upside down

La doppia gravità di UPSIDE DOWN (Juan Diego Solanas, Canada 2013, trama) mette al centro dell’attenzione che le persone possono trovarsi in due stati del tutto opposti. Una persona il cui cervello ha una prevalenza di funzionamento normale segue infatti regole opposte rispetto a quelle seguite da quella stessa persona quando il suo cervello ha una prevalenza di funzionamento in stato nascente.

VEDERE IL FILM <= | => APPROFONDIMENTI 
INDICE DEL RIASSUNTO DEL FILM COI MIEI COMMENTI


GUARDA IL FILM

Fonte: cineblog    [J. D. Solanas, Canada, 107′, 6.4 (tWCsMMEx – €) pB]


|<= 1 – Titoli iniziali

Voce narrante (Adam): – L’universo. Così ricco di meraviglie. Potrei passare ore e ore a osservare il cielo. Quante stelle! Quanti misteri!


  • [Fig. 1: il vero mistero siamo noi stessi =>F2] Voce narrante nel film ANOTHER EARTH: – Nell’arco della nostra vita ci siamo meravigliati di come i biologi siano riusciti ad osservare cose sempre più piccole e di come gli astronomi abbiano scrutato sempre più lontano nel cielo scuro della notte, a ritroso nel tempo e nello spazio. Ma forse il vero mistero non risiede ne nel piccolo ne nel grande. È molto più vicino, siamo noi stessi.
  •  Il mistero che su Terra1 non si è voluto chiarire ma che su Terra2 si vuol chiarire è come il cervello comanda il comportamento.
  • [F1<= Fig. 2: il vero mistero siamo noi stessi =>F3] Nel modello del cervello P si ipotizza che il cervello abbia tre funzionamenti fondamentali: il funzionamento normale, il funzionamento in stato nascente (o da innamorati) e il funzionamento in incubazione (una parentesi del funzionamento normale durante la quale si sogna da svegli qualcosa che oggi non c’è). Supporrò pertanto che i tre lati del triangolo mostrato qui sopra siano questi tre funzionamenti possibili del cervello.

Adam: – Sapete, io vengo da un posto unico nel suo genere. L’unico sistema solare conosciuto con doppia gravità. Due pianeti gemelli che ruotano insieme attorno a un sole, ma ognuno con la sua propria e opposta gravità. Nel nostro mondo è possibile cadere [andando in] su e salire [andando in] giù.


  • [F2<= Fig. 3: funzionamento normale orientato al dovere e funzionamento in stato nascente orientato al piacere  =>F4] In termini cerebrali le due opposte gravità potrebbero essere gli orientamenti opposti delle persone, che quando sono in stato normale risultano orientate al dovere e al non cambiamento (con le cortecce alte che comandano su quelle basse) mentre quando sono in stato nascente risultano orientate al piacere e al cambiamento (con inversione del comando che ora va dal basso all’alto ristrutturando le cortecce associative prima di restituire il comando ad esse), comportandosi in modo del tutto opposto rispetto a quando sono orientate al dovere. Nell’incubazione si fanno sogni da svegli orientati al piacere ma appena l’ambiente ci reclama si torna al funzionamento normale orientato al dovere

Adam: – Ma… la mia storia parla d’amore. Si dice che i veri innamorati condividano un’unica anima divisa a metà. E che le due parti cercheranno sempre il modo di ricongiungersi.


  • [F3<= Fig. 4: anche il modello P del cervello parla d’amore =>F5] Anche il mio modello del cervello parla d’amore, chiamandolo stato nascente, perché l’amore è il nome che si dà normalmente allo stato nascente a due che porta alla formazione di una coppia.  Quando non vive un amore, il cervello fa l’incubazione di un amore futuro sognandolo e tra amore vissuto e amore sognato il cervello passa la maggior parte del suo tempo a occuparsi di amore.

Adam: – Beh, per capire la mia storia dovete conoscere le tre leggi fondamentali della doppia gravità. 1) Tutta la materia, ogni singolo oggetto, subisce la gravità del mondo da cui proviene, e non dell’altro. 2) Per ingannare la gravità è possibile compensare il peso di un corpo con la materia del mondo opposto, la materia inversa. 3) Il problema è che dopo alcune ore, il corpo a contatto con la materia inversa brucia. […] La gravità. Dicono che non puoi batterla. Beh, non sono d’accordo. E se il vero amore fosse più forte della gravità?


  • [F4<= Fig. 5: riassunto di “Innamoramento e amore” di Alberoni =>F6] Per capire il mio commento alla storia dovete capire che: 1) una persona in stato nascente segue regole di comportamento opposte rispetto a quelle seguite quando è in stato normale (vedere elenco a fianco, tratto da “Innamoramento e amore” di Francesco Alberoni);
  • 2) una persona in stato nascente può far finta di essere in stato normale comportandosi come si comportano le persone in tale stato;
  • 3) il problema è che tale finzione non regge a lungo perché i due stati non possono coesistere e ognuno di essi cercherà di distruggere l’altro. O no? Bastano 5 mila anni di incapacità a far coesistere l’orientamento al piacere degli stati nascenti con l’orientamento al dovere degli stati normali per dire che essi non possono stare insieme?
  • La risposta di Adam (e anche quella del mio modello del cervello) è che no, non bastano. Perché nel “vero amore” (l’amore che io sto chiamando “amore positivo”) essi coesistono.
  • [F5<= Fig. 6: coesistenza di dovere e piacere in FERRO3 =>F7] All’inizio di FERRO3 il piacere e il dovere erano decisamente in conflitto, ma alla fine imparano a coesistere con soddisfazione di tutti. Dove sta il trucco?

 

  • [F6<= Fig. 7: dovere e piacere in LIMITLES =>F8] Anche in LIMITLESS alla fine lui trova la strada per conciliare piacere e dovere senza bisogno di assumere le pillole di NZT. Con cosa ha sostituito l’NZT?

 

  • [F7<= Fig. 8: dovere e piacere in TRA LE NUVOLE  =>F9] La Alex di TRA LE NUVOLE  è orientata al dovere a casa e al piacere quando è in viaggio. Questo è un trucco per fare coesistere dovere e piacere, ma quando lui va a cercarla a casa sua il trucco non funziona più. Dove ha sbagliato Alex?

|<= 2 – I tempi bui

Adam: – Torniamo indietro, ai tempi bui, quando ogni contatto tra i due mondi era estremamente pericoloso e assolutamente proibito. Il Mondo di Sopra era ricco e prospero [una città ben illuminata fa da cielo al mondo buio di sotto], mentre qui nel Mondo di Sotto rubavamo la materia inversa per riscaldare le nostre case e sopravvivere. Rischiando tutto, anche le nostre vite.


  • [F8<= Fig. 9: l’orientamento al piacere puro non consente di crescere i figli  =>F10] Come mai è così buio questo Mondo di Sotto orientato al piacere degli innamorati, con le case senza riscaldamento che cadono a pezzi e le strade piene di detriti? L’orientamento al dovere assicura una durata della coppia sufficiente a crescere i figli, le scoperte si tramandano e il mondo diventa sempre più ricco di strumenti utili. L’orientamento al piacere puro non consente di crescere i figli, le scoperte vengono portate nella tomba e il mondo non progredisce mai. Perciò dovendo scegliere non c’è partita e vince a man bassa l’orientamento al dovere, con l’orientamento al piacere rigettato e criminalizzato sempre nell’ambito della coppia, a parte il momento iniziale perché senza di esso la coppia non si forma. Se si trovasse il modo di ammettere il piacere senza mettere a rischio la durata della coppia ma anzi rafforzando la sua stabilità, però, sarebbe un bel progresso.

Adam: – L’unico contatto autorizzato tra i due mondi avveniva a TransWorld, una grande organizzazione del Mondo di Sopra che estraeva petrolio a basso costo dal Mondo di Sotto per poi rivenderci l’energia a un prezzo esagerato, che non potevamo permetterci.


  • Il primo sistema di strangolamento messo in atto dalle persone orientate al dovere nei confronti di quelle orientate al piacere è quello economico e materiale: chi vuole accesso al benessere economico deve rinunciare al piacere e trasferirsi nel mondo di sopra (in un modo così radicale da diventare uno del Mondo di Sopra, obbedendo alla gravità del Mondo di Sopra).
  • La materia prima (il petrolio) viene dal Mondo di Sotto, perché la vitalità del cervello la crea lo stato nascente, ma l’uso che ne viene fatto è tutto nel Mondo di Sopra.

Adam: – Per colpa di TransWorld io crebbi in un orfanotrofio. I miei genitori morirono nella grande esplosione della raffineria di TransWorld, che distrusse gran parte della città. Fortunatamente c’erano i fine settimana. Andavo sempre a trovare la zia Becky, l’unica parente che mi era rimasta.


  • Il più tipico degli abitanti del Mondo di Sotto è un bambino, perchè l’infanzia è fortemente caratterizzata dall’orientamento al piacere, necessario per creare l’uomo adulto (più precisamente le sue strutture cerebrali, che non sono innate ma vanno costruite e uno Stato Nascente ha presiamente lo scopo di far nascere una di tali strutture).
  • I genitori uccisi dal Mondo di Sopra forse non sono stati proprio uccisi, ma si sono persi dietro al lavoro e al dovere diventando indisponibili per l’amore e il piacere.

Adam: – Oltre alla zia Becky c’erano due cose che amavo davvero: i modellini di aeroplano e i suoi plumcake volanti.
Becky (mettendo una polverina rosa sul dolce): – Dovrai portarmi dell’altro polline rosa. Va bene, tesoro?
A.: – Un giorno la zia Becky mi rivelò un antico segreto, tramandato di generazione in generazione dalle donne della mia famiglia. Il segreto delle api rosa.

  • Tramandato dalle donne?!? L’antico segreto è il funzionamento in incubazione (che in questo film diventa il “polline rosa”) e non è da scoprire perchè a scoprirlo ci ha gia pensato il cervello, ma è da conoscere, da imparare a usare prima e da usare massicciamente poi. Le donne negative non avevano interesse a far conoscere il segreto per far convivere il piacere col dovere, però, e invece di divulgarlo lo hanno tenuto accuratamente nascosto in casa. Usandolo solo nei dolci fatti in casa, in pratica nel sesso coniugale, e poi basta, stop, fine della sua utilità, molto pià disprezzata che apprezzata da un tale uso estremamente riduttivo (confessate di aver trovato ridicolo l’uso di una cosa tanto straordinaria da far volare solo per portare in tavola la frittella).
  • [F9<= Fig. 10: segreto non tramandato dalle donne ma nascosto dalle donne  =>F11] Un esempio di donna che nasconde per 10 anni a un uomo che il robot ‘divertente’  (leggi che unisce il piacere al dovere) a cui avevano lavorato insieme (“figlio” di entrambi, anzi figlia perché è Eva) è stato poi concluso con successo da lei è Lana, nel film EVA. Da sempre le figlie continuano a nascondere quello che hanno nascosto le loro madri, ma Eva è una figlia diversa (con un sistema emozionale corticale programmato per cercare il massimo del piacere compatibile col dovere) e spinge lontana da se sua madre, che finisce nel burrone e muore.
  • Guarda caso la storia di UPSIDE DOWN comincia quando la zia Becky si decide a dare ad un uomo questo segreto, invece che a sua madre. Perché la madre è morta, ma forse anche perché si è resa conto che era arrivata l’ora di far conoscere a tutti questo segreto, dandolo a qualcuno interessato a divulgarlo (sesso maschile e giovane età) invece che a qualcuno interessato a nasconderlo (sesso femminile e età adulta).

|<= 3 – Il polline rosa

Adam: – A volte la zia Becky mi mandava a prendere il polline rosa sulle montagne sagge. Era l’unico luogo – un luogo proibito – dove si potevano trovare le api rosa. Quelle api si nutrivano di fiori di entrambi i mondi e senza di esse non avrei potuto raccontarvi questa storia.


  • Il polline rosa non è difficile da trovare, se può andare a raccoglierlo un ragazzo, ma è “non cercato” perché è proibito l’accesso alla zona di produzione, un posto dove i due mondi sono particolarmente vicini) e soprattutto è “non utilizzato”  quando viene trovato (utilizzarlo solo per portare un pò di piacere nel sesso coniugale equivale a non utilizzarlo).

Adam: – Avevo anche un piccolo segreto. Mi divertivo a inseguire la pioggia inversa del mondo di sopra. Una volta mi allontanai più del solito, mi arrampicai sempre più in alto. Oltre la linea delle nuvole. E quel giorno… quel giorno la mia vita cambiò. Per sempre. Vediamo la mano di Adam bagnata da pioggia che scende e anche da pioggia che sale. Poi lui tira fuori un piccolo aeroplano e lo lancia in aria.


L’aereoplanino lanciato da Adam risponde allo stesso modo alle due gravità, visto che vola e atterra anche sul Mondo di Sopra. Una ragazza (Eden) lo raccoglie da terra.
Adam (salutandola con la mano): – Ehi! Ciao.
Eden lo guarda, mentre Adam guarda la ragazza capovolta.

  • [F10<= Fig. 11: lei sta Sopra e lui sta Sotto =>F12] Il fatto che lei stia nel Mondo di Sopra, dove comandano le cortecce di alto livello gerarchico, ci dice che nella coppia la dirigenza è femminile
  • Adam sognava di costruire un aereplano capace di volare in entrambi i mondi e con l’aiuto del polline rosa ci riesce. Ma la ragazzina raccoglierà l’invito a mettere insieme il dovere col piacere e non solo nei giochi ma anche in amore? La giovane età di lei induce all’ottimismo, ma un successo ora non garantisce affatto un successo da adulti, quando un’intera società premerà su entrambi per estromettere il piacere dalla coppia e lasciarci solo il dovere.

Adam ora è un 18-enne e prova freddo mentre aspetta l’arrivo dell’amica Eden
Eden: – Ciao.
Adam: – Ciao. Dov’eri finita? E’ una vita che ti aspetto.
E.: – Hanno rubato dai vicini. Pare siano stati ladri del Mondo di Sotto. Ci sono cacciatori armati che pattugliano la frontiera.
A.: – Dici sul serio?
E.: – Non fare quella faccia. Beh, comunque sono venuta.
Poi Adam le lancia la corda e lei se la lega alla vita, dopo di che Adam la solleva vincendo la gravità di lei e la porta nel Mondo di Sotto.

  • Qui è la ragazza che viene nel Mondo di Sotto, ovvero che lascia l’orientamento al dovere per l’orientamento al piacere, con l’aiuto di lui orientato al piacere. Questo è ancora normale perché lei è sempre giovane, ma da qui in avanti si entra nell’età adulta e diventerà un bel problema far convivere il piacere col dovere.

Tra loro c’è amore, visto che si baciano mentre lei è sdraiata in terra e lui è in piedi.

  • Su Terra1 penserete che se si stanno baciando allora hanno fatto o faranno ben presto sesso, ma su Terra2 il sesso fatto non è affatto obbligatorio e quando non viene fatto (come qui) allora è amicizia con amore (i due ragazzi sognano insieme l’amore che desiderano in futuro, ma facendo due sogni diversi visto che al momento lei è attratta dal dovere e lui dal piacere.
  • [F11<= Fig. 12: baci si e sesso no finché non trovano il modo di far coesistere le due opposte gravità =>F13] I ragazzi hanno trovato una bella posizione per compensare le due diverse gravità, ma se vogliono mettersi insieme davvero, facendo sesso, oggi uno dei due deve rinunciare al suo Mondo. Per andare da lei Adam dovrebbe cambiare tanto da essere attratto dalla gravità di Sopra (orientamento fisso al dovere) e per andare da lui Eden dovrebbe cambiare tanto da essere attratta dalla gravità di sotto (orientamento fisso al piacere). La soluzione perfetta sarebbe di tenere insieme il dovere col piacere, ma come riuscirci?

Adam (mangiando un frutto): – I melograni del Mondo di Sopra sono squisiti.
Eden: – Sono i migliori.
A.: – Sul serio. Sono ottimi. Aspetta, anche io ho una cosa per te. È di entrambi i mondi.
E.: – Che cos’è?
A.: – Non posso dirtelo. Devi chiudere gli occhi. Chiudi gli occhi. (Mentre apre una barattolo col miele rosa) Non li aprire, mi raccomando. Sei pronta?
E.: – Uh-uhm.
E. (dopo aver mangiato un cucchiaino di quel miele): – Come fa ad essere di due mondi?
A.: – Non lo so. Dovresti domandarlo alle api. Non lo so davvero.

  • No, Eden non dovrebbe domandare alle api ma al cervello come si fa a conciliare il piacere col dovere.
  • Se lo chiedesse al mio modello del cervello, esso le direbbe che si fa usando al meglio il funzionamento in incubazione, con due strutture cerebrali attive insieme, una gestita con orientamento al dovere e l’altra (da creare oggi ma da usare solo tra vent’anni) con orientamento al piacere. In questo modo le due forze di gravità coesistono, senza danno reciproco a patto che la struttura in incubazione oggi sia usata solo nei sogni.
  • Per vedere se i ragazzi andranno in questa direzione, non resta che proseguire nel film. Prima però diciamo che il melograno non è la soluzione. Infatti esso ha un esterno non commestibile con dentro dei semi dolci, rappresentando perfettamente il matrimonio orientato al dovere del Mondo di lei, che ha solo alcuni momenti di piacere. Questa soluzione la conosciamo e ha portato al disastro attuale (con zero matrimoni piacevoli al di là delle apparenze), per cui sarà meglio cercarne una migliore

|<= 4 – Noi possiamo

Eden: – Immagina se potessimo andare dovunque vogliamo. Dico sul serio.
Adam: – Sarebbe meraviglioso. Ehi, sai una cosa?
E.: – Che cosa?
A.: – Noi possiamo. Possiamo immaginare di poterlo fare, andiamo.
A. (con lei sulle spalle): – Sei pronta?
E.: – Pronta.
A. (pronto a saltare nel vuoto): – Tre, due, uno, via.
Lui salta sollevandosi nel cielo. Urli di gioia da parte di entrambi.

A. (scendendo lentamente fino a terra): – Stiamo scendendo. Scendiamo. (Lui salta tornando a volare tra gli alberi) Uhu, sono un campione di salto in lungo.


  • [F12<= Fig. 13: immaginare di poter tenere insieme piacere e dovere è incubazione di un amore futuro di tipo positivo =>F14] I ragazzi ci mettono un secondo a trovare la soluzione che io chiamo “incubazione di un amore futuro” e loro “immaginare di poterlo fare”. Sognare una cosa piacevole che si farà domani porta il piacere nel presente. Scusate se è troppo semplice, ma è così. (Sull’importanza del  sognare da svegli per la specie umana si veda il lungo commento alla domanda “cosa vedi quando chiudi?” nel film EVA, dova tale domanda è definita “sacra”).
  • Il cervello è un sistema per sognare, ma controllato dai sensi, i quali vietano di fare sogni non confermati dai sensi. Qui i sensi confermano la coppia sognata per domani, vista che lei ammette la testa di lui a ridosso del suo sesso, e i ragazzi possono sognare un amore futuro tra di loro. Questi sogni li fanno volare. Almeno questa è la spiegazione della cosa in termini cerebrali, perchè la spiegazione ufficiale del film è che volano perché un corpo è insieme ad un altro corpo che è fatto con la materia inversa.

Eden: – Tienimi le gambe.
Adam: – Ti tengo, non ti preoccupare. E si vola!
E.: – Mi gira la testa.
A.: – Sempre più in alto… Si scende… Tutto bene lassù?
Si, tutto bene, grandi risate e desiderio di volare sempre più in alto.

  • [F13<= Fig. 14: cosa c’è qui (sotto alla tua gonna)? =>F15] Nel fotogramma qui sopra si vede bene il segreto per tenere insieme piacere e dovere, che è l’amicizia con amore (si baciavano) e con sesso desiderato (la testa di lui è lì perché lui quel sesso lo ha desiderato) ma senza sesso fatto (visto che lì c’è la testa di lui e non il sesso di lui). L’amicizia con amore ma senza sesso (per la quale si rimanda a SEPARATI INNAMORATI e a AMICI DI LETTO, in particolare alla Fig. 12 e alla Fig. 13 di Amici di letto) fa volare nel senso che fa sognare.
  • “Cosa c’è qui?” chiede Graham a Irene in NOVO? Irene: – Una piccola luce che resta accesa sulla scena dopo la rappresentazione. Questo perché Irene ci ha già fatto sesso, con Graham. Altrimenti lì non c’era una piccola luce ricordo (che sa tanto di cimitero) ma un sole, che fornisce a tutti i viventi l’energia di cui hanno bisogno per agire. Eden il sesso non ce lo ha fatto, al contrario di Irene, e Adam ricava dal sole che continua a brillare lì (nella sua immaginazione) tutta l’energia che gli serve per volare e per far volare Eden insieme a lui.

Si sente un colpo di fucile. Poi un secondo colpo e ora i ragazzi non volano più.
Eden: – Andiamo via.

I ragazzi volano alti mentre fuggono via e presto Adam sta calando lei sul suo Mondo con la fune, ma i guardiani della negatività ci vedono molto bene quando si tratta di reprimere l’amore messo in un’amicizia e i loro fucili sparano lontano.


  • Appena Adam ed Eden scoprono questa “amicizia con amore ma senza sesso”, vengono presi a fucilate, perché oggi questo tipo di amicizia non è tollerata, né dalle persone orientate al dovere del Mondo di Sopra che la vietano nel modo più assoluto ai coniugi né da quelle orientate al piacere del Mondo di Sotto che la saltano passando al sesso fatto appena possibile.

Il risultato è che Adam è colpito al braccio che reggeva la fune e la ragazza precipita al suolo, col sangue che sgorga dalla testa.

La casa della zia Becky viene bruciata, mentre lei viene trascinata via per essere uccisa al riparo da occhi indiscreti.


  • La zia Becky ha il grosso merito, ma per quelli che la portano via per ucciderla è un grosso demerito, di aver messo il segreto del polline rosa nelle mani di un uomo, invece di lasciarlo in mano femminili che ne avrebbero assicurato la non divulgazione.

|<= 5 – Dieci anni dopo

Passano dieci anni, durante i quali il Mondo di Sopra resta ricco (e pieno di mille luci come mostrato qui), mentre quello di Sotto resta povero e solo la casa di Adam è illuminata (foto piccola in alto a sinistra), mentre lui passa le giornate a studiare le api rosa e il polline rosa sul libro che gli ha dato la zia Becky..


  • Se invece di studiare le api avesse studiato il cervello, Adam avrebbe scoperto che i due ingredienti dell’incubazione (ovvero del polline rosa) sono quelli mostrati qui: dieci anni di tempo (foto grande) e un letto usato per sognare da svegli (foto piccola in alto a destra), ovvero dieci anni di sogni ad occhi aperti (che è una luce accesa nel buio circostante, come mostra la foto piccola in alto a sinistra).
  • Ognuno di questi sogni è piccolo come un granello di polline ma tutti insieme formano una nuova struttura cerebrale, che ora è pronta per essere offerta ad una donna che la vuole (donna che qui è rappresentata dal vasetto dentro al quale Adam vorrebbe mettere il suo polline).
  • [F14<= Fig. 15: i dieci anni passati a sognare e i delfini =>F16] Attenzione, però, perché la parte magica del polline rosa sta nei dieci anni passati a sognare questo momento di incontro con una donna e non nell’incontro, anni che sembrano bui ma che non lo sono per chi ha un sogno da realizzare. Nell’attesa che l’importanza del sognare da svegli per gli umani sia riconosciuta da tutti, possiamo vedere in WINTER IL DELFINO cosa ha ha prodotto nei delfini.

Adam corre sul luogo di lavoro per provare la crema a base di polline rosa, mentre una donna paga i suoi debiti con materia inversa rubata al Mondo di Sopra, e la spalma sulla pelle di prova della faccia triste (immagine piccola in alto).
La pelle si risolleva rapidamente trovando una nuova giovinezza e già la cliente chiede se può averla.
Purtroppo subito dopo si affloscia di nuovo, tornando come era all’inizio (foto piccola in basso).

  • Il corpo non può ringiovanire (al massimo può non invecchiare), ma il cervello si, perché una struttura cerebrale vecchia può essere disconnessa e sostituita con una struttura cerebrale appena creata (ed è precisamente questa la funzione di uno stato nascente, che a sostituzione completata però si estingue lasciando il posto allo stato normale).
  • Quello che vediamo qui è un fallimento: uno stato nascente ha provato a mettere la struttura nuova al posto di quella vecchia, ma senza riuscirci visto che un attimo dopo la vecchiaia torna fuori.

Donna (ad Albert, l’uomo di colore che dà lavoro ad Adam): – Mi potrebbe tenere informata su quella crema?
Albert: – Certamente. Arrivederci. (La donna va via) Hai sentito Adam? Dobbiamo finire questa crema.

Adam: – Lo vorrei tanto, Albert. Lo sai. Ma con questi mezzi potrebbero volerci anni.


  • Per ringiovanire basta ricominciare dall’anno zero vivendo uno stato nascente che mette in uso una nuova struttura, che è la componente di Sotto del polline rosa (quella legata al piacere).
  • Serve anche la componente di Sopra (legata al dovere), però, perchè altrimenti si ricomincia da zero ogni giorno e questo non assicura affatto la durata necessaria per crescere un figlio.

Presentatore (di una TV del mondo di Sopra): – Potrete finalmente realizzare il vostro sogno e cambiare la vostra vita. Lavorando per TransWorld. Siamo collegati con il Mondo di Sotto e i nostri finalisti non vedono l’ora di conoscere i risultati. Diamo il benvenuto alla signorina Eden Moore di TransPublicity, una divisione di TransWorld. Allora, ci spieghi di cosa si occupa, ma soprattutto quale sarà il lavoro del vincitore.
Eden dice che sta lavorando con gli origami e che il vincitore lavorerà nel suo dipartimento.
Adam (guardando rapito la TV): – È lei. Pablo, è Eden.
Pablo: – Ne sei sicuro?
A.: – Ma certo che si, Pablo. Lei è viva. Non ci credo. Devo rivederla. Lavora a TransWorld.

|<= 6 – Cafè Dos Mundos

Mentre Adam studia anche di notte la sua crema, pensando che la TransWorld sarà interessata ad essa dandogli la possibilità di lavorare a poca piani di distanza da Eden, lei balla il tango al Cafe Dos Mundos, un ritrovo del Mondo di Sotto collegato tramite una funivia al Mondo di Sopra e frequentato da persone di entrambi i mondi, che però non interagiscono tra loro risultando separate da una gravità che tiene sul pavimento (spoglio) quelle del Mondo di Sotto e sul soffitto (riccamente decorato) quelle del Mondo di Sopra.


  • [F15<= Fig. 16: TransWorld sta di Sopra e il Cafè sta di Sotto  =>F17] Quando una persona di Sotto va a lavorare, prende l’ascensore che la fa salire fino al piano zero di TransWorld, una costruzione edificata sul suolo di Sopra ma frequentata da entrambi i Mondi.
  • Quando al contrario una persona di Sopra va a divertirsi, prende la funivia che la fa scendere al piano ricco del Café Dos Mundos, un luogo di ritrovo edificato sul suolo di Sotto ma accessibile ad entrambi i Mondi. Le persone sono però tenute separate dalla diversa gravità, per cui quelle di Sopra possono ballare solo con altre persone di Sopra e quelle di Sotto lo stesso (ciò, fuor di metafora, significa questo: la diversità tra chi è orientato al dovere e chi è orientato al piacere impedisce che si incontrino, per esempio tiene i giovani orientati al piacere da una parte e gli adulti orientati al dovere dall’altra).
  • Un luogo di divertimento come questo Cafè, se frequentato dopo aver assolto ai doveri lavorativi e familiari, è un posto che concilia il dovere col piacere, per cui le persone di Sotto e quelle di Sopra si potrebbero tranquillamente ritrovare insieme se non fossero tenute su piani diversi dalla diversa gravità.

Eden balla, ma il suo volto è serio.


  • Non bisogna confondere la ricchezza, abbondante nel Mondo di Sopra, con lo star bene, che invece scarseggia decisamente tra le persone orientate al dovere (e infatti lei non appare contenta neppure in un momento di festa come questo ballo, in un locale dove in teoria si va per divertirsi).
  • La grande fonte del piacere è l’amore ed esso è proibito nel Mondo di Sopra (appannaggio esclusivo del Mondo di Sotto). Non sono messi meglio quelli del Mondo di Sotto e non solo perché il rifiuto del dovere li tiene lontani dal lavoro e quindi dal benessere economico,  ma anche perché rifiutando il dovere non si può portare a buon fine l’amore.

Adam è contento, benché non stia cercando il piacere ma un sistema per tenere sempre il piacere accanto al dovere. Un sistema che ora deve aver intravisto, a giudicare dal sorriso con cui guarda il vasetto.


  • Un piacere possibile intravisto nel proprio domani porta il piacere nel presente ogni volta che si fa un passo verso questo futuro. E’ questo il motivo fondamentale per cui l’incubazione di un amore per domani sarebbe piacevole (dopo di che il durare anni diventerebbe un pregio), se sulla terra attuale non fossero rigorosamente.

Dopo aver messo il vasetto nello zaino, Adam prende la bicicletta e va verso l’ingresso del grattacielo della TransWorld, guardandolo come l’oggetto dei suoi più grandi desideri.


  • Questo evidente desiderio di Adam sia di andare nel Mondo di Sopra sia di vedere Eden (due cose inscindibili se pensiamo che le donne adulte sono le grandi custodi dell’orientamento al dovere) è il necessario desiderio di uno stato nascente di arrivare a creare una struttura condivisa con una donna, perchè questa è la funzione dello stato nascente e se non fosse desiderata lo stato nascente diventerebbe un gioco senza un prodotto finale, fatto solo per ammazzare il tempo.
  • La sfida, persa in partenza nell’amore negativo ma che può e deve essere vinta in quello positivo, è di non far finire il piacere dell’amore appena l’amore arriva al suo fine di creare una coppia duratura.

L’accesso agli ascensori ricorda l’imbarco su un aereo.
 Portiere: – È nuovo?
Adam: – Si.
P.: – Che piano?
A.: – Piano zero.
P.: – Nome?
A.: – Adam Kirch.
Il portiere gli dà un badge (tessera identificativa coi codici di accesso alle aree consentite) e poco dopo lui esce sul piano zero.

|<= 7 – Piano zero

Sul piano zero ci sono molte postazioni di lavoro una a fianco dell’altra, ma quello che più colpisce Adam sono le postazioni di lavoro sul soffitto usate dai lavoratori del Mondo di Sopra.

Ricevute informazioni su dove si trova la postazione di lavoro che gli hanno assegnato, da due uomini del Mondo Sopra, Adam si avvia.


  • [F16<= Fig. 17: i normali e gli innamorati sono così diversi da aver difficoltà a guardarsi in faccia =>F18] Davanti a quest’immagine ci chiediamo se davvero ci sono due tipi di persone, così diversi tra di loro da avere molta difficoltà anche solo a guardarsi in faccia a vicenda. La risposta è si, le persone orientate al dovere e quelle orientate al piacere sono del tutto diverse anche quando fanno le stesse cose nello stesso posto, avendo obiettivi opposti per cui seguono regole comportamentali opposte. Come abbiamo visto sopra i loro cervelli decidono cosa fare in due modi molto diversi, col comando che va dalle cortecce elevate a quelle di basso livello gerarchico nel funzionamento normale (dove è la persona decide che mondo vedere) e in senso inverso nel funzionamento in stato nascente (dove è il mondo che decide dove deve guardare la persona)

Mentre gli altri gli dicono “benvenuto a bordo” e “auguri”, Adam stappa una bottiglia che ha trovato sul tavolo, bagnandosi camicia e volto perché il contenuto va dritto verso il Mondo di Sopra.
Adam (mentre gli altri ridono): – Sono spiacente. Non sapevo che fosse uno scherzo.
Uomo che lavora proprio sopra a lui (Bob): – Non preoccuparti amico mio. Lo fanno sempre ai nuovi impiegati.
A.: – Ah. Ok.
Bob: – Io sono Bob. Bob Boruchowicz. E tu sei…

A.: – Io sono Adam. Adam Kirch


  • Trovare divertente un problema creato ad un altro è tipico dei negativi, perché per uno positivo il problema di un altro è anche un proprio problema.

Impiegata (del Mondo di Sopra): – Sig. Kirch. Prego venga con me, il direttore generale la sta aspettando.
Adam: – Certo. Subito. Si arrivo.
Bob: – Pssi Pssi. La schiena. Guarda che cos’hai.
Adam si toglie il foglio che gli avevano attaccata dietro e lo legge a Bob (“Gli sfigati indossano una camicia bagnata”), che non lo trova per nulla divertente (“Ah Ah”)
I.: – Sig. Kirch, non abbiamo molto tempo. Prima di andare via mi porti una lista del materiale di cui ha bisogno per lavorare. Mi deve compilare il nulla osta sulla sicurezza. Le darò anche i vari badge di accesso e i buoni pasto.

Direttore generale (William Lagavulin): – prego, si accomodi. Questa crema anti età di sua invenzione sembra promettere bene. La sua domanda è stata accettata. Naturalmente si tratterà di un periodo di prova. Lo capirà.
Adam: – Ma si, certo.
DG: – Adam si sieda, prego.
A. (sedendosi): – Grazie.
DG.: – Allacci la cintura, sig. Kirch.
A.: – Mi perdoni. Cosa?
DG.: – La cintura di sicurezza.
Adam la allaccia e la sedia di lui viene sollevata fino ad essere all’altezza della testa del direttore generale, con l’aiuto di un telecomando.
DG.: – Ha delle domande sig. Kirch?
A.: – Si. Di che si occupano gli impiegati del mio reparto?
DG.: – Sono semplici adattatori. Adattano i nostri prodotti al vostro mondo.

Direttore generale: – Lei invece ha una grande opportunità qui. Vede, la politica aziendale non consente alla gente del Mondo di Sotto di occupare posti di prestigio. ma nel suo caso vogliamo fare un’eccezione. Firmi qui per favore.

Adam firma senza leggere.


  • In un mondo orientato al dovere non si accetta di essere comandati da una persona orientata al piacere, che è troppo rivoluzionaria per lasciarli tranquilli, ma se promette qualcosa d’importante (qui di trovare un accordo tra dovere e piacere non momentaneo ma duraturo) allora sono disposti a rischiare di farsi comandare da qualcuno di loro (classificati di regola nella categoria dei “creativi”)
  • Oggi si danno molte colpe all’avidità, alla continua ricerca di avere sempre più soldi e sempre più potere sugli altri. Tale avidità esiste ed è molto diffusa sulla terra, ma non è l’avidità che produce relazioni negative, bensì sono le relazioni negative che producono avidità. Qui non è il desiderio di essere sempre più ricco del Direttore che lo porta a trattare dall’alto in basso Adam, ma è il suo essere in stato normale che lo obbliga a relazioni non paritarie, nelle quali ovviamente lui preferisce essere dalla parte di quelli che comandano e che arricchiscono.

|<= 8 – Separazione totale

Direttore generale: – E ora un’avvertimento. Noi osserviamo scrupolosamente la separazione totale tra i due Mondi. Quindi eviti di avere contatti non necessari con la gente del Mondo di Sopra. Faccia il suo lavoro e andrà tutto bene. Un’ultima cosa. Le regole qui sono piuttosto severe. Lei lavorerà con materiali del Mondo di Sopra. Questo significa che ogni volta che uscirà dall’edificio dovrà sempre essere perquisito e pesato. Se le troveranno addosso della materia inversa, verrà licenziato e messo agli arresti. Ma sono certo che questo non succederà. Mi sbaglio, sig. Kirch?
Adam: – Ah. No, signore.
DG: – Cerchi di non deludermi. Molto bene. Abbiamo finito.

  • La separazione dei due mondi non può essere spiegata solo coi ricchi che non vogliono i poveri a casa loro (come cercheranno di fare quelli che leggono i due Mondi come il Mondo dei Ricchi e il Mondo dei Poveri) perché due persone di Mondi diversi non possono stare insieme fisicamente su nessuno dei due Mondi, dal momento che una delle due vola via a causa della forza di gravità non adatta a quel Mondo. Questa impossibilità fisica di relazioni miste, ingiustificata nella versione Sopra/Sotto = Ricchi/Poveri, ha una giustificazione molto precisa nella versione mia versione dei due Mondo: Sopra/Sotto = Stato Normale/Stato nascente
  • Lo stato normale non può stare insieme allo stato nascente per motivi fisici, perché lo stato nascente modifica le cortecce associative e quello normale le mantiene inalterate e delle due l’una: o si vuol cambiare e allora bisogna estromettere lo stato normale o si vuole restare come si è e allora bisogna estromettere lo stato nascente. (Durante l’incubazione coesistono nel senso che si attivano alternativamente una struttura da non cambiare e una seconda struttura da cambiare, ma anche qui vale la seprazione totatle perché quando si usa la prima bisogna funzionare sempre e solo in modo normale e quando si usa la seconda bisogna funzionare sempre e solo in stato nascente.)

Telegiornalista: – Un furto di acciaio ha causato un’altra ingente perdita dall’oleodotto principale. TransWorld ha deciso di raddoppiare la sicurezza. I tre ladri del Mondo di Sotto sono stati arrestati e impiccati stamattina all’alba, scatenando tensioni tra i due Mondi. Un dirigente di TransWorld ha dichiarato: “hanno avuto ciò che meritavano. Non non scendiamo nel loro mondo e non vogliamo che loro salgano nel nostro.

Pablo: – Simpatico il tuo capo.


  • Il capo di Adam sarà anche antipatico, ma la separazione dei due mondi è necessaria fisicamente per i motivi detti nel commento precedente.

Albert: – Non saresti mai dovuto andare in quel posto. Non avrei mai dovuto darti quel brevetto. TransWorld è la cosa peggiore che ci sia mai capitata. E adesso tu sei uno di loro.
Adam: – Per favore, Albert.
Al.: – Ma non capisci che sono avvoltoi? Tu gli stai regalando un tesoro in cambio di briciole.
Ad.: – Invece non abbiamo niente. Noi apparteniamo al Mondo di Sotto. Le cose stanno in questo modo, purtroppo. Non abbiamo niente.
Al.: – Non ti permetto di parlarmi così. Questo non è niente. Quello che hai qui è tutto. E anche io ti ho dato tutto ciò che ho. Ti ho sempre trattato come se fossi mio figlio. Invece tu che vuoi fare? Vuoi andare lassù e farti ammazzare per niente. E’ questo che succederà. Finirai per farti ammazzare.
Poi Albert se ne va dal negozio.

  • [F17<= Fig. 18: assolta la sua funzione lo stato nascente muore lasciando il posto allo stato normale =>F19] Albert ha ragione a pensare che Adam “morirà” se va nel Mondo di Sopra, perchè se abbraccia l’orientamento al dovere necessario per stare di Sopra, “muore” l’Adam del Mondo di Sotto orientato al piacere. Assolta la sua funzione di mettere in uso una nuova struttura sulla corteccia associativa, infatti, lo stato nascente cessa  perché non serve più e si passa necessariamente al funzionamento normale.
  • Anche Adam ha ragione a voler andare nel Mondo di Sopra, però, perché non è stato nascente se non fa nascere quella struttura usando la quale si funziona in stato normale e dunque si è cittadini del Mondo di Sopra (ad esempio non si è innamorati se non si costruisce una coppia, ma quando essa nasce l’innamoramento cessa)
  • Una soluzione però c’è ed è quella di cominciare subito l’incubazione di uno nuovo stato nascente futuro (da coltivare non a discapito dello stato normale ma solo nei momenti tranquilli dello stato normale), appena lo stato nascente precedente cessa perché è andato a buon fine. Una incubazione non è uno stato nascente, ma ne recepisce l’orientamento al piacere e può coesistere con lo stato normale.

Adam (inseguendo Albert): – Albert. Albert, ti prego. Non volevo litigare con te. Albert, per favore, vieni qui. Guarda che io non ho mai dimenticato che TransWorld ha portato la rovina nella mia famiglia. E’ chiaro?
Albert si ferma e si gira verso Adam.
Ad: – Senti. Se posso usare TransWorld e la polvere rosa di zia Becky, non lo so, per dare alla mia vita una speranza, allora lo farò. Albert, per favore. Ho bisogno del tuo aiuto. Albert ti prego.
Al.: – E va bene. Va bene. Vieni quà.

Adam và ad abbracciarlo.


  • Quando Adam dà ragione ad Albert, ammettendo che il Mondo di Sopra “porta via le persone” a quello di Sotto (nel senso che passano dal funzionamento in stato nascente a quello normale dopo di che si fermano di Sopra), allora Albert dà ragione ad Adam sul fatto che deve puntare ad andare di Sopra per rendere utile il suo stato nascente.

Conduttore del gruppo di auto-aiuto: – Oggi c’è una persona che si unisce a noi per la prima volta.
Tutti salutano Eden con un “ciao”.
Eden: – Molto tempo fa, ho avuto un incidente. Ho perso completamente la memoria.

  • Questa scena di Eden infelice che segue immediatamente quella di Adam infelice chiarisce che l’infelicità di Adam non deriva dalla sua povertà, visto che Eden vive nel mondo ricco ma è infelice lo stesso (la povertà economica è l’altra faccia della povertà di soddisfazioni emozionali e non c’è solo in Adam che non ha un lavoro ma anche in Eden che il lavoro ce l’avrebbe ma non va a svolgerlo se è qui a curare la sua infelicità, ma mentre la povertà emozionale va intuita quella economica si vede.

Eden: – Qualche volta riappare qualcosa, nei miei sogni, ma non sono sicura se sia realtà o se sia frutto della mia fantasia. È frustrante. Cioè so che tutto quello che ho dimenticato è dentro di me. Questo mi fa paura. È come se avessi nostalgia di quello che non ho più.


  • Il “riapparire qualcosa nei miei sogni” di Eden è incubazione, se questi sogni li fa da sveglia e l’incubazione costruisce nel cervello le condizioni per fare domani quello che ieri non è stato possibile di fare, anche per l’opposizione altrui (li hanno presi a fucilate quando avevano appena scoperto i grandi poteri dell’amicizia con amore) ma anche perché loro non avevano ancora svelato il segreto del polline rosa.
  • Mentre cerca di spiegare agli altri quello che è successo (più precisamente quello che ricorda di quello che è successo), Eden cerca di spiegarlo anche a se stessa, di prenderne coscienza prima. E la nostalgia di cui parla qui ci fa capire che non solo Adam che sta cercando di capire il polline rosa per conciliare i due mondi.

Un impiegato consegna ad Adam materia inversa, dicendogli di stare attento perché fuori dal frigo si surriscalda molto in fretta.


  • Dovere e piacere sono talmente in attrito tra loro che ogni contatto provoca rapidamente un incendio.

|<= 9 – Un amico

Bob: – E’ l’ora di pranzo. Di solito vado nella sala fumatori, dopo. Perché non fai un salto? Potremmo fare due chiacchiere.
Adam: – Ok. Certo.
A. (sulla porta): – Ciao Bob. Posso entrare?
B.: – Uhhm. Vieni. Entra. Siediti. Ti va un sigaro.
A.: – Ah, no, no, no, grazie. Non fumo.

B.: – Ok. Va bene. Siediti. Lo vedi, è vuota. Non fuma più nessuno, a TransWorld. E allora sai io che faccio? (fa un verso per dire “me ne frego”). Adam, le persone qui vedono le cose in modo assai strano. Qualunque cosa o chiunque sia diverso, per loro deve essere emarginato.


  • L’importanza dell’amicizia in quel polline rosa che tiene insieme dovere e piacere consiglia di guardare con molta attenzione a questa amicizia (nella quale si può mettere o non mettere amore, se per amore intendiamo un dato processo cerebrale e non qualcosa che punta al sesso riproduttivo). E permette anche di prevedere che Adam arriverà all’amore positivo che unisce il piacere al dovere, perché è aperto ad altre relazioni e non concentrato solo sulla relazione con Eden.
  • Il “posso entrare” offre e chiede parità (relazione positiva), perché considera l’altra persona nella stessa stanza anche se sta su un piano diverso da quello di Adam.
  • Emarginare il diverso è fisiologico in stato normale, mentre in stato nascente è fisiologico il contrario. Qui Bob si sta comportando da stato nascente e mi offre l’occasione di dire che una persona in stato normale non usa esclusivamento il funzionamento normale ma ha una prevalenza di tale funzionamento.

Bob: – Me lo faresti un favore?
Adam: – Ma si, certo.
B.: – Mi porteresti dei francobolli?
A.: – Dei francobolli?
B.: – Siii. Francobolli. io non amo vantarmi, ma possiedo una delle più grandi collezioni di questo Mondo. Se riuscissi ad averne qualcuno del tuo, oh, che sballo!
A.: – Ok. Certo si. Ci posso provare.
B.: – Grande.

Poi Adam dice che sta facendo una crema e Bob che è li, se ne ha bisogno. Che è un esperto di supercondittività, che è un programmatore e che può esaudire qualunque desiderio.


  • Nelle relazioni positive si chiede e si dà (e per questo l’analisi della domanda le chiama relazioni di scambio). Inoltre si chiedono cose che l’altro ti può dare.
  • Collezionare è un verbo che non fa rima con amare, perché si accumulano cose che non vengono usate per raggiungere qualche fine, mentre quando si ama si ha un fine da raggiungere (dal punto di vista cerebrale amare è costruire una nuova struttura).
  • D’altro canto il collezionatore è uno che non rinuncia a fare per non avendo qualcosa da costruire, mettendo insieme cose che hanno avuto un piccolo valore (francobolli) o un grande valore (ad esempio quando si collezionano ricchezze o amanti) senza farsene di nulla, oggi perché se domani trova uno scopo che desidera raggiungere allora la sua collezione acquista importanza, fornendogli materiali che può barattare con materiali utili per raggiungere il suo scopo.
  • Essere esperti di qualcosa è un indice di positività, perché le relazioni positive sono basate sulla competenza.

Adam: – Io credo che ci sia una cosa che potresti fare per me. Vorrei cercare di mettermi in contatto con una ragazza. Una impiegata del vostro Mondo.
Bob (meravigliato): – Del Mondo di Sopra?
A.. – Esatto. Lei si chiama Eden Moore.
B. (con un largo sorriso): – Sicuro. Ti aiuterò.

  • Adam e Bob sono perfetti uno per l’altro, perché Adam ha un sogno ma non ha i mezzi per realizzarlo mentre Bob è un collezionatore perché ha mezzi ma non ha sogni. Comunque tutti sono in grado di dare qualcosa, se lo vogliono fare.
  • Mescolare i due Mondi piace a Bob e piacerebbe a tutti, se non fosse che gli altri lo considerano impossibile. Hanno ragione gli altri, perchè stato normale e stato nascente non possono coesistere (ma nell’incubazione riescono lo stesso a coesistere)

A fine giornata un mare di persone tornano a casa nel Mondo di Sotto.
Albert: – Allora? qaul’è il tuo piano?
Adam: – Ancora non lo so. Ci sto lavorando.
Pablo: – Ma sei riuscito a vederla?
Ad.: – No. Cioè, in realtà non l’ho ancora vista. Ma lavora in quell’ufficio, Pablo. E’ soltanto a pochi piani di distanza da me.
P.: – Dici che ne vale la pena? Insomma, sono passati 10 anni dall’ultima volta che l’hai vista.

Ad.: – Si, ne vale la pena.


  • [F18<= Fig. 19: oltre il 99% dell’amore è vissuto da soli sognando di essere in due =>F20] Se cercavate una storia d’amore a due avete sbagliato film, perché questo mostra sempre “l’amore vissuto da soli sognando l’amore a due” (l’incubazione di quell’amore), a parte pochi minuti insieme alla fine del film. In compenso siete molto più vicini alla vita reale in questo film, se è vero che l’incubazione dura il 99.7% e lo stato nascente solo il restante 0.3% del tempo dedicato all’amore (ho supposto arbitrariamente una fase di amore-stato nascente di 20 giorni, per semplificare i conti dato che l’amore-incubazione nel film dura 20 anni – dagli 8 anni di Adam fino ai suoi 28 anni – comunque è una durata realistica per uno stato nascente).
  • In questo film Adam sta in un Mondo e Eden in un altro Mondo, sempre separati tra di loro a parte incontri tanto brevi quanto clandestini, poi ad un certo punto, pouff, di colpo si trovano a far coppia fissa insieme. Potete pensare che sia un difetto del film, che non ha saputo descrivere a sufficienza questo amore, ma invece è un pregio del film, che ci mostra l’incubazione dell’amore e non l’amore, ovvero la lunga fase in cui l’amore si vive da soli e l’altra persona è un sogno lontano. Uno stato nascente che dura 20 giorni è praticamente invisibile su una scala temporale che mostra 20 anni, giustificando che ad un certo punto Adam ed Eden si ritrovino insieme senza che noi abbiamo visto il loro mettersi insieme. (È come una casa costruita mattone per mattone in 20 anni, che ad un certo punto vediamo abitata per cui l’ingresso in essa c’è stato, ma è durato un attimo e ce lo siamo persi; possiamo e dobbiamo vedere l’attimo dell’ingresso in ogni mattone posato, pensando che i mattoni della casa non venivano messi insieme per passare il tempo ma per andarci poi ad abitare)

Adam trascura le provette col polline rosa e prepara invece i materiali inversi per andare al piano di Sopra senza volare via.
Bob (guardando con entusiasmo i francobolli che gli ha portato Adam): – Magnifico. C’è anche l’uomo senza testa. Non ci posso credere

  • Adam sospende lo stato normale (trascura le provette) e lavora per l’amore futuro (prepara i materiali inversi), come si fa in ogni incubazione (vedi figura precedente).
  • [F19<= Fig. 20: si è senza testa ogni volta che si passa da una struttura cerebrale all’altra  =>F21] L’uomo “senza testa” è una bella descrizione della situazione in cui si trova uno che mentre usa la struttura cerebrale 1 prepara la struttura cerebrale 2 alternativa ad essa, trovandosi senza una struttura cerebrale valida (senza testa) perchè una non è ancora pronta e l’uso dell’altra è sospeso

I giorni di Adam alla TransWorld passano così: un po’ lavora alla crema col polline rosa, un po’ prepara quello che gli serve per andare di Sopra da Eden e il resto del tempo lo passa con l’amico Bob.
Bob: – Che tipo di camicie vuoi che ti porti?

|<= 10 – Una dimostrazione

Adam torna nell’ufficio del Direttore Generale per fare una dimostrazione sulla crema a cui lavora (quando non lavora per incontrare Eden).
Direttore Generale: – Il risultato è visibile in pochi secondi. Osservate attentamente.
Il muso del cane vecchio, in effetti, ringiovanisce rapidamente dopo l’applicazione della crema.
DG.: – Quanto dura l’effetto del prodotto?

Adam: – Ecco. Beh, per adesso soltanto pochi minuti, ma ci stiamo lavorando.


  • Usare la crema su un cane è un errore, perchè gli altri animali (con l’unica eccezione dei delfini) non sono in grado di rifare una struttura nuova da sostituire a una vecchia, ritornando non solo giovani ma proprio neonati. (A discolpa del film c’è la pratica medica di testare i nuovi prodotti sugli animali prima di provarli sugli umani, che però in questo caso non si può fare perchè costruire nuove culture è una specificità umana)

Direttore del personale (uomo col camice bianco, usando il tono di uno che non chiede ma ordina): – Non è sufficiente. Presto faremo test clinici su soggetti umani. Ovviamente su un campione di donne del Mondo di Sotto.

Direttore generale: – Ci servono dei risultati. Conto su di lei.


  • Appare piuttosto evidente dal brutto tono imperativo del Dottore che intende usare le donne di Sotto perché le disprezza, ma ciò non toglie che queste donne siano molto più vicine alla possibilità di ringiovanire delle donne del Mondo di Sopra per ringiovanire, perchè di Sotto si fa quell’incubazione che prepara la nuova struttura e la nuova vita.
  • Non è un caso che l’analisi della domanda sia la psicologia clinica più amata dai dirigenti e che la prima grande teorizzazione della bontà delle relazioni paritarie sia stata fatta nella disciplina “Teoria dell’oorganizzazione” (portando alla prospettiva simbolico-interpretativa), perchè ai fini della produttività il funzionamento normale è un disastro e quello in stato nascente una fortuna. Purtroppo questo Dirigente ha una moglie e dei figli che non gli consentono di schierarsi troppo dal lato stato nascente neppure sul lavoro, dove gli converrebbe alla grande, tenendolo volente o nolente ben dentro al Mondo di Sopra.

Giovane 1 (del Mondo di Sopra): – Uh! E’ una crema di bellezza per Halloween?
Giovane 2 (del Mondo di Sopra): – No. Hanno standard di bellezza diversi, laggiù. Più sono racchie e meglio è.
I due ridono e poi vanno via.
Bob: – Ehi, non te la prendere per due cretini. Sono gelosi, è normale.

  • Cretino (dal lat. christianus nel senso commiserativo di ‘povero Cristo’) è un aggettivo adatto a chi, avendo rinunciato al piacere per il dovere, non potrà mai essere contento e si diverte a rendere scontenti anche gli altri.
  • Può sembrare strano che i ricchi di Sopra siano gelosi di uno povero di Sotto, ma i ricchi in stato normale sono senza amore e inquadrati, comandati, costretti a fare cose che non hanno scelto loro di fare, mentre i poveri in stato nascente fanno quello che hanno voglia di fare loro, a cominciare dal coltivare l’amore.

Bob: Che fai? Resti qua?
Adam: – Si, penso che mi tratterrò. Per rivedere alcune cose. (Al cane) Su, andiamo. Ehi, lo sai che qui non ti pagano gli straordinari?
B.: – Ah. Va bene, io vado. Me ne vado a casa con lei (il cane della dimostrazione). Lo sai che qui non ti pagano gli straordinari, vero?
A.: – Si, lo so.
B.: – Ok. Ci vediamo domani. Non lavorare troppo.
A.: – No, tranquillo.
Poi Adam controlla che non ci sia più nessuno, sale sopra un panchetto posto sulla sua scrivania e telefona all’ufficio di Eden col telefono di Bob.
Impiegata: – Si, esatto. No, mi dispiace, è già andata via. Si, può passare domani. Ok, può ripetermi il suo nome?
A.: – Boruchowicz. La ringrazio.
I.: – Ok. A domani.

  • Il fatto che il cane usato nella dimostrazione sia quello di Bob esprime sia la sfiducia della direzione verso quello di Sopra amico di uno di Sotto, sia la fiducia di Bob nella crema che sta preparando Adam.
  • L’appuntamento cercato con una ragazza a dispetto del fatto che tutti gli altri (compresi gli amici) te lo vietino (o te lo sconsiglino) è qualcosa che hanno sperimentato tutti (chi più chi meno), e ci parla di un momento dell’amore che non è quello finale ma quello iniziale, quando sono ancora da risolvere tutte le difficoltà, a cominciare dal non sapere ancora se lei sarà contenta o dispiaciuta di essere stata cercata.

|<= 11 – Verso Eden

Albert (aggiustando il corpetto con tasche per materiale inverso): – Ti brucerai. All’occorenza usa acqua per raffreddarti. Tu sai bene che potrai indossare questi contrappesi solo per un’ora.
Adam: – Si, si, si. Lo so. Lo so.
Al.: – Si, si.
Pablo gli butta addosso quello che stava preparando per lui.
Ad.: – Beh, Pablo. Che c’è? Che cos’hai?
Pablo: – Allora? Qual’è il piano, eh? Ti travesti, ti intrufoli per incontrarla, poi?
Ad.: – E poi io… non lo so.
P.: – Non lo sai. Bene, ti dico io come andrà. Ok? Lei ti vedrà. E poi si getterà tra le tue braccia, dirà che ti ama tanto e che non ti dimenticherà mai.
Ad.: – Si. Si, può essere.
P.: – Si, certo. Poi siccome inizierai a bruciarti, le dirai che l’ami anche tu, ma che che devi andare via. E se non verrai ucciso o arrestato, forse la rivedrai di nuovo tra 10 anni. Mi chiedo, ma tu credi davvero che lei stia aspettando te?
Ad.: – Si, è così. Ne sono sicuro.

P.: – Adam, tu appartieni al Mondo di Sotto. Te lo metti in testa?


  • Il problema delle persone ostili è eludibile, ma non lo è quello della diversa gravità, ovvero della fisica impossibilità dello stato nascente di convivere con lo stato normale. Eppure nel funzionamento in incubazione convivono, non bisogna dimenticarlo mai (come non lo dimentica mai Adam per merito del polline rosa che unisce senza danni materia di Sopra con materia di Sotto).

Pablo: – Senti. sai cosa penso io? Che chiamerà i poliziotti un secondo dopo averti incontrato.
Adam: – Ti pare che lei si mette a chiamare la polizia?

P.: – Adam, sei fuori di testa. Perché sei così ossessionato da quella gente? Mio fratello era come te. E’ voluto andare lassù. E non è più tornato. Vuoi finire come lui?


  • Uno stato nascente (uno che sta nel Mondo di Sotto) non può non tendere a uno stato normale (uno che sta nel Mondo di Sopra), perché la sua funzione è costruire una struttura da usare e appena ci riesce si passa in stato normale. Non è un’ossessione ma è il modo del cervello di mantenere sempre al meglio la sua capacità di prevedere il futuro e quindi la capacità di preparare buone risposte ad esso.
  • Poi l’ambiente intorno cambia, la struttura in uso no e il conseguente disallineamento spinge verso un nuovo stato nascente che lo elimini. Quindi anche quelli del Mondo di Sopra, ad un certo punto, desiderano di venire nel Mondo di Sotto. Solo che essendo un viaggio che tende a durare il meno possibile, non lo consideriamo un cambio di residenza, ma solo un viaggio, una scampagnata poco significativa farvi fronte. E l’assenza di donne nel Mondo di Sotto (avete notato che vediamo sempre tre uomini?) aiuta a non vedere chi viene di Sotto e a concentrare l’attenzione solo su chi torna o vorrebbe tornare di Sopra.

Adam si mette addosso le barre di materiale inverso che aveva nascosto.

Messe la scarpe imbottite di materia inversa, Adam viene attratto dall’alto e finisce coi piedi sul soffitto.

Per sfuggire ad un uomo della sicurezza esce fuori, ma qui è risucchiato verso l’alto e se non vola via è solo perché sopra c’è un altro soffitto che lo ferma. Camminando su tale soffitto va agli ascensori e sale sul piano dove si trova Eden, dove tornerà a camminare sul pavimento e non sul soffitto.


  • Il grande merito di questo film è quello di sostenere che c’è un problema fisico, oltre che un divieto sociale, nel tentativo di una persona con un dato funzionamento del cervello di relazionarsi con persone che hanno un funzionamento del cervello “opposto”.

Quando Adam entra nell’ufficio dove lavora Eden, lei sta cercando senza successo di far stare dritta una costruzione che sta inclinata.
Adam: – Eden. Eden, sono… sono io. Eccomi.
Eden (dopo un attimo di perplessità): – Ah, si. Il signor Boruchowicz, giusto? Sono subito da lei.
A.: – Aspetta. Dove vai?

Impiegata: – Salve, sono Paola. Ha parlato con me al telefono ieri. Non avevo capito che vi conoscevate.
Adam: – Si. Si, si, ci conosciamo. Ma non capisco perché fa così. Forse è arrabbiata.
Paola: – Noo. Noo, è che dimentica le cose.
A.: – Che intende?
P.: – È l’amnesia.
A.: – Ma, ma come, soffre di amnesia?
P.: – Si, da dopo l’incidente.
Eden (a Paola): – Togli anche questi?

Eden (ad Adam): – Voleva vedermi?
Adam: – Si. Ma. Eden, credevo che noi…
Eden non capisce e guarda Paola perplessa.
A. (passando a un tono di voce distaccato e professionale): – Credevo che… che questo prodotto a cui sto lavorando… ho pensato che potesse interessarle. Lavorativamente parlando.
Eden: – Uh-uhm.
A. (tirando fuori una bottiglietta con la crema rosa): – Si. Oh, posso mostrarglielo?
E. (accennando alla costruzione inclinata): – Si, certo. È soltanto un modello.

Adam (dopo aver messo una goccia di crema su tre punti diversi della costruzione): – Ci vuole un attimo perché funzioni.
Eden: – Ok.
A.: – Sa, io adesso sto lavorando con questo nuovo impiegato, che di recente è stato assunto qui a TransWorld. Lui ha avuto un’infanzia difficile. È cresciuto in un orfanotrofio.
E.: – Ma è terribile.
A.: – Si, è così. E sua zia Becky era l’unica parente che aveva.
E.: – Lo porti una volta.
A.: – Si. Beh. Ecco. La verità è che lui non può venire.
E.: – Ah. E perché no?
A.: – Beh, perché lui viene dal Mondo di Sotto.
Segue un silenzio, poi Eden si mette a ridere e chiede: – Perché mi sta raccontando queste cose?

Adam: – Non importa. Comunque penso che il prodotto possa esserle utile.
Eden: – È soprendente. È perfettamente dritta. Cos’è quella roba?
A.: – È top secret, a dire la verità.
E. (sorridente): – Adoro i segreti.
La materia inversa, intanto, ha bruciato la stoffa e sta per bruciare la pelle.
E.: – È tutto ok?
A.: – Si. No, sto bene.
E.: – Ne è sicuro?
E.: – Però sta sudando.
A.: – Oh, sul serio? Ma guarda qua.
E.: – Vuole un fazzoletto?
A. (andando via): – No, va tutto bene. Potrebbe scusarmi soltanto per un secondo?
E.: – Ok. A.: – Torno subito. Ci metto un attimo.

E. (a Paola): – Questo è matto.


  • Il polline rosa è quel mix ottimale di stato normale e stato nascente in grado di conservare al massimo livello il desiderio maschile di fare sesso, una volta insieme, ed è il funzionamento in incubazione, se fosse conosciuto e invitato all’interno della vita di coppia (invece che proibito, come oggi).

Adam va a raffreddare con l’acqua la materia inversa surriscaldata, ma deve smettere perché nel gabinetto arriva un uomo del Mondo di Sopra.
Dopo fa pipì. Ma questa va in alto, scorre sul soffitto arrivando ad un sensore e fa scattare l’allarme

Accorrono tre uomini della sicurezza e Adam corre verso gli ascensori.
Eden: – Ma dove sarà andato? Che dici tornerà?
Paola: – No, non credo. Però quant’è carino.

E.: – E gia.


  • Cerchiamo di non farci distrarre dagli uomini della sicurezza che rincorrono Adam, perché il problema non sono loro ma l’impossibilità dello stato normale di coesistere con lo stato nascente senza che qualcuno si scotti (ovvero all’impossibilità di un matrimonio di coesistere con un’iniziativa da innamorato di uno dei partner nei confronti di una terza persona senza che qualcuno ne soffra).

Pablo: – Te l’avevo detto che non ti avrebbe riconosciuto.
Adam: – Pablo, per favore.
Albert: – Soffre di amnesia la nostra povera ragazza. Sei sempre in cerca di problemi. Ti sei preso una bella scottatura. Mettine ancora un po’ (di crema anti scottature) prima di andare a dormire.

Ad.: – OK.


  • Albert non la racconta giusta, perché uno stato nascente è sempre in cerca non di problemi ma di soluzioni per i problemi emersi durante lo stato normale.

|<= 12 – Licenziamenti

Adam mette una sostanza sul gambo dei fiori che stanno appassendo. Subito spuntano delle radici e i gambi portano in alto i fiori.
Impiegata (del Mondo di Sopra): – Va tutto bene sig. Kirch?
Adam (chiudendo precipitosamente lo sportello del mobile dove tiene i fiori): – Si. Certo. Si, si. Va tutto bene. Stavo solo mettendo in ordine.

Impiegata: – Questo è l’elenco delle candidate per i suoi test clinici.
Adam: – Oh, ottimo. La ringrazio.
I.: – Tornerò a prenderlo alle 8 in punto per la selezione.
Bob: – Psii. Ehi, posso vedere?
A. (mostrando le foto): – Ma certo. B.: – Mhaa! Mamma mia, con delle modelle così sei fottuto, amico mio. Che hanno intenzione di fare, licenziarti?
A.: – Chi lo sa.

Bob (mentre suona una campanella e tutti si alzano): – Adesso lo show.
Adam: – Lo show? Che vuoi dire?
B.: – Lo vedrai. Ti hanno appena assunto. Puoi stare tranquillo, per ora.
Direttore del personale (in camice bianco): – Attenzione, prego. Prima di iniziare a distribuire i bonus, abbiamo un elenco di individui i cui servizi non sono più richiesti. A seguire viene detto nome e cognome dei licenziati.
B.: – Abbi fede, amico mio. Se la tua idea funziona, non avrai nulla da temere. Andrà tutto bene.

Bob (al sentire il suo nome): – No. È uno sbaglio. Si è sbagliato. (Parlando alla sala attraverso un microfono) Scusatemi. Mi scusi, ha detto Bob Boruchowicz? Credo che ci sia un errore, no?
Direttore generale (Lagavulin): – Non c’è nessun errore, sig. Boruchowicz. In virtù della sua anzianità, le verrà conferita una pensione. Ma il suo contratto con TransWorld è terminato.

Bob resta a bocca aperta e si guarda intorno spaesato.


  • I dirigenti hanno il diritto e anche il dovere di scegliere chi continuerà a lavorare lì e chi no, ma quando licenziano uno bravo sul suo lavoro come Bob (perché è diventato amico di Adam) allora è arrivato il momento di cambiare la dirigenza.  Questo succede in un’organizzazione orientata a funzionare al meglio e questo succede anche nel cervello, dove le cortecce associative hanno il diritto e il dovere di comandare su quelle di più basso livello nello stato normale, ma quando i risultati sono insoddisfacenti allora è arrivato il momento che uno stato nascente metta in uso una nuova struttura cerebrale (una nuova dirigenza), fase durante la quale le cortecce di alto livello sono comandate da quelle di basso livello.
  • Il problema nasce quando la dirigenza non può essere cambiata nonostante faccia scelte che creano problemi invece di risolverli ed è quello che succede sulla terra attuale negativa in amore dove la dirigenza è femminile ma risulta essere maschile, col risultato che le donne possono creare tutti i problemi che vogliono tanto la colpa ricade sugli uomini.
  • [20<= Fig. 21: la differenza non è tra le persone ma tra i modi di funzionamento =>F22] La grande differenza tra l’apprezzamento di Albert che tratta un dipendente come un figlio e il disprezzo di Lagavulin che tratta un dipendente come una cosa da cestinare dopo l’uso non è una differenza tra persone ma una differenza tra lo stato nascente (ingrediente base del ruolo maschile propositivo) orientato al piacere perché deve creare una nuova struttura e lo stato normale (ingrediente base del ruolo femminile, per cui dietro a Lagavulin ci sono le donne) orientato alla sofferenza perchè deve mantenere immutata la stessa struttura che il piacere cerca di modificare. Per produrre piacere bisogna apprezzare, per produrre sofferenza bisogna disprezzare e la stessa persona fa una cosa o l’altra a secondo del ruolo che sta svolgendo in quel momento.

.Bob: – Non fidarti di nessuno, Adam. Questo è un covo di serpi.
Adam: – Tutto qui? Impacchetti le tue cose e te ne vai?
B.: – 31 anni e ti buttano via come spazzatura. Gia, TransWorld è così.
Bob mette delle cose in una scatola e la lancia ad Adam, dicendo che è in cambio dei dei francobolli e che alcune delle cose lì dentro potrebbero servirgli.
A.: – Ehi Bob. Davvero, mi dispiace.

B.: – Non preoccuparti per me, amico. Ci rimettono loro. Abbi cura di te, capito? (Poi, al cane) Su, andiamo. Conosco questi stronzi, potresti finire in scatola.


  • Il Mondo dei normali diventa un “covo di serpi” non per colpa del funzionamento normale, che non produce piacere ma potrebbe benissimo essere corretto, ma perché la famiglia normale è negativa e le persone si disprezzano a vicenda, dopo di che disprezzare diventa lecito anche sul lavoro.

Adam ringrazia Bob che va via e poi guarda nella scatola, maneggiando con cura affinché le cose non volino via.
Vedendo il badge che gli dà accesso al Mondo di Sopra, egli sorride.

|<= 13 – Invito a pranzo

Eden chiama il telefono di Bob e alla segreteria che invita a lasciare un messaggio dice: – Ciao, Bob sono Eden Moore. Come va? Mi chiedevo cosa fosse successo l’altro giorno. Sei scappato via così in fretta.
Adam: – Ah, Eden. Ciao. Sono Bob.
E.: – Ciao. Che ti è successo?
A.: – Volevo scusarmi con te per essere sparito in quel modo. È che un allarme è scattato e la sicurezza ha bloccato tutto l’edificio. Sono rimasto bloccato per ore.
E.: – […] E va bene, ti credo. Però mi inviti a pranzo.
A.: – Cosa?
E.: – Così potrai raccontarmi una scusa migliore.
A.: – Mangiamo qualcosa alla mensa? Che dici?
E.: – Potremmo anche uscire.

Adam (nascondendosi perché ha visto qualcuno).: – Uscire?
Eden: – Si. Perché non ti va?
A.: – No, no, no. Certo, mi piacerebbe.
E.: – Ok, grazie. Che ne dici del Cafè Dos Mundos? Lo conosci?
A.: – Si, ma certo. Wow, il Cafè Dos Mundos.
E. (sentendolo esitare): – C’è qualche problema?
A.: – No. Non c’è nessun problema.
E.: – Va bene. Allora a domani all’una.
A.: – Perfetto.
E.: – Ok, ci vediamo. Ciao.
A.: – Ciao.

Il giorno dopo Adam va nella stanza delle pulizie a mettersi i contrappesi e poi sale sull’ascensore. Arrivato al Mondo di Sopra c’è una barriera, che supera usando il badge di Bob.

Per andare al Cafè, che è nel Mondo di Sotto, prende la funivia.
Essendo imbottito di materia inversa, Adam cammina sul pavimento riccamente decorato e non sul soffitto spoglio di esso.

|<= 14 – Al cafè

Dopo la stretta di mano, si siedono e Adam si scusa per il ritardo.
Eden: – Non importa, sono arrivata ora.
Adam: – Davvero? Ah, bene.
E.: – Come mai non ci siamo mai visti a TransWorld, prima?
A. (imbarazzato): – Ah. Perché è molto grande come compagnia. Non saprei, forse è per questo.
E.: – È vero. Abiti qui vicino?
A.: – Io? No. Devo fare un lungo percorso in salita. Eden non dice più nulla sull’argomento.
A.: – Senti. Io non riesco a capire, scusa. Tu davvero non ti ricordi per niente di me? Forse se mi guardi bene, se mi guardi molto attentamente. Non ricordi proprio chi sono?

Eden si fa molto seria.


  • Dieci anni prima erano giovani e venti anni prima erano bambini. Ora sono adulti e Eden non è certo la prima adulta che non ricorda nulla dell’amore (dello stato nascente) che metteva da giovane nelle sue relazioni.
  • Il diventare seria di Eden ci dice che a lei non piace che gli si ricordi come era un tempo e oggi non è più.

Adam: – Fa uno sforzo. (Mettendo la sua mano su quella di lei) Eden, noi due ci conosciamo.
Eden (ritirando la mano e allontanadndosi col busto): – Che cosa stai facendo?
A.: – Lo sto dicendo perché è vero.
E. (gettando il tovagliolo sul tavolo): – Perché ti comporti in questo modo?
Eden si alza e va via a passi decisi, mentre Adam dice “Eden, ti prego. Io…” restando seduto, come incapace di reagire.

Adam (correndo da lei e fermandola): – Aspetta, aspetta, aspetta, scusami. Per favore non andartene, ti prego. C’è stato un malinteso. Io, io volevo dire che ci siamo già visti. Si, eravamo davanti all’ascensore, al lavoro. Ti sono caduti dei fogli e io ti ho aiutato a riprenderli. Non te lo ricordi?
Eden: – No, non ricordo.
A.: – Si, certo. Perché dovresti? Senti, mi sento un po’ a disagio. Tutto qui. Non volevo aggredirti, davvero. Ti chiedo scusa. Puoi perdonarmi?

Eden: – Io dovrei tornare a lavorare, adesso.
Adam: – Rimani almeno per un drink. Non possiamo berci una cosa insieme? Non dobbiamo mangiare per forza. Io non ho nemmeno fame. A meno che tu non abbia fame, in tal caso sono molto affamato. Si, mangerei tutto il menù, due volte. Se solo ti sedessi al tavolo con me.
E. (sorridendo): – Beh, ho molta fame in realtà.
A.: – Siediamoci.

Il pranzo insieme va molto bene, perché li vediamo ridere e scherzare.

Adam: – Come facevi a non saperlo?
Eden: – Non lo sapevo.
A.: – È assurdo. Beviamoci su. Fanno un brindisi, con vino del Mondo di Sotto visto che il bicchiere è capovolto.
A.: – È buonissimo.
E.: – Si.
A.: – Si. Mi piace.

E.: – Però vacci piano.


  • Si sta allegri con uno del Mondo di Sotto, perché è orientato al piacere proprio e altrui, mentre lei viaggia a freni tirati (però vacci piano col vino).
  • Insieme fanno una bella coppia e il brindisi finale esplicità questo andare d’accordo, dopo di che Eden è invogliata a raccontare a lui del suo progetto, lasciando intravedere i sogni che ci sono dietro.

|<= 15 – Sogni condivisi

Eden: – Ehi, voglio farti vedere una cosa.
Lei prende una cartella dalla borsetta e la apre davanti ad Adam.
E.: – È un mio progetto personale, ma vorrei realizzarlo su scala maggiore e forse la tua invenzione potrebbe essermi utile.
Adam: – Wow. È magnifico. Sul serio. È splendido davvero e se vuoi ti do una mano. Si. Queste sono le montagne sagge.
E.: – Si. Io ci sono cresciuta lì. C’è ancora la mia vecchia casa.
A.: – Beh. È incredibile. Io andavo sempre lì a raccogliere i melograni.
E.: – Anch’io. Sono i migliori.

A.: – I migliori.


  • Adam non è il solo a impiegare tutto il suo tempo sul lavoro a studiare come unire i due Mondi, perché anche Eden lo fa se gli origami dei quali si occupa in ufficio sono centrati sulle montagne sagge, dove i due mondi si sfiorano.
  • La condizione cerebrale per amarsi (passando dai sogni dell’incubazione allo stato nascente) è quella di fare lo stesso sogno e qui appare chiaro che Eden coltiva lo stesso sogno di Adam nella sua incubazione e con tanto impegno da averlo trasformato in un lavoro.
  • Eden non è cosciente del fatto che il suo sistema emozionale stia coltivando lo stesso sogno di Adam, ma in amore è normale che il cuore (il sistema emozionale) sia un passo avanti alla ragione, che potrà capire la struttura in incubazione solo dopo che essa è stata costruita inconsapevolmente.

Le scarpe di Adam emettono fumo e lui emette degli “Ah! Ah!” di sofferenza.
Eden: – È tutto ok?
Adam: – Si. È tutto a posto. Sto bene, davvero. È solo che inizia a fare caldo qui dentro.
E.: – Usciamo allora.

Adam non se lo fa ripetere e chiede il conto. Con la funivia, Adam accompagna Eden sul Mondo di Sopra e qui si salutano, con un bacio sulla guancia di lei.


  • La proposta di andare via di Eden è un esempio del cuore che precede la ragione, perché a parole lui nega di star male e lei sembra prenderlo per buono, ma col cuore sa benissimo non solo che non è vero ma anche che Adam è del Mondo di Sotto per cui non può stare più a lungo con lei e infatti guarda caso Eden propone di andarsene alla svelta.

Adam, con le scarpe in fiamme, corre verso il mare e si tuffa. Nuota verso il largo, poi si toglie i pesi e viene risucchiato verso il cielo in direzione Mondo di Sotto

83) Dopo il tuffo nel mare del Mondo di Sotto, Adam va a casa. Ha freddo e mette nella stufa un bullone fatto di materia inversa.

Adam si mette a letto e chiude gli occhi.
Anche Eden è a letto con gli occhi chiusi.
Adam si rivede bambino che si arrampica su un albero fino a toccare un albero dell’altro Mondo.

Eden sente la voce di Adam che dice “Eden sono io” e apre gli occhi.


  • Fino ad oggi Eden coltivava lo stesso sogno di Adam senza essere cosciente che la storia sulle momtagne sagge riguardava anche Adam, ma dopo l’incontro al Cafè si fa strada verso la coscienza il ricordo di qualcuno che la chiamava, e anche se per ora questo qualcuno non ha un nome e un volto lei non può ignorare che questi ricordi sono tornati dopo l’incontro con quello che per ora lei chiama Bob.] [Vedere che Adam ed Eden sognano le stesse cose nello stesso momento trasmette l’idea che queste due persone sono tornate in qualche modo a camminare insieme.

|<= 16 – Presentazione crema

Un applauso accoglie l’ingresso in scena di Adam. C
apo del personale: – Il nostro dimostrerà applicherà l’intera linea di prodotti. Proporremo 5 differenti creme, di crescente efficacia, a seconda della concentrazione del principio attivo. La quinta sarà la più potente.

Capo del personale: – L’obiettivo è il ringiovanimento totale di ogni singola zona del viso. Come vedete la diversa efficacia delle creme permette alla consumatrice di correggere ogni tipo di imperfezione. Per impefezioni lievi, il livello 2 può offrire un visibile miglioramento, senza effetti collaterali…


  • Il ringiovanimento del viso è l’aspetto visibile di un ringiovanimento del cervello, che potendo “morire per rinascere diverso” può far ricominciare da capo la vita (e correggere ogni tipo di problema incontrato nella vita precedente), cosa che il viso non può fare perché al massimo un cervello continuamente ringiovanito può arrestare l’invecchiamento del volto.

… Ma la crema 5, la più potente, può fare miracoli. E a proposito di miracoli stiamo sviluppando anche un prodotto per il seno e i glutei. Oh, credo che siamo pronti. La crema ha agito. Dal pubblico arriva un applauso caloro e molti “bravo!”. Lagavulin guarda il suo vicino con aria molto soddisfatta


  • Questo ringiovanimento del volto, per quanto vistoso, è nulla rispetto al ringiovanimento che può fare il cervello mettendo in usa una nuova struttura cerebrale.

Capo del personale: – Qualche domanda prima di continuare.
Uomo del Mondo di Sotto: – Si. Ci può vendere una versione economica al mondo di sotto, magari una sola crema?
Capo del personale: – Certo. Quella con la concetrazione più bassa. Non avremmo mercato, laggiù, con le creme più esclusive.
Nel frattempo entra in sala Eden e Adam cerca di riparare il volto per non farsi riconoscere da lei (che lo conosce come Bob, mentre gli altri lo conoscono come Adam)

Capo del personale: – Ma vediamo come procede il nostro esperimento.
Adam è impacciato e dopo aver detto “abbiamo applicato il prodotto 10 minuti fa e…” si blocca. Il pubblico riempie il vuoto con un applauso.
Eden: – Ho una domanda per il dimostratore. Sig. Boruchowicz, vero?
Adam: – Ah. Mi dispiace, deve avermi confuso con qualcun altro. Il mio nome è Adam. Adam Kirch.
  • Al momento le cose stanno andando bene tra Adam e Eden, ma non vanno affatto bene per la società, che vieta relazioni miste e ha costretto Adam a presentarsi come Bob.

Questo nome fa succedere qualcosa nella testa di Eden, visto che si mette una mano sulla fronte e poi va via di corsa senza dire null’altro. Adam corre a mettersi addosso la materia inversa e poi si precipita nell’ufficio di lei, che però è appena andata via. Adam la intravede mentre prende l’ascensore, ma deve aspettare l’ascensore successivo per continuare.


  • Passato e presente vengono a collisione e per un attimo Eden si trova a mezza strada, tra un passato che ancora non ricorda e un presente (rappresentato dall’ufficio in cui lavora oggi) che è ancora presente ma al quale non crede più e dal quale si allontana (così come si allontana dall’ufficio) più in fretta che può.

Quando Adam arriva di Sopra, Eden ha appena superato la barriera verso l’uscita.
Il Badge di Bob è stato disattivato, ma Adam scavalca la barriera e corre in strada, inseguito dagli uomini della sicurezza.

La fuga di Adam continua e alla fine lui riesce a far perdere le sue tracce ai poliziotti ma perde di vista Eden. Adam non ha idea di dove abiti Eden, la città è grande e il tempo prima che la materia inversa scotti è poco, per cui alla fine lui si toglie di dosso il corpetto imbottito e si ferma a riposare sotto questo ponte.

|<= 17 – I ricordi di Eden tornano

Altoparlante (mentre viene affisso un grande manifesto che pubblicizza la nuova crema): – Gravity. La rivoluzione contro il tempo. Una novità TransCosmetics. Ringiovanisci oggi stesso.

Adam si sdraia (posizione ideale per dormire ma anche per sognare da svegli).


  • Eden è sul divano di casa sua, sopraffatta dai troppi ricordi e con le lacrime agli occhi. [Se rilassarsi aiuta a far affiorare i ricordi delle esperienze passate (motivo per cui Adam si sdraia sul cemento), Eden deve averne troppi di questi ricordi visto che invece di rilassarsi sul divano sta contratta.
  • Le lacrime indicano la presenza di emozioni troppo forti per essere controllate, ma non ci dicono se le emozioni di Eden sono brutte o belle, ovvero se il passato che torna crea problemi o li risolve.
  • La contemporaneità del pensare al passato di lui e di lei dà l’impressione che loro si vedano, nonostante lui sia sotto un ponte e lei a casa sua, ma se pensano alle cose fatte insieme in passato allora si vedono effettivamente.
  • La crema che ringiovanisce (della quale non hanno bisogno Adam ed Eden tornati, coi loro ricordi, a quando erano giovani e forse anche a quando erano bambini) è commercializzata da una ditta che richiama nel suo nome il mettere insieme il meglio dei due Mondi, cosa che permette di vincere la legge di gravità e per questo la crema è stata chiamata Gravity.

Eden ripensa a quando era bambina. Bambino: – Ehi! Che ci fai qui?
Eden: – Sto cercando il mio cane.
B.: – Come ti chiami?
E.: – Non posso parlare con te.
B.: – Perché no?
E. (prima di andare via): – Sei del Mondo di Sotto.
B.: – Mi chiamo Adam.

La Eden di oggi solleva la testa a questo nome, che ha sentito oggi e che aveva già sentito 20 anni prima.


  • Il passato è scritto nel cervello di tutti, ma per tirarlo fuori ci vuole un buon motivo e questo buon motivo si sta facendo strada nel cervello di Eden, superando le resistenze del suo presente.
  • La Eden bambina va via, nel primo incontro con Adam, rifiutandosi di parlare con uno del Mondo di Sotto e cercando di dimenticarsi di averlo incontrato. Quando poi da grande lei dimentica Adam, può darsi che sia per il trauma ma in quella direzione lei voleva andare fin dal primo incontro.

Rimesso il corpetto con la materia inversa (che lontana dal corpo di Adam torna a temperatura ambiente), Adam va a bussare alla casa di Bob.
Bob: – Tu? Figlio di una cagna. Sapevo che stavi tramando qualcosa.
Adam: – Bob, mi fai entrare?
B.: – Certo. Ma che stai aspettando? Forza entra, dai.

Prima di chiudere Bob controlla che nessuno li stia guardando.


  • Anche Bob come Eden sa più di quello che Adam ha detto loro (sapevo che stavi tramando qualcosa), perché oltre alla comunicazione verbale c’è anche quella non verbale, potentissima ma non cosciente.

Bob ha preparato un giubbetto speciale per chi vuole andare nell’altro Mondo.
Bob (lanciando il giubbetto ad Adam): – Prova questa taglia. Se ti va bene, hai chiuso con le ustioni.
Adam: – È fantastico. Oh Bob, sei un genio.

B.: – Oh, puoi dirlo forte. TransWorld si pentirà di avermi licenziato in quel modo. Il giubbeto gli sta e Adam lo usa subito.


  • Bob ha fatto amicizia con Adam perché vuole avere contatti col Mondo di Sotto e visto che al momento tali contatti richiedono la materia inversa addosso, ha preparato questo giubbetto per se e già che c’era ne ha fatti altri con taglia diversa. Visto che ora Adam è lì, offre un giubbetto di taglia adeguata anche a lui.

97) Bob: – Non capisco. È impossibile modificare la forza di gravità. Ne sei certo?
Adam: – Assolutamente si. (Prendendo i due bicchieri separati) Dunque, quello che dobbiamo fare è miscelare le due soluzioni opposte. (Dopo aver miscelato le due acque) poi aspettare che si stabilizzi la gravità. E infine… Adam lascia uscire il liquido, che resta sospeso in aria.
B.: – Noo. Cavolo. Questa è meglio di una buona idea, amico mio. Questa è una rivoluzione. Ma non hanno la tua formula, loro?
A.: – No. Ho pensato bene di tenermi l’ingrediente principale.

B.: – Ohhh. Darei ciò che possiedo per vedere la faccia di Lagavulin quando lo saprà, quel bastardo.


  • Si, è impossibile cercare di mettere il piacere nel funzionamento normale o il dovere nel funzionamento in stato nascente, perché cambierebbero natura e non assolverebbero più alla funzione per cui vengono utilizzati.
  • Si, imparare a far convivere piacere e dovere è una rivoluzione, ma il segreto per riuscirci è il contrario del mescolamento mostrato qui tra le due acque: bisogna mantenere su piani separati l’attività orientata al piacere da quella orientata al dovere.
  • Non ci sono bastardi e brave persone, ma persone normali e persone in stato nascente. Poi ci sono gli stati normali chiusi alla possibilità di accettare momenti di stato nascente proprio o altrui e quelle sono le persone normali negative.

Lagavulin: – Lei mi sta dicendo che non abbiamo la formula?
Capo del personale: – Noi. Beh, abbiamo cercato di ricrearla diverse volte, ma il fatto è che ci manca un ingrediente, la polvere rosa. Ne abbiamo trovata un po’ nel suo ufficio. Senza quella non abbiamo la crema.
L.: – È inaccettabile! Non potete fare a meno di quell’uomo?
C.: – No.

|<= 18 – Incontro di testa

Adam va a cercare Eden al Cafè dos Mundos, perché quello è il posto dove gli innamorati si cercano e dove il filo spinato non impedisce che si trovino. Se Eden è tornata ad amarlo, allora sarà lì ad aspettarlo.
Eden c’è.

Adam: – Ti ricordi di me?
Eden (abbracciandolo): – Sto cominciando. Si.

Eden lo bacia e le due mani sulla testa altrui ci dicono che il sogno condiviso ha creato un legame tra quelle due teste.
L’abbraccio ci dice che è vero e che ora non si sa più dove finisce una persona e comincia l’altra persona.

Polizia di frontiera: – Tutti contro il muro. Da questa parte, prego. È un normale controllo.
Adam: – Devo andare via.
Eden: – No.
A. (andando via dopo un ultimo bacio): – Sta tranquilla. Ti troverò io.

Adam sale di corsa al piano di sopra, inseguito dai poliziotti. Si toglie i pesi e poi salta, prendendo al volo la funivia che va al Mondo di Sotto.


  • Si, il controllo è molto normale, nel senso che il funzionamento normale prevede il controllo di chi sta in alto su chi sta in basso.

|<= 19 – Incontro di tutto

Mentre al telegiornale si parla di una caccia all’uomo, Adam va ad aspettare Eden sulla cima delle montagne sagge dove si incontravano da giovani.

Eden va a questo appuntamento che non si sono dati a parole, ma che è implicito nel sogno comune di far incontrare i due Mondi.


  • Prima Adam supera il test di Eden che era andata ad aspettarlo al Cafè degli innamorati e ora Eden supera il test di Adam che era andato ad aspettarla al loro ritrovo di un tempo.
  • In entrambi i luoghi il Mondo di Sopra e quello di Sotto si incontrano, perché non c’è la creazione di una nuova coppia senza lo stato nascente (Mondo di Sotto) e le persone che si vanno a mettere insieme vengono dallo stato normale (Mondo di Sopra).

Quando sono abbracciati non hanno peso e possono fare sesso senza che lui vada di Sopra o che lei venga di Sotto.


  • Piacere e dovere stanno insieme senza alcuna polvere rosa, fino a che i due stanno abbracciati. Il problema è come far durare questa coabitazione anche a luna di miele iniziale finita.

|<= 20 – I cacciatori

Adam passeggia con Eden (nel Mondo di Sopra visto che ha i pesi addosso).
Adam: – Aspetta.
Eden: – Che c’è?
A.: – Non so. Ho sentito dei rumori.

Poco dopo sbucano dalla notte cacciatori e cani. I due scappano e dietro si spara su di loro.


  • Intanto notiamo che Adam ha bisogno dei pesi per stare di Sopra passeggiando insieme a Eden, una volta finito lo stare abbracciati.
  • Questi cacciatori, come le guardie di frontiera al Cafè, non vogliono il piacere (uno del Mondo di Sotto) nel dovere (accanto a una del Mondo di Sopra) e sono quindi i guardiani dell’assetto attuale del mondo, negativo in amore perché se fosse positivo accetterebbe il piacere accanto al dovere.

Adam si fa aiutare da Eden mentre si toglie alla svelta i pesi. Senza pesi (e senza essere abbracciato a lei) vola via, ma Eden tiene le sue mani e gli va dietro.


  • La luna di miele è finita prematuramente a causa dei cacciatori che richiamano Eden ad un dovere senza piacere e senza pesi Adam è attratto di Sotto.

Si fermano a mezza strada, su una grande gabbia del Mondo di Sopra oltre la quale si vede il Mondo di Sotto.
Eden sale sopra ad Adam e tornano a volare, ma una fucilata spezza una delle corde che tenevano la pietra e si ritrovano uniti solo da un braccio.
Eden: – Tieniti forte. Tieniti forte.

 Adam: – Eden, non mollare. Resisti.


  • Quando riescono a stare abbracciati non hanno peso, ma quando si tengono solo per mano allora lui ha un peso e lei fatica a trattenerlo nel Mondo di Sopra.

Eden però non regge la spinta di Adam verso Sotto e allora Adam la prega di lasciarlo andare, dicendosi tanto dispiaciuto.
Lei dice di no, ma la sua mano dice di si e lo lascia andare.

Adam precipita di Sotto, ma i rami di un grande albero lo salvano.


  • Questo è la situazione attuale, col piacere che divorzia dal dovere sostanzialmente appena smettono di fare sesso.
  • Adam è disponibile a restare di Sopra mettendo via il piacere (resisti), ma quando Eden rischia di cadere di Sotto perché la sua spinta al piacere è troppo forte, allora la prega di lasciarlo andare, considerando evidentemente vantaggioso per lei, se proprio deve scegliere tra il solo dovere e il solo piacere, di restare nel mondo del solo dovere.

|<= 21 – Agenti

Eden viene arrestata

Agenti in borghese del Mondo di Sopra aggrediscono Adam caricandolo a forza su un’auto e si fanno consegnare “la formula completa della crema anti-età” in cambia della vita di Eden, ma se lui la cercherà ancora la faranno “incriminare e arrestare”

Adam: – È andata a finire così. Loro hanno vinto e io ho perso. Ho perso tutto. Mi hanno portato via la zia Beky e ora mi hanno portato via anche Eden. È terribile pensare che non la vedrò mai più. Sono stato un ingenuo a credere che avrei potuto cambiare il mondo. Lassù vincono sempre. Quaggiù perdiamo sempre. Ora non mi resta che tornare alla mia vita, al mio Mondo. Cercherò di andare avanti qui, nel Mondo di Sotto. Ma non la dimenticherò mai. Mai.


  • Si, il funzionamento senza piacere del Mondo di Sopra vince sempre (non a caso l’ho chiamato funzionamento normale del cervello), per due ottimi motivi: 1) L’orientamento al piacere cessa appena costruita la nuova struttura cerebrale (e prima di avere bisogno di costruirne un’altra fino a ieri passavano molti decenni); 2) L’orientamento al dovere è necessario per avere il tempo di crescere i figli (almeno fino a che non si trova il modo di ammettere il piacere senza ridurre la durata media della coppia)

|<= 22 – Vittoria

Bob rende stabile l’assenza di peso creando un’acqua senza peso dalla miscela di un’acqua normale e un’acqua rosa

L’acqua rosa è senza peso ma normale per tutto il resto, visto che il pesce che continua a viverci come prima viveva nel vaso con l’acqua normale.

Bob: – Vittoria!


  • La vittoria non la può ottenere una persona o una coppia da sola e per questo l’ultimo passo è messo nelle mani di Bob (un uomo di Sopra tanto per chiarire che una proposta del Mondo di Sotto passa solo se piace anche al Mondo di Sopra) e non in quelle di Adam che ci ha lavorato molto di più.

Bambino grande (quello in mezzo): – Senti, è vero che sono tutti ricchi lassù?
Bambino piccolo: – Non lo sai? È un Paradiso il Mondo di Sopra.
Adam: – Un Paradiso? No ragazzi, vi sbagliate. Potranno essere dei ricconi, ma di certo non è il Paradiso. (Poi al bambino piccolo con l’aereo) Ehi, fammici dare un’occhiata. Che ne dite, proviamo a farlo volare?
Bambini in coro: – Siii.
A.: – Gli diamo una marcia in più?

Adam ci mette tre gocce di un liquido rosa, poi lo fa lanciare al bimbo grande.


  • Un Mondo dove ogni famiglia è negativa è un Inferno, nel quale le ricchezze riportano i conti in pari tra sofferenze e piaceri, ma senza portare mai ad un bilancio con più piacere che sofferenza.
  • Il bambino più piccolo ha l’aereo perché è quello che ha più sogni, però anche Adam continua a sognare, e non è un dettaglio perché è sognando che si crea piacere.

Telefono (mentre l’aereo del ragazzino plana davanti alla vetrata dove Eden sta sdraiata sul divano): – Ciao Eden, sono Paola. Sei ancora malata? Sono 4 giorni che non vieni. Hai ricevuto quei strani fiori che ti abbiamo mandato? Credo vengano dal piano zero. Fammi sapere, ok? Spero tu stia bene. Ciao.

I fiori stanno in piedi sul Mondo di Sopra come sul Mondo di Sotto perché sono stati nutriti con l’acqua rosa dei due Mondi.


Allora Eden va da Bob, dicendogli: – Mi serve il suo aiuto.
  • Sul divano Eden non dormiva ma sognava da sveglia e visto che anche Adam continua a giocare con gli aeroplani si può dire che entrambi stanno cercando la strada per ritrovarsi sognando ad occhi aperti.
  • La strada passa da Bob, che ha appena scoperto che l’acqua rosa senza peso può essere ingerita, una conclusione che Adam ha testato con successo usando questi fiori.

Adam lavora, ma non sul polline rosa.
Bob (ridendo e correndo): – E’ fantastico.
Adam: – Bob?
B.: – Si. Credevi di essere l’unico a ingannare la gravità? Non ti libererai di me facilmente, vecchio mio.
A.: – Non posso crederci.
B. (mettendosi sulla punta di un piede e poi salendo in aria e scendendo lentamente): – Guarda che spettacolo.
Adam va ad abbracciarlo e Bob sale facilmente in aria.
A.: – Mi sembra che non indossi nessun giubbotto. Dove li hai messi i contrappesi?

B.: – No. ascolta. Il corpo è al 90% acqua. Ne ho presa dal mondo di sopra e dal mondo di sotto, creando una sorta di infusione. Tu lo sai meglio di me. Il problema è che l’effetto dura solo un’ora, ma lo miglioreremo. Ma tu (gli consegna un biglietto di invito di Eden) hai un rendez-vous (appuntamento)


  • [F21<= Fig. 22: un’ora ogni tanto di stato nascente temporaneo è tanta roba =>F23] Quanto amore verso altre persone può consentire un matrimonio senza sfasciarsi e anzi andando meglio? Vista la durata del tempo in cui si può stare senza che la gravità mandi Sopra o Sotto una persona, la risposta del film è “un’ora ogni tanto“, che può andare da un massimo di un’ora al giorno fino ad un’ora all’anno. Sono durate ragionevoli secondo la teoria che sto utilizzando in questo sito? Decisamente si, perché un’ora di stato nascente temporaneo (qui sopra nella definizione utilizzata in un approfondimento del film NOVO) è tanta roba, avendo dietro decine di ore di incubazione (sogni da svegli), per fare i quali sogni una persona impiega settimane quando non mesi. Come esempio vediamo che nel film TRA LE NUVOLE la prima serata insieme di Alex (sposata) con Ryan (single) dura un paio di ore. Poi ci sono settimane di sogni (=> “SMS di ALEX: sognami stanotte) prima dell’incontro successivo.

|<= 23 – Sullo stesso piano

Eden arriva al “Cafe Dos Mundos”, ma camminando sullo stesso pavimento di Adam senza i pesi.
Adam (meravigliato e sorridente): – Non riesco a crederci. Come hai fatto a venire quaggiù?
Eden: – Bob mi ha aiutata.
A. (abbracciandola e baciandola): – Amore. Amore. Ero così preoccupato per te.

Eden: – Sono incinta. Avremo due gemelli.
Adam (mettendo una mano sul ventre di lei): – È meraviglioso. Non ci posso credere. Per quanto tempo potrai restare qui sotto?
E.: – Per sempre, a quanto pare. Bob dice che è merito della gravidanza. E che tu capirai. Perché questo è un grande universo. Ti amo.

A.: – Ti amo.


  • Una gravidanza non ha mai cambiato l’orientamento di una donna dal dovere al piacere, se mai l’ha cambiata in senso inverso. Questa volta però è diverso e Adam capirà la novità perché c’è di mezzo la sua polvere rosa che concilia il dovere col piacere (se fanno un figlio hanno il dovere di rimanere insieme fino a che non è cresciuto, ma un’incubazione gestita bene porta il piacere senza mettere a rischio la coppia, ma anzi rafforzandola).
  • [F22<= Fig. 23: un’ora ogni tanto di stato nascente migliora per sempre il clima dello stato normale =>F24] Conciliare il “per sempre” detto qui da Eden con la sospensione della gravità che durava “un’ora ogni tanto” detta da Bob poco prima non è banale, ma si può fare con l’aiuto della figura qui sotto (originariamente usata per spiegare l’amore a tre negli approfondimenti del film NOVO). A migliorare per sempre è infatti il clima dello stato normale di una coppia sposata, se essa ammette (incoraggia e gestisce al meglio) un’incubazione che vive in parallelo e che prevede, un’ora ogni tanto, uno stato nascente temporaneo (l’amore di una sera, tanto malfamato sulla terra attuale che lo considera un tradimento quanto amato su Terra2 che lo considera  altrettanto sacro dello Spirito Santo nella trinità cristiana). E’ questo l’amore a tre (Eden, Adam e il partner sognato per un futuro lontano ancora anni) di cui ho parlato negli approfondimenti del film NOVO.
  • Spiegare la novità col fatto che i figli in grembo a Eden sono di materia inversa è lecito quanto insoddisfacente, perché una volta partoriti i figli Eden dovrebbe volare via risucchiata dalla sua gravità. La spiegazione efficace è quella suddetta basata sull’incubazione, con le due gravità che convivono su due piani distinti che hanno imparato a restare distinti. E i figli c’entrano col “per sempre” perché porteranno alla prossima generazione la novità di una coppia che concilia il dovere col piacere.

|<= 24 – Il cambiamento

Adam: – Ancora non sapevamo quali sarebbero state le conseguenze delle nostre azioni. Il nostro amore avrebbe cambiato per sempre il corso degli eventi.


  • [F23<= Fig. 24: può un amore riuscito cambiare per sempre il corso degli eventi?] Può un amore riuscito “cambiare per sempre il corso degli eventi”? Si, se la novità sperimentata felicemente in quella coppia è portabile in ogni coppia (condizione 1) e se essa cambia di molto il clima emozionale in ogni casa e indirettamente in ogni luogo di lavoro (condizione 2).
  • Sulla seconda condizione è facile capire che il clima creato da Albert è molto migliore di quello di Lagavulin e non sfugge a nessuno che mantenere nel tempo il clima iniziale evitando che la propria casa diventi una prigione sarebbe una rivoluzione.
  • Il punto critico è il primo, perché l’unica cosa che hanno in comune tutte le persone è il modo in cui lavora il cervello, mentre per il resto ogni situazione è diversa da ogni altra situazione. Se l’amore mostrato qui c’insegna qualcosa d’importante su come lavora il cervello (mostrandoci che c’è un funzionamento del cervello capace di conciliare quello che fino ad oggi è stato considerato inconciliabile e indicandoci la direzione dove guardare per vederlo), allora un singolo amore può davvero cambiare per sempre la vita sulla terra.

Adam (mentre vediamo incontrarsi due grattacieli, uno piantato nella terra di sopra e uno identico piantato nella terra di sotto): – Ma questa è un’altra storia.


  • C’è la propria storia e quella degli altri, ma non sono così separate come si preferisce pensare sulla terra attuale, se è vero che è l’amare altre persone che porta a casa nostra il piacere di continuare ad amare dopo sposati

Mentre l’inquadratura continua ad allargarsi vediamo che ormai non c’è più alcuna differenza tra il Mondo di Sopra e quello di Sotto.


  • Perché mai dovrebbe esserci qualche differenza se si passa continuamente da Sopra a Sotto (dal funzionamento in stato normale a quello in stato nascente) e viceversa, per prendere il meglio dei due Mondi? Il bello è che questa alternanza non va scoperta, perchè esiste già e si chiama funzionamento in incubazione, per cui tutto quello che serve è di imparare a usarlo coscientemente. Partner permettendo, perché funzionamento in stato nascente significa amore ed è gradito come il fumo negli occhi ad un partner possessivo se l’oggetto di amore non è lei/lui.

Vediamo bambini fare gli stessi giochi sia nel Mondo di sopra che nel Mondo di sotto.


  • Questa scena ci dice che ora la felice convivenza tra dovere e piacere (implicita nel fatto che Sopra e Sotto fanno gli stessi giochi) viene insegnata ai figli, riproducendosi continuamente (fino a ieri si riproduceva l’amore negativo, ma dopo l’affermazione su vasta scala di quello positivo è lui che si riproduce).

Questa incredibile vicinanza (dovuta alle relazioni che sono paritarie nonostante la diversità dei ruoli, perché al ruolo opposto si attribuisce lo stesso valore che al proprio ruolo) non è allora solo tra gli edifici con diversi gravità, ma anche tra le persone con diverso orientamento (normali e innamorati, adulti e giovani).

Tutte le case della città s’incontrano tra loro, ovvero tutte le persone si amano tra di loro.


  • Se fosse vero che il problema era il Mondo di Sopra che sfruttava quello di Sotto, all’aumentata ricchezza di questo doveva corrispondere una altrettanto diminuita ricchezza dell’altro, invece quello di sopra appare qui ancora più ricco di prima, mentre quello di sotto è altrettanto ricco.
  • L’altra spiegazione è che il Mondo si Sotto ha importato dovere da affiancare al piacere, col risultato che ora lavorano e creano ricchezza tanto quanto quelli del Mondo di Sopra.
  • Quanto al Mondo di Sopra prima era ricco ma infelice nel privato, mentre ora è ricco e felice, una differenza che da fuori si vede poco ma da dentro si vede e soprattutto si respira molto.

Benvenuti in un mondo dove stare Sopra o Sotto non cambia nulla e tutti stanno bene sia emozionalmente che economicamente.


  • Star bene emozionalmente è Terra2. Se allo star bene emozionale si affianca anche quello economico, allora è Terra2+, la terra dove l’amore è una relazione positiva e il lavoro è doppiamente positivo.

La conclusione è senza parole, ma le immagini parlano da sole e lasciano lo spettatore senza parole, da quanto appare bello e felice un mondo dove c’è sempre il Mondo di Sopra e il Mondo di Sotto, visto che i palazzi non cadono uno addosso all’altro, ma convivono in perfetta armonia

  • I palazzi non cadono uno addosso all’altro perché i due funzionamenti base (normale e stato nascente) sono due grandi “forze della natura” e “tirano” in direzioni opposte (lo stato nascente verso il cambiamento e quello normale verso la conservazione delle strutture cerebrali esistenti). Ad avvicinare tra loro queste due tendenze opposte ci pensa il funzionamento in incubazione, qui talmente utilizzato che i due Mondi quasi si toccano.

|<= FINE RIASSUNTO e INIZIO APPROFONDIMENTI

|<= Introduzione al film


  1. Gli innamorati e i “normali” vivono in due mondi che hanno regole opposte
  2. Il Mondo di Sopra dei normali e il Mondo di Sotto degli stati nascenti
  3. Il Mondo di Sopra lo conosciamo: è il mondo attuale con amore negativo
  4. Il Mondo di Sotto esisterà quando cercare il piacere sarà ammesso sempre
  5. La Terra2 che è anche ricca oltre che felice in amore si chiama Terra2+

1 – Gli innamorati e i “normali” vivono in due mondi che hanno regole opposte

Come si può vedere dai 14 punti elencati qui sotto (ricavati dal libro “Innamoramento e amore” del sociologo-psicologo-medico Francesco Aberoni) le persone  “in stato nascente” (innamorate) seguono regole comportamentali del tutto opposte a quelle seguite quando sono “in stato normale” (non innamorate). Per questo possiamo dire che vivono in due mondi opposti, dei quali uno lo conosciamo perché è il mondo attuale orientato al dovere. L’altro non lo conosciamo, perché l’orientamento al piacere nel mondo attuale è ammesso solo in via transitoria.

Quando ho cominciato ad occuparmi di cervello non ero interessato a fare il medico o lo psicologo, ma a capire perché una persona innamorata si comporta tanto diversamente da una che innamorata non è. Per trovare la risposta mi sono serviti 20 anni di studi, ma oggi il mio modello del cervello fornisce una risposta semplice ed efficace a questa domanda: nel funzionamento normale dell’unità funzionale di uscita (quella che determina il comportamento) la corteccia di alto livello (la corteccia associativa d’uscita nella figura qui sotto) comanda sulle cortecce di basso livello (corteccia premotoria e corteccia motoria). Il comando si inverte nel funzionamento in stato nascente,  una fase transitoria che ha la funzione di mettere in uso una nuova struttura sulla corteccia associativa, durante la quale la corteccia di basso livello (la corteccia motoria) comanda sulla corteccia di alto livello (corteccia associativa). Come esempio pensiamo ad una elezione politica, una fase di stato nascente durante la quale il popolo determina la nuova classe dirigente dalla quale, a elezione finita e a condizioni normali ripristinate, si farà comandare.

(La Figura qui sopra è stata utilizzata nella discussione “Gelosia giusta o eccessiva?“, alla quale si rimanda per capire il contrasto tra il funzionamento normale orientato al non cambiamento e per questo necessariamente orientato al dovere e il funzionamento in stato nascente orientato al cambiamento e per questo necessariamente orientato al piacere).

2 – Il Mondo di Sopra dei normali e il Mondo di Sotto degli stati nascenti

Il Mondo di Sopra di questo film è il mondo delle persone che, essendo in stato normale, seguono determinate regole di comportamento (hanno un dato tipo di forza di gravità, caratterizzata dall’orientamento al dovere). Il Mondo di Sotto è invece il mondo delle persone che, essendo in stato nascente, seguono regole di comportamento del tutto opposte (hanno una forza di gravità che spinge in senso opposto, essendo queste persone orientate al piacere).

3 – Il Mondo di Sopra lo conosciamo: è il mondo attuale con amore negativo

Il Mondo di Sopra lo conosciamo perché è il mondo attuale con amore negativo. L’orientamento al piacere è ammesso per brevi periodi di tempi, essendo necessario nel momento in cui si forma un nuovo gruppo, poi si torna al dovere e il piacere diventa proibito. A causa di tale rinuncia al piacere, questo mondo è ricco ma non felice.

4 – Il Mondo di Sotto esisterà quando cercare il piacere sarà ammesso sempre

Il Mondo di Sotto non lo conosciamo, perché non è mai stata trovata la strada per rendere il piacere in amore una condizione permanente anziché transitoria, senza far danni alla coppia ma anzi rafforzandola.

Mettere d’accordo il dovere col piacere è possibile, ma come usare al meglio il polline rosa è ancora da capire prima e da accettare dopo.

Individuata la strada giusta per affiancare il piacere al dovere, il Mondo di Sotto sarà altrettanto ricco del Mondo di Sopra, ma a differenza di questo sarà anche felice. Questo Mondo orientato al piacere ma capace di convivere con l’orientamento al dovere è esattamente ciò che io chiamo Terra2.

5 – La Terra2 che è anche ricca oltre che felice in amore si chiama Terra2+

La Terra2 che è anche ricca oltre che felice in amore si chiama Terra2+. In questo film essa viene ipotizzata come possibile, ma non viene detto cosa la caratterizza. Come racconto nella pagina di presentazione di Terra2+, il suo segreto dovrebbe essere il lavoro doppiamente positivo (lavoro++). Per saperne di più vai alla pagina Terra2+ (T++).


|<= Trama ufficiale del film UPSIDE DOWN


(Tratta da Wikipedia, modificato) La storia si apre con la voce narrante di Adam, il protagonista, che descrive il suo mondo, reso unico dalla doppia gravità. Tale peculiarità è dovuta all’esistenza di due “Mondi”, due pianeti tanto vicini da essere collegati tra loro da un grattacielo.

In questo mondo esistono tre fondamentali regole delle gravità: 1) Tutta la materia è attratta dal centro di gravità del pianeta da cui proviene, anche quando si trova sull’altro pianeta (per cui qui si viene attratti verso il cielo e si rischia sempre di volare via). 2) In virtù della prima regola, il peso di un oggetto può essere controbilanciato con la materia del mondo opposto (“materia inversa”). 3) Dopo un variabile, ma solitamente breve, lasso di tempo, la materia a contatto con quella inversa dà origine alla combustione.

Il Mondo di Sopra è un pianeta ricco e prospero, che vende al Mondo di Sotto, estremamente povero, la propria elettricità in cambio di petrolio. Passare da un mondo all’altro è severamente vietato e l’unico, quanto lecito, punto di contatto – ma non di transizione – è la società “TransWorld”, creata e controllata dal Mondo di Sopra.

Adam vive in un orfanotrofio del Mondo di Sotto, l’unica parente ancora in vita è sua zia Becky. Ella svela ad Adam come un membro della loro famiglia scoprì che la polvere di alcune api, quelle della montagna su cui lei vive, proviene dai fiori di entrambi i mondi, e mostra singolari proprietà. Incuriosito, Adam si avventura, durante una delle sue visite, sulla montagna molto vicina al Mondo di Sopra, per raggiungerne la cima. Lì incontra una ragazzina di nome Eden [Adamo non cerca Eva ma cerca il Paradiso, l’Eden perduto]. I due si incontrano ancora e passano dall’amicizia normale all’amicizia con amore, incontrandosi periodicamente sulla solita cima ed usando una corda per passare da un mondo all’altro. Tale passaggio clandestino viene notato e combattutto a colpi di fucile. Eden cade bruscamente nel suo mondo prima che Adam, colpito da un proiettile, riesca a calarla del tutto con la corda. La casa della zia Becky viene bruciata e lei portata via nella notte, non facendo più ritorno.

La storia prosegue dieci anni dopo, Adam è cresciuto e lavora come ricercatore, portando avanti studi inerenti la polvere delle api rosa che sua zia gli aveva fatto conoscere. Gli studi procedono a rilento a causa della povertà delle attrezzature disponibili nel Mondo di Sotto. Un giorno Adam nota Eden in televisione, scoprendo che è viva e che lavora alla TransWorld. Per trovarla, Adam cerca di divenire membro della grande società, la quale si mostra interessata alla sua ricerca (sulle applicazioni del miele rosa, ingrediente che Adam tenuto) e lo assume finanziandolo adeguatamente. Le relazioni con le persone del Mondo di Sopra sono difficili e severamente vietate alla TransWorld, ma sul posto di lavoro Adam incontra Bob, un lavoratore del Mondo di Sopra, che lo aiuterà a contattare Eden.

Con quali risultati, lasciamo che sia il film a dirlo.


|<=

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *