rischio il futuro positivo di lei e con esso la felicità futura di lei, quel sorriso che ha accompagnato ogni minuto della vita di Jae_Yeong.
  • Il modo come l’uomo spende i soldi che la ragazza che poteva essere sua figlia gli ha restituito è commovente: ci porta a mangiare fuori suo padre, apprezzando con questo gesto quanto il padre ha fatto per lui crescendolo.
  • Commovente è il fatto che l’uomo faccia col padre quello che la ragazza che poteva essere sua figlia ha fatto con lui, dando il massimo del valore da un lato alla ragazza e dall’altro a suo padre (ma anche a se stesso perché nessun altro uso di quei soldi sarebbe stato altrettanto bello di questo unire in una linea ideale il passato (il padre), il presente (lui) e il futuro (la ragazza).

Tornata a casa, Yeo_Jin cancella dall’agenda il nome di quell’uomo.


  • Yeo_Jin doveva la restituzione di quei soldi a Jae_Yeong, ferita a morte dal disprezzo di cui l’aveva ricoperta Yeo_Jin ogni volta che tornava da un’ora passata come abbiamo appena visto. Disprezzando gli uomini (definiti bestie che fanno cose luride, dopo il primo incontro mostrato), infatti, Yeo_Jin disprezzava anche Jae_Yeong.

Mentre l’uomo fa la doccia, Yeo_Jin si leva tutti i suoi indumenti lasciandoli cadere al lato del letto.

Quando l’uomo ritorna, piega accuratamente tutti i vestiti di lei mettendoli sul comodino. Yeo_Jin sorride per questo atto di apprezzamento.


  • Yeo_Jin offre apprezzamento a quest’uomo e lui ricambia apprezzando la ragazza.
  • L’apprezzamento in risposta ad un apprezzamento è ovviamente indice di positività della relazione.

Uomo (fumando): – È come se fossimo amanti.
Yeo_Jin: – Non lo siamo stati?
U.: – Ci rivedremo ancora?
Dal silenzio di lei, si intuisce che la risposta è “no”.
U.: – Grazie, comunque, per avermi dato la felicità.
Y:: – Sono io che ringrazio te.
U.: – No, davvero! Ti sono molto riconoscente.
Y.: – Ti sono molto riconoscente anch’io.

Uomo: – Tutti dovremmo vivere in armonia, nella comprensione reciproca. Senza ferirci l’un l’altro.


  • L’amore temporaneo, e quell’incontro è decisamente temporaneo, non è amore ma amicizia, non è uno stato nascente ma una prova di stato nascente (così come un’esercitazione di scuola non è un lavoro ma un mettere alla prova la capacità di fare un lavoro).
  • L’amore temporaneo ammesso e regolamentato è la principale diefferenza di Terra2 rispetto ad una Terra1 dove è proibito, ma essendo necessario per portare avanti l’incubazione è costretto alla clandestinità e diventa facile preda di ogni tipo di abuso.

Yeo_Jin: – Non prenderò i tuoi soldi, e ti restituisco quelli che mi hai dato in passato. Le cose sono più facili ora, vero?

Uomo (dopo averla avvicinata a se, arrivando a questa posizione): – Pregherò per te fino al giorno della mia morte.


  • L’amore temporaneo finisce quando si separano, essendo un sogno che finisce quando si riapre gli occhi, ma il ricordo di esso dura in eterno perché va a influire sulla struttura in incubazione.

|<= 8 – Sorpresa

Tornata a casa, Yeo_Jin cancella un altro indirizzo dall’agenda.


  • Vorrei fosse chiaro che la ragazza ha trovato la ricetta della felicità, che consiste nell’essere positivi in amore.
  • Il suo problema è di essere su Terra1, dove la positività in amore è ammessa solo se temporanea, quindi destinata ad essere solo una pausa dalla negatività, mentre lei avrebbe l’intenzione di continuare per sempre ad essere positiva.

Quando il ragazzo esce dalla doccia, Yeo_Jin ride.
Ragazzo: – Ehi, tu, non ridere.
Lei continua a ridere come se non potesse trattenersi.
R. (buttando l’asciugamano sul letto): – Quella puttana mantenuta da mio padre rideva sempre di me. Anche loro erano costretti. Che schifo.
Mentre lo ascolta dire questo Yeo_Jin è seria, ma poi ricomincia a ridere, coprendosi la bocca con una mano.
R.: – Allora? Ti ho detto di non ridere. Adesso cominci davvero a farmi innervosire. Non ridere, capito? Si vede che non stai ridendo perché sei felice.
Nuova risata.

R. (allontanandola con un gesto di rimprovero senza traccia di aggressività): – Che c’è? Mi trovi tanto divertente? Eh? Sono divertente?


  • Questo ragazzo è molto più bello e giovane degli altri due e forse è per questo che con lui la ragazza si permette di scherzare, ridendo di una situazione che un po’ buffa lo è se non è inquadrata all’interno dell’incubazione di un amore per domani.

Ragazzo: – Sei una pazza. Considerando la tua giovane età, mi spaventi davvero.
Alla nuova risata, il ragazzo le dà le spalle, e quando le si avvicina per abbracciarlo la manda via infastidito, dicendole “non mi toccare”.
Lei non demorde e lo abbraccia con convinzione.

Il ragazzo si volta verso di lei e lei sfrutta la serenità ritrovata per portarlo sotto le coperte.


  • La scena evidenzia che l’incontro non si limita al sesso e fa affiorare i conti in sospeso, qui di lui che non aveva una buona relazione con la donna di suo padre.
  • Il più bello dei clienti è anche quello che ha l’idea meno bella delle donne, col risultato che diffida anche di quella ragazza.
  • Il fatto che alla fine lei lo abbraccia, ci dice però che non si sente considerata una puttana, e che quel ragazzo non sta andando verso il disprezzarla ma sta cercando di uscire dal disprezzo verso le donne che ha avuto in passato.
  • Qui è lei che prende l’iniziativa di fare sesso, perché il sesso è piacevole (anche se ha l’effetto di uccidere il desiderio di fare sesso in futuro con quella persona, “bruciando” quella persona come aiuto a fare incubazione, per cui è come mangiare l’uovo oggi privandosi della gallina domani).

Una giovane ragazza è stata assassinata.

Padre di Yeo_Jin (Yeong_Ki): – Agente, faccia delle buone foto.


  • La tranquillità del padre di Yeo_Jin ci dice che questa ragazza non è Yeo_Jin.
  • Se per un attimo avete temuto che fosse lei, è perché vivete su una terra dove l’amore è negativo e c’è una guerra tra i due sessi, col risultato che spesso ci scappa il morto.
  • E’ l’amore negativo che ha ucciso questa ragazza e l’amore positivo è la cura radicale, il vaccino che rende impossibile quella tensione che poi può sfociare in esiti come questo, per cui Yeo_Jin non sta rischiando questo ma si sta proteggendo da questo.
  • La mano assassina è molto più spesso maschile che femminile, ma la scelta di impostare negativamente la relazione è molto più femminile che maschile.

Yeong_Ki si affaccia alla finestra e vede nella camera di fronte sua figlia col ragazzo, abbracciati più come fratello e sorella che come amanti (foto piccola in alto a destra). Mentre il padre guarda sbigottito la giovane ragazza uccisa, probabilmente una prostituta uccisa dal suo cliente, il ragazzo bacia sua figlia sulla testa trattandola con molta dolcezza (foto piccola in basso a destra).


  • Guardate bene quello che si vede dalla finestra e chiedetevi cosa autorizza il padre di Yeo_Jin a pensare che sua figlia si stia prostituendo e non che invece sia innamorata del ragazzo da cui accetta questo bacio sulla testa chiudendo gli occhi per gustarselo meglio.
  • Il padre è autorizzato ad aver paura per sua figlia in un mondo dove tra i sessi non c’è amore ma guerra e certo la sua paura non viene diminuita dall’avere davanti il cadavere di una ragazza dell’età di sua figlia, ma le grandi emozioni non vengono provate dal cervello per diminuire la bontà delle reazioni, bensì per aumentarla.
  • Inoltre il padre non può non sapere che le relazioni pericolose e dannose per sua figlia sono quelle negative e che che fino a qualche giorno prima sua figlia era molto negativa, ma non lo abbiamo visto preoccuparsi per la negatività della figlia, mentre lo vediamo preoccuparsi per lei proprio ora che lei è diventata positiva.

Mentre il cadavere della giovane assassinata viene caricato sull’ambulanza, il padre aspetta l’uscita di sua figlia in auto.
Quando escono, vediamo che il ragazzo tiene un braccio sulle spalle di lei come farebbe un fidanzato (foto piccola in alto a destra).

Mentre i ragazzi salgono sull’auto bianca, il padre appare sconvolto, ma per nulla intenzionato a scendere per andare a chiedere ai due che ci facevano in quella stanza. L’auto bianca porta la ragazza accanto alla scuola dove tiene i suoi vestiti da studentessa e poi prosegue.


  • Gurdate la foto piccola in alto a destra e ditemi se voi non vi sareste tranquillizzati su quello che ci facevano in quella stanza vedendo il ragazzo tenerla come si tiene una fidanzata. La faccia sconvolta del padre ci dice invece che lui pensa al peggio, facendo un torto non solo al ragazzo ma anche e soprattutto a sua figlia.
  • Prima di dare per scontato che il padre di sicuro vuole il bene della figlia, vediamo di non dimenticare che questo è vero nelle relazioni positive ma è tutt’altro che scontato in quelle negative.
  • In genere i genitori offrono amore positivo ai figli e desiderano realmente il loro bene, ma qui il padre che li lascia andare via senza fermarli per chiarire la situazione (a ridosso della situazione da chiarire, dove capire cosa è avvenuto è molto più facile) non è certo un fulgido esempio di qualcuno che vuol chiarire come stanno le cose.
  • Non fermare il sospettato in flagranza di reato non è mai un servizio alla verità, ma anche l’indagine a distanza ha la sua utilità per procurarsi i dati per capire la verità e aspettiamo a vedere se questo padre la verità la sta cercando o meno.

L’auto del padre (Yeong_Ki) taglia la strada all’auto del ragazzo, che si ferma bruscamente.
Il ragazzo suona il clacson, ma visto che l’altro non si muove scende.
Ragazzo: – Signore, che diavolo sta facendo? Si può sapere perché mi blocca la strada, eh?
Yeong_Ki gli va vicino e lo guarda, male, senza parlare.
R.: – Sposti subito la sua auto. Adesso basta, capito.

Yeong_Ki (prendendolo per una spalla): – Che ne dici di un pugno per ogni bugia che ci raccontiamo?
R.: – Cosa?!
YK.: – Inizio io a fare domande. Dove ti trovavi un momento fa?
Ragazzo: – Mi spiega perché dovrei dirlo proprio a lei?
YK.: – Uno… due…
R.: – Ero in un motel, con una ragazza. E allora?
YK.: – Quanti anni ha quella ragazza? Uno… Due… Quanti anni ha quella ragazza? Uno… (Schiaffo, come nella foto) Due…
R.: – Giù le mani! Ma che diavolo fa?!
YK.: – Quanti anni ha quella ragazza? Uno… (Schiaffo)
R.: – Chi è lei?
YK.: – Due… Secondo te chi sono? (Schiaffo) Secondo te chi sono? (Schiaffo)
R.: – Ho capito.
YK.: – Sparisci, bastardo. Prima che ti ammazzi.

Il ragazzo non si muove e aspetta che l’altro sia salito in auto. Poi fa marcia idietro e va via.


  • Chi è il padre per decidere che quel ragazzo è da ammazzare?
  • Chi gli ha detto che qualcuno ha il diritto di ammzzare qualcun altro?
  • Che valore attribuisce alle scelte di sua figlia se ammazzerebbe il ragazzo che la baciava e la trattava da fidanzata senza nemmeno sentirla?
  • E se lui fosse il grande amore di sua figlia e la figlia il grande amore di questo ragazzo?
  • Il primo aspetto grave grave è che il padre, potendo pensare sia male che bene di sua figlia, va dritto sparato verso il pensare male, senza dare a questo ragazzo (ma come vedremo nemmeno a sua figlia) alcuna possibilità di difendersi dalle accuse che gli muove.
  • Il secondo aspetto grave è meno evidente ma di una gravità terribile. La ragazza ringrazia gli uomini con cui va, alla fine, perché loro la aiutano ad essere positiva rispondendo con apprezzamento all’apprezzamento a priori di lei. La positività in amore è la ricetta della felicità, secondo la psicologia fondata sull’analisi della domanda che sto usando in questi commenti, per cui la figlia ha trovata la cosa più preziosa al mondo e questo ragazzo la sta aiutando a non perderla. La cosa grave è che il padre, non dando a sua figlia la possibilità di spiegare cosa sta facendo, sta rischiando di toglierle la ricetta della felicità che lei ha appena trovato
  • La legge dà al padre il diritto legale di comandare su sua figlia, ma non lo autorizza a pensare che quello che sembra buono alla figlia non valga nulla (anche se è la ricetta per la felicità) e quello che sembra buono al padre valga tutto (anche se è la ricetta per l’infelicità).

Tornato a casa, il padre resta per ore nell’auto, pensieroso.

Quando entra in casa è buio e sua figlia dorme abbracciando un grosso orsacchiotto. Il padre accende la luce e la guarda, ma non la sveglia. Dopo qualche minuto spegne la luce e sospira.


  • Le emozioni di orgine esterna durano secondi e se un’emozione dura per ore è perché viene riattivata dallo stesso soggetto.
  • Perché questo padre, una volta calmatosi non va a parlare con sua figlia invece di ricreare in se le brutte emozioni provate prima? Perché aspetta che così tanto che lei si addormenta e poi poi non la sveglia per parlarci?
  • Gli umani si accordano sul cosa considerare vero o falso e sul cosa considerare bene o male, ma questo padre non va dalla figlia a concordare qualcosa.
  • Quest’uomo è il depositario della verità o una persona così negativa da non dare alcun valore agli altri decidendo tutto da solo?

|<= 9 – Pedinata

Yeo_Jin: – Perché oggi non mi racconti una storia di un paese straniero?
Padre: – Tanto non mi ascolti.
Y.: – Invece ti ascolto sempre.
P.: – In Italia, tre ragazzine di un paesino di campagna andarono a giocare in un bosco, quando all’imprroviso nel cielo apparve la Vergine Maria in una luce accecante… […]
Y.: – Papà, sei preoccupato per la tua vita? Tu ci credi nei miracoli?
P.: – Magari potesse succedere il miracolo.
Y. (dopo averlo attastato in volto): – Perché non ti sei fatto la barba oggi?

P.: – Me ne sono dimenticato.


  • Prima di dire che non si è fatto la barba, la figlia lo attasta. Perché il padre non attasta la figlia prima di pensare che si prostituisce?
  • Il miracolo qui è che il padre si accorga che la figlia esiste, visto che non fa nulla per sapere cosa ha in testa lei, come se quello che prova o pensa lei nemmeno esistesse.
  • Dopo tutte queste mancate occasioni per sapere cosa sta facendo la figlia, possiamo attribuire ad errore involontario che lui cerchi di toglierle quella positività verso gli uomini che sulla terra aspettiamo da una donna da 5 mila anni?

Il padre non va al lavoro e aspetta davanti al cancello della scuola.
Alla fine delle lezioni vede la figlia andare verso un bagno pubblico, uscendo poco dopo con vestiti diversi.
Poi la figlia va al solito motel e il padre pure.

Yeong_Ki (a un uomo che va verso il motel fischiettando): – Mi scusi?
Uomo: – Mi dica. Posso fare qualcosa per lei?
YK.: – Sta andando ad un appuntamento con una giovane ragazza?

U.: – Che? Lei deve essere pazzo. Come si permette?


  • Il “posso fare qualcosa per lei?” dell’uomo ipotizza a priori che lo sconosciuto che lo ha fermato sia una persona positiva, evidenziando che Yeong_Ki fa una scelta quando ipotizza a priori che gli sconosciuti che vanno con sua figlia siano persone negative.

Yeong_Ki (a un secondo uomo che va verso il motel): – Mi scusi? Sta andando… ad un appuntamento con una giovane ragazza?
L’uomo resta in silenzio, dando segni di disagio.
 YK.: – Beviamo qualcosa insieme.
Uomo: – Mi dispiace, ma… ho un po’ da fare.
YK.: – Solo un bicchiere.
L’uomo lo segue.

Uomo (dopo aver bevuto): – Mi scusi, ma… chi è lei?
Squilla il cellulare.
U. (al cellulare): – Si? Chi parla? … Oh! Ho incontrato una persona. Ehm… aspettami, sarò lì tra un attimo.

U. (a Yeong_Ki): – Se lei non ha niente da dirmi, adesso io dovrei andare. Grazie per avermi offerto da bere.


  • Lo spettatore sa che è che la ragazza che invita gli uomini a un’ora con lei e da questo momento in poi lo sa anche Yeong_Ki, perché quella è la voce di sua figlia ed è lei che chiama l’uomo, non viceversa.

Yeong_Ki resta in silenzio, ma quando l’altro si alza spacca la bottiglia tenendo minacciosamente in mano il collo scheggiato di essa.
L’uomo si rimette a sedere.
Yeong_Ki: – È meglio per lei… riprendere la strada che l’ha portata qui.
L’uomo se ne va, lasciando a Yeong_Ki il cellulare che gli ha strappato di mano.

Il cellullare dell’uomo squilla di nuovo e il padre lo apre, ma senza parlare.
Figlia (al cellulare, pensando di parlare all’uomo dell’appuntamento): – Perché non sei ancora arrivato? Devo stare a casa per le 5. Sbrigati! (Il padre si mette a piangere) Piangi? È morto qualcuno? Dai muoviti. Ti consolo io.

Il padre chiude il telefono, si mette a singhozzare e sbatte in terra il telefono dell’uomo.


  • Quelle parole sua figlia avrebbe potuto dirle anche a suo padre, sentendolo piangere, ma le dice ad uno che deve ancora incontrare per la prima (e ultima) volta.
  • La figlia non sa ancora se lo sconosciuto la tratterà positivamente o negativamente, ma evidentemente pensa bene di lui, dopo di che lo sconosciuto sarebbe un pazzo se si comportasse male, perdendo in un colpo solo l’approvazione di una donna e quella di una donna della generazione successiva.
  • Il padre non sa se lo sconosciuto tratterà bene o male sua figlia, ma evidentemente pensa male di lui, dopo di che lo sconosciuto è invogliato a comportarsi male perchè in ogni caso l’approvazione del padre non ce l’avrà mai.
  • Il lato grave è che qui il padre intuisce benissimo che la figlia non è una prostituta dal come parla a quello sconosciuto, ma preferisce pensarla così, dopo di che la figlia è invogliata a farla, la prostituta, perché la stima del padre l’ha già persa.
  • Quanto ai malintesi, una roba da Terra1 sconosciuta su Terra2, che malinteso è se il padre continua a non parlare con la figlia di quello che fa, arrogandosi il diritto di giudicarla senza averne mai parlato con lei?

|<= 10 – Ragazzine

Amico di Yeong_Ki: – Come mai quel muso lungo? Perché mi hai fatto venire qui, se non vuoi parlare?
Ragazza 1 (con la sciarpa): – Come è andata ieri con quel ragazzo?
Ragazza 2 (in giallo): – Ah! È stata una gran noia.
Ragazza 3: – Avevo capito che ti piaceva.

A.: – Mi stai deprimendo. (Poi, avvicinandosi): – Ehi, ehi! Vedi quelle? Sembrano ragazzine del liceo, eh? Ma si comportano come donne fatte!


  • Yeong_Ki non parla con la figlia, non parla con gli uomini che vanno da lei e qui vediamo che non parla nemmeno con un amico.
  • Ha difficoltà di parola o piuttosto fino a che non parla con nessuno non deve contrattare con nessuno la bontà di quello che pensa?
  • Quest’uomo si sarebbe interessato alle ragazzine del tavolo accanto, se poteva interessarsi alla figlia di Yeong_Ki (perchè lui parlava invece di starsene lì facendo quello che ha subito un torto dalla figlia quando invece il torto lo sta facendo lui alla figlia)?

Amico: – Ehi ragazze! Facciamo due chiacchiere? Quanti anni avete?
Ragazza 2 (in giallo): – Quanti secondo te?
A.: – Siete studentesse. Ma non andate ancora all’università, vero?
R2: – Ci vuoi offrire da bere? (Poi si mette a ridere, seguita dalla ragazza 3).
Ragazza 1 (con sciarpa): – Perché no? Abbiamo tutte la stessa età.
A.: – Ah. Accidenti. Tu (alla ragazza 3) piccola…
Padre: – Andiamocene.
A.: – Aspetta un secondo.
R3: – Dolcezza, sei più carino di quanto pensassi. Che aspetti, scegli quella che tra noi ti piace di più.
A.: – Perché?
R3: – Coraggio, dolcezza.
A.: – Tu.

La Ragazza 2 gli dà uno schiaffo.


  • L’interesse alla ragazzine dell’amico di Yeong_Ki poteva prendere una piega positiva (trasferendo alle ragazze un po’ della sua esperienza di vita), che una piega negativa (chiedendo sesso) e la domanda è: a proporre la piega negativa è l’amico di Yeong_Ki o le ragazzine?
  • La domanda sull’età è sospetta, ma da sola non basta perché anche in un interessamento positivo è importante sapere l’età altrui, ad un’età dove avere 14 anni è una cosa e averne 16 è un’altra. Anche il “ci vuoi offrire da bere” è sospetto, ma non decisivo, per cui a questo punto le due parti si stanno studiando senza aver ancora deciso se litigare o collaborare tra di loro.
  • L’intervento della ragazza 3 è invece un chiaro invito a giocare al disprezzo reciproco e viene dalle ragazze, anche se l’amico di Yeong_Ki ha la responsabilità di aver accettato quel gioco, al quale perdono tutti e più di tutti gli uomini (accusati da millenni di cercare le donne solo per farci sesso).
  • Su Terra1 i desideri maschili sono spiegati col desiderio di riprodursi e un adulto che desidera mettere incinta una ragazzina fa un atto di disprezzo perché le chiede di saltare la sua giovinezza.
  • Su Terra2 i desideri maschili sono spiegati col desiderio di essere approvati e chiedere approvazione a una ragazzina è un atto di apprezzamento offrendo a lei il ruolo svolto da una figlia.
  • In una relazione con disprezzo reciproco ogni azione è uno schiaffo, mentre in una con apprezzamento reciproco ogni azione è una carezza e ovviamente gli schiaffi fanno stare male e le carezze fanno stare bene.

Ragazzi: – Che succede qui?
Ragazza 2: – Stavamo qui ad aspettare voi e intanto questi due serpenti ci hanno mostrato la lingua. Ora gli stavamo dando una lezione.
Ragazzo 1 (col cappello): – Sono solo dei vecchi pervertiti che si eccitano con le ragazzine. Ehi (rivolto all’amico di Yeong_Ki), asciugati la bava.
Amico: – Attento a come parli, teppista.

Ragazzo 2 (in primo piano): – Perché? Se no che succede? Volete il rispetto? E allora non andate a rimorchiare le ragazze che hanno la metà dei vostri anni. Fatevi una vita vostra.


  • Gli schiaffi continuano, perché i nuovi arrivati non propongo apprezzamento reciproco ma disprezzo reciproco.
  • Rimorchiare una ragazza è disprezzarla e il disprezzo che viene da un coetaneo è anche più dannoso di quello che viene da un adulto, perché è coi coetanei che si cerca di costruire il proprio futuro.
  • Fatevi una vita vostra, i vecchi coi vecchi, è ringraziare quelli che li hanno cresciuti dicendo loro “adesso potete pure morire e levare il disturbo”

Amico del padre: – Sapete dove lavora il mio amico?
Ragazzo 3 (avvicinandosi aggressivamente): – No, non lo sappiamo. E allora? (urlando) E ALLORA?
Yeong_Ki (dopo aver preso il Ragazzo 3 per la maglietta e averlo scaraventato addosso al ragazzo 2): – Piantatela!

Poi Yeong_Ki prende l’amico per un braccio e lo tira via dalla sedia.
Amico: – Ehi. Dovresti mettere questi topi di fogna dietro le sbarre. (dopo aver lanciato qualcosa preso dal tavolo contro il ragazzo 3) Tremo tutto dalla paura.
Yeong_Ki: – Andiamo.

L’amico continua a tirare roba ai ragazzi e non vuole venire via. Allora Yeong_Ki lo prende per la maglia e gli dà uno schiaffo urlando “ho detto basta!”.

Amico (dopo essersi ripreso dallo stupore): – Che ti succede? Perché mi hai colpito, bastardo? Eh? Che hai?


  • Coi suoi schiaffi Yeong_Ki non combatte il presunto disprezzo degli uomini verso sua figlia e il disprezzo accertato del suo amico ma lo alimenta.
  • Yeong_Ki aveva l’occasione di vedere cosa passa per la testa ad un adulto che accetta relazioni sessuali orientate al disprezzo da queste ragazzine, ma non la coglie, mostrando ancora una volta che lui non punta a capire ma ad imporre la sua versione dei fatti (con l’aggravante che è una versione dei fatti negativa dove sono tutti mostri meno che lui).
  • Secondo l’analisi della domanda, il solo modo di uscire da relazioni negative è innamorarsi delle relazioni positive, smettere di litigare e tirare fuori i propri sogni, cercando come realizzarli all’interno di relazioni costruttive, quelle dove si apprezza e si chiede apprezzamento. Questo è esattamente quello che ha fatto sua figlia, passando dal disprezzare gli uomini che aveva all’inizio all’apprezzarli come li apprezzava la sua amica. Se il padre non lo sa che questo sta facendo sua figlia è perché con la figlia non ci ha mai parlato, come non ha parlato con l’amico a tavola, ovvero perché non lo vuol sapere.

|<= 11 – Sassate

Una mercedes si ferma in mezzo alle canne e l’autista va a baciare la ragazza al fianco, che è Yeo-Jin. Interrompe il bacio quando un sasso colpisce il parabrezza, poi va di nuovo verso la ragazza.
Un secondo sasso colpisce il cofano, il bacio si interrompe e la ragazza mette la mano sulla bocca apparendo preoccupata.
Yeo-Jin scende dall’auto, che viene avviata e fa marcia indietro.

Senza più la paura di colpire sua figlia, il padre di Yeo-Jin passa dai sassolini alle pietre, sfondando entrambi e finestrini laterali e incrinando pesantemente il parabrezza. In un momento di tregua, l’uomo si solleva dal sedile sul quale si era appiattito, riprende la marcia indietro e poi va via.

Il padre guarda la figlia, che sembra non vederlo, poi va via lasciandola dove è.


  • Qui la ragazza capisce che a tirare quelle pietre è il padre, ma non va a cercarlo per parlarci e ci chiediamo se questo è compatibile con la sua positività verso gli uomini.
  • Si, è compatibile, perché pensare bene a priori di uno sconosciuto è una scelta, mentre per pensare bene del padre che conosce bisogna che il padre si comporti bene con lei, e non lo sta facendo condannandola senza darle la possibilità di difendere il suo operato.
  • Per creare una relazione positiva bisogna essere in due ad apprezzare i lati apprezzabili dell’altra persona e finché il padre ha questa impostazione verso la figlia lei non può valorizzarne i pregi senza incoraggiarlo a trattarla da incapace (che è quello che il padre sta facendo da quando ha scoperto quello che fa).

Yeong_Ki ha seguito l’uomo che prima stava con sua figlia, il quale ha portato l’auto dal carrozziere.
Yeong_Ki (all’uomo che passa accanto alla sua auto): – Mi scusi. Ha da accendere?
L’uomo gli accende la sigaretta. YK. (all’uomo che sta andando via): – Deve andare molto lontano?
Uomo: – Posso arrivarci a piedi da qui.
YK.: – Salga su, le do un passaggio. L’uomo non risponde e si avvia a piedi.

Yeong_Ki segue in macchina l’uomo che va a piedi e si ferma accanto a casa sua.
Uomo (tornando dalla porta di casa alla macchina di Yeong_Ki): – Mi dispiace tanto.
YK.: – Di cosa?
U.: – Sono davvero mortificato.
YK.: – Chi crede che sia?
U.: – Mi dispiace tanto. La prego di perdonarmi.
L’uomo china il capo verso terra, per due volte, poi va verso l’ingresso. Qui si ferma, si volta verso Yeong_Ki e gli fa un altro inchino (foto piccola in alto a sinistra). Poi entra in casa.

Dopo un po’ l’uomo si affaccia dal balcone e vede che l’auto è sempre lì sotto e che Yeong_Ki lo guarda.
Il tempo passa e la situazione non cambia. Poi la figlia viene a chiamare il padre e rientrano in casa.

Suona il campanello e la figlia viene mandata ad aprire. Yeong_Ki va verso la tavola dove sta mangiando tutta la famiglia.
Moglie: – Chi è lei? Lei chi è.
Yeong_Ki (senza rispondere ma continuando ad avvicinarsi, rivolto alla ragazzina): – Quanti anni hai?
Ragazzina: – Scusi?
YK.: – Che classe fai?
R.: – Frequento… il secondo liceo.
YK. (all’uomo che tiene la testa bassa): – Non ti fai ribrezzo da solo?

Poi Yeong_Ki da un forte schiaffo all’uomo. La donna anziana sobbalza e fa un verso che indica dolore.


  • Questa è un’esecuzione, sul piano morale, ma non è preceduta da un processo.
  • Per di più è l’esecuzione di un uomo accusato ingiustamente di aver cercato Yeo-Jin (perché è stata lei a cercare lui) e accusato ingiustamente di disprezzare la ragazza (perché se la trattava come gli altri allora la apprezzava).
  • Per di più è l’esecuzione di un uomo che ha chiesto perdono di aver fatto preoccupare il padre della ragazza, troppo ottuso per capire che sua figlia non si stava prostituendo e lui non si stava approfittando della sua giovane età.
  • Quanto al ribrezzo, a me fa ribrezzo una terra dove baciare una ragazza fa ribrezzo, perché fino a prova contraria un bacio è un atto d’amore e se fa ribrezzo il bacio allora fa ribrezzo l’idea che si ha di amore.
  • L’amore che fa ribrezzo è quello negativo, nel quale si disprezza la persona a cui si dice “ti amo”. L’amore positivo è quello con apprezzamento e noi abbiamo visto Yeo-Jin offrire questo amore ottenendo questo amore, per cui fino a prova contrario il bacio di cui quest’uomo dovrebbe provare ribrezzo era un bacio che significava “ti apprezzo e chiedo il tuo apprezzamento”
  • Ma tutto questo è per chi vuol capire, e non abbiamo visto un solo gesto di Yeong_Ki che mostrasse intenzione di capire cosa faceva sua figlia.

Yeong_Ki dà molti schiaffi all’uomo, che se li piglia senza reagire.
YK.: – Di’ qualcosa.

Moglie: – No! Chi crede di essere lei, per comportarsi così?  Cosa ha fatto mio marito? (Poi rivolta al marito) E tu perché ti fai schiaffeggiare da quest’uomo? Di che cosa sei colpevole?


  • Che poteva fare quest’uomo per difendersi davanti alle persone di un pianeta dove da 5 mila anni gli uomini sono colpevoli di cercare solo il sesso?
  • Poteva forse raccontare di aver conosciuto una extraterrestre che aveva un’altra idea degli uomini, anche se era vero?

Figlia: – Perché sta picchiando mio padre? Lei è un pazzo scatenato, se ne vada!
Donna anziana (al figlio): – Che cosa c’è di tanto grave? Hai fatto qualcosa di male?

Yeong_Ki: – Sei un bastardo. Sei andato a letto con una ragazzina più giovane di tua figlia. Neanche i cani fanno queste cose! Sono i bastardi come te che rovinano questo mondo (nuovo schiaffo).
Moglie: – Lei è veramente pazzo da legare. Se ne vada! FUORI DI QUI! ESCA DA CASA MIA SUBITO, MALEDIZIONE!

Yeong_Ki guarda la donna senza ribattere, poi si gira e va via.


  • Con questo silenzio davanti alle parole della moglie dell’altro, Yeong_Ki mostra di sapere che sono le donne a stabilire cosa è bene e cosa è male, un ruolo che su Terra1 non viene ammesso esplicitamente (ma che in genere viene rispettato) e che su Terra2 è il punto di partenza per spiegare tutti i comportamenti in amore.
  • Ora il punto è che non è stato l’adulto a cercare la ragazzina per farci sesso, ma lei a cercare l’adulto per farci sesso.
  • La legge italiana considera reato il sesso con una minore di 16 anni anche se consenziente e anche con una 16/17-enne consenziente se lei viene pagata.
  • Era quindi reato il sesso con Jae-Yeong perché veniva pagata, ma non quello con Yeo-Jin che non prendeva soldi e che era consenziente.
  • Il lato grave del comportamento paterno è che non ha mai chiesto a sua figlia di chi era l’iniziativa e se lei prendeva soldi].
  • Conosciute le scelte della figlia, il padre poteva dirle che erano sbagliate e che non aveva l’età per scegliere correttamente (nonostante la legge dica il contrario se ha più di 16 anni), ma non voler nemmeno sentire la figlia è diverso e imposta la relazione non come guidata dall’adulto ma come imposta dall’adulto.
  • In ogni caso l’adulto dovrebbe fare l’interesse del minore e fare l’interesse di un ragazzo significa incoraggiare la sua positività e scoraggiare la sua negatività, ma qui il padre fa esattamente il contrario.
  • Ipotizzarne la negatività della figlia è lecito, ma poi bisogna cercare le prove a sostegno di tali ipotesi e non solo non abbiamo visto il padre trovarle ma nemmeno cercarle.

Moglie (appena Yeong_Ki chiude la porta dietro di se): – Che diavolo hai fatto? Dimmelo! PERCHE’ SEI RIMASTO LI’ SEDUTO MENTRE TI PICCHIAVA? EH?

L’uomo non risponde e si avvia a capo chino verso il balcone. Poi si butta di sotto e pezzi del suo cervello rotolano sull’asfalto.


  • Il fatto che l’uomo si uccida può significare che si prende le colpe, ma non è per questo che si è uccisa Jae-Yeong, bensì perché non voleva vivere in un mondo che non le permetteva di essere positiva.
  • Decidete da soli se quest’uomo si è ucciso perchè si è considerato colpevole o se lo ha fatto perché ha pensato che non valesse la pena di vivere in un mondo dove un uomo è colpevole a prescindere da quello fa, ma attenzione perché la via più ovvia è quella che il problema lo crea, mentre la risposta che richiede coraggio è quella che il problema lo risolve.

|<= 12 – Furioso

Yeong_Ki apre la pentola a pressione e ci mette sopra la mano per scottarsi volontariamente.
Yeo-Jin: – Papà!
La figlia allontana dal vapore la mano che il padre, stringendo i denti, teneva lì per scottarsi.
Y.: – Che fai?!
Yeong_ki: – Cosa fai tu?
Y.: – Andiamo all’ospedale! D’accordo? Andiamo all’ospedale.
YK.: – Sto bene.

La figlia mette la mano del padra sotto il rubinetto aperto.


  • Yeong_ki, come ogni persona negativa, si fa del male da solo per dare la colpa della sua sofferenza agli altri, qui alla figlia, e sentirsi autorizzato a fare del male agli altri, cosa che puntalmente farà tra un attimo uccidendo il ragazzo che stava in auto con la figlia.
  • Arriva solo adesso la prima domanda del padre alla figlia (“cosa fai tu?”), ma non è una domanda che chiede una risposta perché non viene fatta in un momento in cui la situazione è tranquilla, ma durante un’emergenza che impone altre priorità rispetto al mettersi a parlare.
  • Comunque è chiaro per la seconda volta alla figlia che il padre sa e nemmeno lei fa nulla per chiarire cosa sta facendo. Ma cosa potrebbe dire ad un padre così convinto che lei si prostituisca da scottarsi la mano per prepararla ad uccidere senza alcun processo un’altra persona?
  • Nel commento al film il regista dice di aver fatto un film sulla prostituzione minorile, ma non si capisce dove sia la prostituzione se Yeo-Jin i soldi non li prende ma li restituisce e se prima Jae-Yeong i soldi li prendeva ma non per se bensì per darli all’amica. Il film se mai è su ciò che il padre (e lo spettatore allineato alla posizione del padre) considera prostituzione quando non lo è, perché non ci sono soldi presi e perché quando non c’è disprezzo ma apprezzamento è amore positivo.

In un sottopassaggio nessuna delle due auto dà strada, per cui si bloccano a vicenda. Yeong_Ki ha il diritto di passare, perché ingombra è l’altra carreggiata, ma l’altra auto non fa marcia indietro nonostante il clacson suonato a ripetizione da Yeong_Ki.
Allora l’uomo scende e tira fuori l’altro autista dalla sua auto a forza.
Autista: – Stavo per fare marcia indietro.
Moglie dell’autista: – Metta giù le mani.
I due pensano che Yeong_Ki voglia rubare la loro auto, ma pensando che sia pericoloso fermarlo gli lasciano prendere l’auto.

Yeong_Ki invece si limita a sposta indietro l’auto, poi corre verso la sua auto e va via.


  • L’aggressione di Yeong_Ki il tempo non glielo fa guadagnare ma perdere, perché appena sceso l’altro si è deciso a fare marcia indietro e avrebbe fatto prima a fare la manovra chi era già al volante.

A causa di questo ritardo, quando il padre arriva trova il ragazzo in auto con la figlia che si sta rivestendo. Yeong_Ki abbassa la testa e non fa nulla.


  • Le persone negative si caratterizzano non per quello che fanno ma per quello che potevano fare e non fanno.
  • Qui Yeong_Ki è un poliziotto e poteva arrestare quest’uomo, come anche quello precedente, ma non lo fa.
  • Possiamo giustificarlo pensando che non voleva far sapere a tutti che sua figlia si prostituiva, ma se pensava davvero che sua figlia fosse una vittima di questi uomini avrebbe anche dovuto pensare che si sarebbe venuto a sapere che lei era stata tratta in inganno dai clienti coi loro soldi.
  • Appurare come sono andati i fatti prima di emettere la sentenza è quello che Yeong_Ki poteva e doveva fare, magari da solo se non voleva rendere di pubblico dominio la storia.
  • Che sia stato quest’uomo ad aver telefonato alla minorenne per chiederle un appuntamento o viceversa non è un dettaglio e nessuno meglio di un poliziotto dovrebbe saperlo, ma Yeong_Ki non chiede ne a sua figlia ne agli uomini che trova con lei chi ha telefonato per chiedere l’appuntamento.

Il ragazzo va nel bagno pubblico e Yeong_Ki lo segue.
Prima lo guarda male e poi gli urina in volto.

Yeong_Ki picchia selvaggiamente il ragazzo riducendolo in queste condizioni.

Poi il ragazzo reagisce e cerca di soffocare Yeong_Ki. Ma questi riesce a scappare, torna con una pietra e con quella colpisce la testa del ragazzo uccidendolo.


  • Nella relazioni positive le persone si amano, in quelle negative si feriscono l’un l’altra.
  • La figlia ama questi uomini e il padre li ferisce mortalmente.
  • Scegliete con chi dei due volete stare, ma se scegliete il padre poi non lamentatevi se il padre di questo ragazzo andrà ad uccidere Yeo-Jin, se il padre di Yeo-Jin andrà ad uccidere il padre del ragazzo e così via, rendendo la terra un campo di battaglia dove se non ti sbrighi ad uccidere verrai ucciso.
  • Se invece scegliete la ragazza, non meravigliatevi se il padre di lei invita a cena questa ragazzo invece di massacralo di botte, perché dar ragione alla ragazza significa pensar bene degli sconosciuti fino a prova contraria. Se avesse fatto questo, il padre sarebbe andato a chiedere a questo ragazzo che faceva con sua figlia sperando di sentirsi rispondere non che la pagava ma che la amava. E visto che questo era giusto quello che faceva, nonostante le apparenze, un invito a cena era più che dovuto.

Scoperto il ragazzo massacrato, Yeo_Jin si allontana lentamente dal bagno, mentre una coppia sta chiamando la polizia per avvertire che un ragazzo di circa 30 anni è stato assassinato.

Yeo_Jin cancella qualcosa sulla sua agenda e poi la butta al margine della strada.


  • Come mai Yeo-Jin è così calma, dopo aver visto il ragazzo ucciso e suo padre diventato un assassino?
  • Non è nata ieri e non poteva non sapere che il padre, in assenza di spiegazioni che lei non gli ha dato, avrebbe pensato che questo ragazzo la pagava per usarla e che avrebbe potuto fare del male al ragazzo.
  • Col suo silenzio la ragazza sottopone il padre a una prova di fiducia nei suoi confronti, non superando la quale il padre è meglio perderlo che trovarlo.
  • Anche Yeo_Jin ha dovuto superare questa stessa prova quando la sua amica si è buttata dal balcone, perché poteva darne la colpa ai poliziotti ma ha scelto di ammettere che la colpa era sua (che non aveva creduto alla bontà dell’impostazione positiva dell’amica).
  • Il silenzio di Yeo_Jin è anche un atto di fiducia verso il padre, che può capire da solo la positività della figlia e se fino ad ora non l’ha capita è perché non ha voluto capirla. Yeo_Jin fa molto per il padre anche non offendendosi per il fatto di essere considerata una che si prostituisce. Entrambi questi atti di fiducia fino ad ora sembrano non aver dato risultati, ma non è detto che non stiano producendo dei risultati al momento non visibili.
  • La Yeo_Jin che resta tranquilla nonostante tutto è una ragazza che resta positiva nonostante il padre abbia cercato di renderla negativa e preoccupata con la stessa determinazione con cui lei prima aveva cercato di togliere il sorriso all’amica positiva.
  • La positività però non la può togliere niente e nessuno a una persona se non ci rinuncia da sola e lei non è riuscita a toglierla all’amica, come il padre non è riuscito a toglierla a lei.

Poi il padre va a piangere sotto la doccia, dove lava via il sangue del ragazzo.


  • Questa scena ricorda in tutto e per tutto quella in cui Yeo_Jin lavava via il sangue della sua amica.
  • Il padre è colpevole del sangue di questo ragazzo come ieri Yeo_Jin era colpevole del sangue della sua amica, e in entrambi i casi il sangue versato era quello di persone positive in amore.
  • Yeo_Jin si è riscattata diventando positiva lei come positiva era l’amica e il padre, se lo vorrà, potrà riscattarsi diventando positivo come positiva era ed è sua figlia.
  • Questo succederà alla fine, perché il padre non uccide anche lei ma si piglia le sue colpe andando in prigione e dopo aver insegnato a sua figlia a guidare per andare dove vuole andare lei.

|<= 13 – Soanata

Quando la ragazza rientra, trova il padre che prepara da mangiare.
Padre (con un sorriso): – Ne vuoi un po’?
La figlia non risponde, ma il padre fa una fetta porgendogliela e lei la accetta.
P.(sempre sorridente): – Ti piace?
Lei fa cenno di si.
P.: – Yeo_Jin, ti va di fare un viaggio? Andiamo alla tomba della mamma e poi visitiamo la campagna.
Yeo_Jin: – Adesso?

P.: – Si.


  • La positività di Yeo_Jin ha vinto sulla negatività del padre come ieri la positività di Jae-Yeong aveva vinto sulla negatività di Yeo_Jin e questo è il primo atto di un padre diventato positivo, che ha sul volto lo stesso sorriso di Jae-Yeong.
  • Il padre positivo parla con sua figlia e non le dice cosa le deve piacere ma aspetta a sentire da lei se gli piace o meno quello che gli dato lui.
  • Il viaggio che propone il padre è una rottura col passato, di lei che smette qui di imitare la positività dell’amica per cominciare a vivere la sua positività e di lui che smette qui di fare il poliziotto che impone la legge con la forza e cerca il consenso altrui.
  • Il film è in tre parti: VASUMITRA ovvero la positività di Jae-Yeong con tutti e persino con gli uomini che la cercano pensando che sia una prostituta come le altre mentre lei è di tutt’altra specie perché offre agli amore positivo; SAMARIA ovvero la positività di Yeo_Jin che riprende quella di Jae-Yeong da dove lei l’aveva lasciata e non demorde fino a che non apre gli occhi a suo padre portando alle estreme conseguenze la sua negatività; SONATA ovvero la positività del padre che accetta la positività di Yeo_Jin e si propone di viverla dopo aver pagato il debito col mondo come omicida che si è macchiato di sangue positivo.
  • Vanno alla tomba della mamma a dirle che gli assassini sono stati trovati: era il marito negativo e la figlia negativa, ma ora sono morti entrambi e al loro posto ci sono due persone positive.

Padre (appena salito in auto): – Yeo_Jin, dormi. Ti sveglio io appena arriviamo alla tomba della mamma.

Durante il viaggio la ragazza dorme.


  • Per dormire accanto a qualcuno bisogna fidarsi di lui e qui il padre chiede alla figlia di fidarsi di lui, che ora è diventato positivo.
  • Una ragazzina che dorme accanto ad un adulto su Terra1 è concepibile solo se sono padre e figlia, su Terra2 è concepibile sempre perché l’intimità è un atto d’amore ma solo un amore su mille è un amore con sesso.

Sulla strada verso la tomba della mamma, padre e figlia si tengono per mano.


  • È solo su Terra1 che un adulto che tiene per mano una ragazzina è considerato un mostro, se quella non è sua figlia, perché solo su Terra1 amare una persona dell’altro sesso implica farci sesso.
  • Notare la parità, caratteristica primaria di una relazione positiva, mentre il padre padrone è presente solo in una relazione negativa.
  • Ora Yeo_Jin può dare la mano a suo padre perché è diventato positivo come lei.

La tomba della mamma è questo monticello senza insegne e lo capiamo da come lo guardano e dal mettersi in ginocchio lì davanti.

Yeong_Ki, tolta qualche foglia, riempie un bicchiere d’acqua dalla bottiglia e lo versa sulla tomba. Poi lui prende due porzioni di cibo e le tira sulla tomba come a dire “mangia anche tu, moglie mia”


  • Il valore simbolico di un’azione è a volte molto superiore al beneficio che tale azione comporta e l’azione più carica di valore simbolico è il fare sesso.
  • Un’intimità fisica come lo stare dentro allo stesso letto ha lo stesso valore simbolico del fare sesso anche se il sesso non viene fatto, ma quanti spettatori guardando Yeo_Jin nuda dentro ad un letto insieme ad un uomo nudo hanno pensato che il sesso potevano anche non averlo fatto perché aggiungeva ben poco all’incontro e creava loro dei problemi nelle altre relazioni?
  • Su Terra2 la maggioranza degli spettatori lo avrebbero pensato, perché permetteva loro di pensar bene di quegli uomini e pensar bene degli altri è piacevole.

Poi si mettono a mangiare, ma il padre è così preso dai suoi pensieri che non vede neppure la figlia che gli offre da bere.

Poi il padre vomita (foto piccola), mentre lei gli batte sulla schiena per aiutarlo a vomitare e per incoraggiarlo a farlo.


  • Le azioni vomitevoli fatte dal padre non sono difficili da indovinare, perché se ora è un uomo positivo tutto quello che ha fatto da quando ha visto la figlia nella camera del motel gli deve apparire vomitevole.
  • In quelle azioni non c’era amore per la figlia ma odio per il mondo intero (figlia compresa) e ammetterlo deve essere assai spiacevole, ma apre ad un futuro piacevole se è vero che le persone positive sono sempre sorridenti come era sempre sorridente Jae-Yeong.

Poi il padre si mette a piangere e la figlia lo aiuta a superare quel momento di sconforto prima appoggiandosi su di lui (foto piccola) e poi quasi “mettendosi a dormire” sopra di lui.


  • Più avanti piangerà anche Yeo_Jin e lo spettatore può essere tentato dall’idea che piange perché è pentita di aver fatto sesso con quegli uomini. Vedere piangere qui il padre che il sesso con gli sconosciuti non ce lo ha fatto, però, dovrebbe aiutare lo spettatore a non cedere a questa tentazione.
  • Il padre piange per i morti che ci sono voluti per portarlo da una impostazione negativa a una positiva, moglie compresa perché se lui avesse scelto la positività all’età di sua figlia la moglie non sarebbe morta assassinata.
  • La figlia lo aiuta in questa evacuazione del passato negativo dicendogli che ora può contare su di lui (foto piccola) e così tanto che potrebbe anche mettersi a “dormire” sopra di lui (dove “dormire” sta per sognare ad occhi aperti, cosa che non potrebbe fare se non ci fosse una intesa profonda con l’altra persona).

|<= 14 – Bloccati

L’auto resta bloccata. Il padre va a scansare qualche pietra e riprova, ma le ruote continuano a girare a vuoto.
L’uomo si rassegna e invece di fare qualcosa si accende una sigaretta.

Yeo_Jin scende e va a vedere il problema, ma non fa nulla nemmeno lei per risolverlo e si siede sui talloni davanti all’auto.


  • A questo punto il padre non sa come procedere nella strada della vita, non intendendo più fare come ieri ma non sapendo ancora che cosa può fare di diverso.
  • La figlia lo aiuterebbe volentieri, ma anche lei non sa ancora cosa può fare del suo futuro, perchè fino ad ora ha solo scelto il segno delle sue relazioni con gli uomini (gli uomini incontrati in motel sono stati utili per mettere alla prova la sua positività ma non avevano l’età per essere loro quelli coi quali lei sognava di costruire una relazione duratura).
  • Il risultato è che non fa niente nessuno, anche se la positività di entrambi lascia pensare che presto entrambi troveranno una strada nella vita e anche del tutto soddisfacente.

Quando esce dai suoi pensieri sugli avvenimenti recenti, Yeo_Jin vede che il padre si è addormentato e capisce che è l’ora che sia lei a fare qualcosa per lui.
Mentre lavora a sbloccare le ruote, sudando per lo sforzo fisico, il padre si sveglia e scende dall’auto ma non interviene sul lavoro della figlia. Yeo_Jin gli sorride, sporca ma soddisfatta del suo lavoro e della fiducia riposta in lui dal padre che non è intervenuto, e poi sale in auto.

Anche il padre sale e prova a procedere, con successo.


  • Yeo_Jin muove con successo i suoi primi passi da adulta, perché quelle di prima erano solo prove di vita da adulta.
  • Gli stati nascenti di prova all’interno dell’incubazione di una nuova struttura cerebrale, base per una nuova vita, sono come le esercitazioni di laboratorio fatte a scuola e tali erano gli incontri di Yeo_Jin al motel, non certo sesso e ancor meno prostituzione.

Yeong_Ki: – Signore.
Contadino: – Si.
YK.: – Posso chiederle un favore?
C.: – Si!
YK.: – Possiamo rimanere a dormire qui per questa notte?
C.: – Da dove vengono?
YK.: – Come?
C.: – Da dove vengono loro?
YK.: – Veniamo da Seul.
C.: – Allora, se si tratta di rimanere solo una sera, va bene. C’è una stanza libera.
YK.: – Da quella parte?
C.: – Si.
YK.: – Grazie.


  • Notare il noi, che classifica padre e figlia non più come due persone ognuna per conto suo sulla sua strada, ma come una coppia che sta facendo la strada insieme.
  • Una coppia cerca una casa e loro la trovano qui, almeno per questa notte.

Padre: – Ah… quanto è bello qui. Ora ho le idee chiare.
Yeo_Jin, se qualche pensiero ti inquieta, allontanalo.


  • Bello diventa ogni posto, quando ci stai insieme ad una persona con la quale hai una bella relazione (come è una relazioni positiva sempre e una negativa solo all’inizio).

Contadino (portando una scodella): – Scommetto che voi due siete affamati. Prendete, qui ci sono un po’ di patate dolci. Mangiate.
Padre: – Grazie signore. Lei è molto gentile. Le sono davvero molto grato.
C. (andando via): – Mangiate tutto quello che volete.
Ognuno pela la sua patata, poi la figlia offre la sua patata al padre, che accetta mangiando dalla mano di lei.


  • Perché trattare bene degli sconosciuti sia un piacere, bisogna pensare bene di loro e il contadino lo fa.
  • Pensar bene degli sconosciuti è quello che faceva la figlia (dopo averlo visto fare alla sua amica) e che non faceva, fino a ieri, il padre.
  • La persona che aveva qualcosa da insegnare era la ragazza e il padre che accetta la patata ci conferma che è il padre ad aver accettato la positività di lei e non lei ad essersi adeguata alla negatività del padre.
  • Ieri Yeo_Jin ha offerto il suo corpo ad uomini anche dell’età di suo padre e loro non hanno commesso un peccato accettandolo, ma lo avrebbero commesso non accettandolo.
  • Fare sesso non serve a soddisfare un bisogno, come ad esempio il bisogno di mangiare, nella specie umana, ma indica approvazione.
  • A pari età il soggetto autorizzato ad approvare è quello femminile, mentre tra genitori e figli è l’adulto.
  • Una 16/17-enne è un’adulta in grado di fare la donna che approva o una bambina che deve lasciar decidere suo padre?
  • È una donna secondo la legge italiana, e decide lei del padre sia in quanto donna che in quanto figlia, perché a fine crescita saranno i figli a decidere se i genitori sono da approvare o da disapprovare.
  • Per questo nessun adulto sano di mente rifiuterebbe mai un’approvazione doppia come questa e il padre sbagliava a trattare da bambina una figlia a un passo dalla maggiore età.
  • Accettando il cibo da lei, ora la tratta da grande, ammettendo di aver sbagliato nei suoi comportamenti recenti.

Padre: – Sai chi è madre Teresa, vero? In India, in una chiesa, faceva i miracoli come una santa. Madre Teresa, quando era in vita, curava le persone. Lei imponeva semplicemente le sue mani su di loro… e pregava. Il Vaticano ha riconosciuto ufficialmente i miracoli.
Poi il padre spegne la luce e si mette a dormire sul pavimento, accanto alla figlia alla quale ha lasciato il letto.


  • Madre Teresa amava gli sconosciuti e nessuno se ne scandalizzava perché non traducevano “amare” con “fare sesso” con loro.
  • Su Terra1 non è ammesso l’amore senza sesso, nascondendo che sia amore anche il voler bene, ma su Terra2 non si direbbe che madre Teresa voleva bene a tutti, bensì che amava tutti.
  • Secondo il Vaticano a guarire le persone erano le preghiere, ma in una spiegazioni senza miracoli a guarirli era un’intimità fisica che li faceva sentire approvati da una donna, cosa di straordinaria importanza per ogni uomo se è vero che il sesso è approvatorio e non procreativo.

Durante la notte il padre si sveglia e vede vuoto il letto della figlia.
Guarda fuori e vede Yeo_Jin che piange, singhiozzando.


  • Yeo_Jin non può piangere per il risultato, che è quello desiderato con lei positiva e col padre diventato anche lui positivo, e ci chiediamo perché allora piange.
  • È il costo di quel risultato che è stato elevato, perché per arrivare lei alla negatività c’è stato bisogno della morte di Jae-Yeong e per arrivarci il padre c’è stato bisogno di due morti, uno suicidio e l’altro assassinato.
  • Inoltre il padre ora dovrà andare in galera, proprio ora che non era più di ostacolo alla positività di lei ma di aiuto.
  • Non piange invece perché è pentita degli incontri al motel, visto che ha pianto anche il padre, che gli incontri al motel non li aveva fatti. E non c’è motivo perché sia pentita di essi, perché lei è stata una prostituta solo agli occhi di chi non vuol capire che l’apprezzamento reciproco è amore e non certo prostituzione.
  • Se mai perché lei ha costretto Jae-Yeong a prostituirsi prima di credere alla sua positività, anche se per Jae-Yeong non è mai stata prostituzione perché i soldi li chiedeva solo per accontentare l’amica, che la voleva prostituta per vedere se anche lì conservava il suo sorriso e il suo pensar bene degli uomini.
  • Si, li conservava, perché una donna positiva è un miracolo che gli uomini aspettano da 5 mila anni e nessuno di loro se lo faceva scappare trattandola negativamente (trattandola da prostituta), mentre ben volentieri loro passavano da clienti ad amanti, che è decisamente molto più piacevole e che è il sogno di ogni uomo che cerca una prostituta sperando di trovare una donna positiva.
  • Il miracolo non si realizza mai, sulla terra attuale, comunque ci stiamo avvicinando e le escort sono più vicine a donne normali che a prostitute, di fuori perché di dentro sono altrettanto negative altrimenti non potrebbero giustificare i soldi che chiedono, che sono anche tanti.
  • Comunque i morti sulla coscienza della terra negativa non sono tre, ma molti milioni, perché la positività dentro casa poi arriva fuori di casa e ben poche delle guerre che ci sono state si sarebbero combattute se la terra fosse stata positiva in amore.

|<= 15 – Sul fiume

È un nuovo giorno.


  • Pianti i morti, è ora di dedicarsi alla costruzione di una terra positiva in amore che fino ad oggi non è mai esistita, ma se esisterà domani non sarebbe un miracolo bensì una scelta (perchè ogni giorno almeno il 51% delle persone sceglie la relazione positiva sul lavoro ed è una scelta quella di preferire le relazioni di coppia negative). Una scelta obbligata, direi, perché il rapido cambiamento di oggi fa a pugni con la negatività in amore, la quale chiede di restare per sempre come si era quando ci si è sposati.
  • Cosa vuol dire essere positivi con l’altro sesso prima Jae-Yeong lo ha mostrato a Yeo_Jin e poi questa lo ha mostrato al padre, che prima del viaggio faceva finta di non capire ma ora è lui che prende lezioni dalla figlia e sono lezioni di positività.

Padre (al contadino): – Ha dormito bene?
Contadino: – Si. E loro hanno dormito bene?
P.: – Anche noi, grazie.
C.: – Forse non hanno riposato tanto bene perché la sistemazione non era proprio comoda.
P.: – No, grazie a lei abbiamo riposato e anche bene.
C.: – Fate un buon viaggio
P.: – Grazie.
Poi salgono in auto e partono.


  • Il contadino si è fidato di due sconosciuti come la ragazza si fidava degli uomini sconosciuti e se non ci meravigliamo dell’ottimismo del contadino non dovremmo meravigliarci nemmeno di quello della ragazzina, se non fosse che l’amore è negativo.
  • In un mondo negativo a letto, la ragazza fa molto male a fidarsi degli uomini, ma vediamo che i fatti danno ragione a lei e non a quelli che ipotizzavano un cattivo comportamento degli adulti con lei.
  • Il padre ringrazia il contadino anche del letto ma soprattutto della fiducia che ha accordato a due sconosciuti, perché a rendere bella la notte è più una bella relazione con chi dorme accanto che un bel letto.
  • “Fate buon viaggio” significa “siate positivi”, una scelta che non è scontata ma che oggi lo è sia per il padre che per la figlia.

Yeong_Ki si ferma a comprare delle sigarette e mentre aspetta il ritorno del padre Yeo_Jin appare tentata dall’idea di guidare l’auto.


  • Prendere la patente per guidare l’auto è la prima cosa che fa una persona appena diventata maggiorenne (e si discute se sia il caso abbassare l’età di guida a 16 anni), per cui qui una Yeo_Jin ormai considerata grande da suo padre comincia a pensare che sarebbe l’ora di imparare a guidare.

Yeong_Ki: – Vuoi provare a guidare?
Yeo_Jin: – Ehm… no.
YK.: – Coraggio, prova.
Y.: – No, ho troppa paura.
YK.: – Non devi avere paura, è facile!
Y.: – Non voglio.
YK. (sorridendo): – Fifona!
Poi lui si mette al volante e parte.


  • Yeo_Jin è tentata dal considerarsi adulta ma non vuole rinunciare ai vantaggi del ruolo da figlia, che è un ruolo a rischio di negatività perché permette di avere tutto senza dare/fare nulla.
  • Il padre negativo fino a ieri ha l’attenuante che la legge gli imponeva di considerare la figlia minore non alla pari, ma per fortuna di ambo le parti a 16/18 anni possono trattarsi alla pari anche secondo la legge.

Yeong_Ki entra con l’auto dentro al fiume e spegne il motore.

Entrambi si addormentano.


  • Può non sembrare un grande modo di affrontare un futuro ancora tutto da costruire per entrambi, ma non si può mettersi a costruire qualcosa se prima non lo si è sognato da svegli. E quando si chiude gli occhi per immaginare il futuro che ancora non c’è (attivando il ritmo alfa del cervello) è anche facile addormentarsi.

Il primo a svegliarsi è il padre, che scende senza svegliare la figlia.
Poi fa una telefonata.
Yeong_Ki (al telefono): – Si. Detective Kim? … Si… Si, sono io. … Si. Ecco come è andata. … Si. … In questo momento mi trovo… (dialogo non udibile). Perfetto. D’accordo.


  • Yeong_Ki telefona ai poliziotti suoi colleghi per costituirsi e si dice d’accordo sul fatto che vengano lì per arrestarlo.

Yeo_Jin fa un sogno nel quale lei cerca il padre sceso dall’auto e chiama: – Papà.
Quando il padre arriva, però, le mette una mano sopra agli occhi, poi va dietro e messa l’altra mano attorno al collo di lei stringe forte.
Mentre soffoca Yeo_Jin cerca di togliere via la mano del padre, ma le unghie non le usa e reagisce sempre meno alla stretta mortale del padre.

Il padre adagia il corpo senza vita della figlia dentro ad una fossa scavata tra i sassi del fiume e lentamente lo ricopre, dopo averle messo la cuffia attorno alla testa.
Finito di ricoprire il corpo (foto piccola), il padre cerca il jack della cuffia, li inserisce in questo lettore di CD portatile e avvia la musica.


  • Questo sogno descrive il padre negativo come un padre che uccide la figlia. Sostenendo che la uccide per amore con quel gesto di avviare la musica che lei non potrà sentire.
  • Secondo la figlia, quello che ha fatto il padre prima di cambiare diventando positivo aveva come scopo non quello di salvarla ma quello di soffocarla e ucciderla.
  • Quando il padre aggrediva gli uomini, il messaggio ricevuto dalla figlia era: “ecco quello che succederà anche a te se non ti sbrighi a fare quello che io voglio che tu faccia”.
  • Ma anche il sottomettersi è una morte, per la persona che voleva fare la sua vita e non la vita scelta dal padre per lei, per cui la scelta che le lasciava il padre negativo era tra il soffocarsi da sola e l’essere soffocata da lui.
  • Se le cose fossero andate così non avremmo saputo se provare più pena per la ragazza soffocata o per il padre che la soffocava, ma le cose sono andate così. Per fortuna di entrambi.

|<= 16 – Scuola guida

Yeo_Jin si sveglia e vede il padre che dipinge di giallo dei sassi, per delimitare una strada all’inizio della quale è parcheggiata l’auto.
Il padre accompagna la figlia all’auto e lei sale.

Padre (dopo aver girato la chiavetta accendendo il motore): – Allora, tieni forte il volante con tutte e due le mani, capito? Quello è l’acceleratore e quello è il freno. Su, ora vai da quella parte.
Yeo_Jin: – Ma io ho paura.
P.: – Vai, che ce la puoi fare! No quella… Metti la prima. (Staccandosi dall’auto) Bene. Ora vai piano. Piano. Brava. Gira il volante a sinistra, tutto a sinistra! Perfetto!
Accompagnata dalle indicazioni del padre la ragazza compie il suo primo percorso.


  • Notare che il padre resta fuori dall’auto, dando fiducia alla figlia sul fatto che saprà evitare da sola di farsi male, in caso di problemi.

La ragazza ferma l’auto a fine percorso ed è sorridente e soddisfatta.
Il padre applaude dicendo molti “brava!”. Padre: – Brava Yeo_Jin. Ora vai da sola. Papà non ti seguirà più. Vai.

L’auto avanza e poi fa retromarcia per andare nel rettangolo del parcheggio.
Arriva un’auto bianca e mentre la figlia è impegnata a fare la manovra del parcheggio, il padre va verso l’auto bianca e viene fatto salire mentre un poliziotto lo tiene per un braccio.

A fine manovrà una Yeo_Jin sorridente chiama “Papà!”.
Non riceve risposta e vede l’auto bianca andare via.
Realizzato che il padre non può che essere sull’auto bianca, Yeo_Jin guida verso la strada con l’intenzione di andare dietro all’auto bianca.

La strada è piena di buche con acqua, ma l’auto di Yeo_Jin riesce comunque a non perdere di vista l’auto bianca.
Fino a quando, per evitare una grande pozzanghera, l’auto di Yeo_Jin non va in una zona fangosa dove le ruote girano a vuoto.
La ragazza resta lì, mentre vede allontanarsi l’auto bianca (foto piccola).


  • La prima cosa che fa una persona neo-adulta è di seguire la strada degli altri. Quando perde di vista gli altri, comincia la sua vita.
  • Gli altri prima si perdono di vista è, meglio è, se sono negativi in amore.
  • Qui il padre è un neo-positivo, ma se si diventa positivi a 50 anni bisogna pagare un prezzo alla vita negativa del passato.

Yeo_Jin prova ad accelerare al massimo, ma le ruote davanti girano a vuoto e l’auto non si sposta per nulla.

Yeo_Jin scende dall’auto e si mette ad aspettare qualcuno che la aiuti a far ripartire la macchina.


  • Il mondo è grande se una persona è libera e ci si può sentire piccoli, ma se l’atteggiamento relazionale è positivo trovare relazioni è facile, perché saranno relazioni nelle quali è un piacere sia chiedere qualcosa che dare qualcosa, relazioni di scambio diverse come il giorno dalla notte dalle relazioni possessive.
  • Il futuro è promettente per ogni persona positiva, ma se ad essere positiva (non solo provvisoriamente ma stabilmente) è una donna nelle sue relazioni con gli uomini e stabilmente, allora nel futuro di lei e di chi starà con lei c’è Terra2, che rispetto alla terra attuale è un Paradiso.
  • Una coppia positiva su due miliardi di coppie è poca cosa, ma ci sono cose altamente contagiose e l’amore positivo è sicuramente una di queste.

|<= FINE RIASSUNTO e INIZIO APPROFONDIMENTI

|<=


3 thoughts on “la samaritana

  1. salve a tutti! sapete dirmi per caso se quegli zampetti di maiale che mangiano si fanno in corea,e se si come,se si usa nei chioschi per strada di fare zampetti di maiale arrosto???al forno??? vi ringrazio molto in anticipo !!! mi interesso di cucina e cultura coreana,ma non sono riuscita a trovare niente a riguardo ,gli zampetti si fanno solo in umido , pare !!! …. quindi se riuscite per caso a trovare qualcosa voi vi ringrazio tantissimo!!!!! :)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *